A volte, anche i bambini di 3 anni vogliono solo adattarsi al gruppo

FATHER AND CHILDREN Painting by LAUTIR ----- |

Cosa spinge i bambini in età prescolare a mangiare le loro verdure? Alzare la mano? Aspettare il loro turno? “Perché lo dico io” è un ritornello comune per molti genitori. Ma quando si tratta di convincere i bambini a comportarsi bene, recenti ricerche suggeriscono che la voce dell’autorità degli adulti non è l’unica cosa che conta. Intorno ai tre anni, anche l’inserimento nel gruppo inizia a contare molto.
Questa è la scoperta di un nuovo studio condotto da ricercatori della Duke University che mostra che, entro il loro terzo compleanno, i bambini hanno maggiori probabilità di seguire ciò che gli altri dicono o fanno per seguire la folla, piuttosto che agire per il desiderio di inchinarsi a autorità o prestare attenzione alle preferenze di quella persona di per sé. Ogni cultura ha le sue cose da fare e da non fare. Non nasciamo sapendo cosa dire quando qualcuno starnutisce, il momento giusto e quello sbagliato per indossare un cappello, o che dovremmo mangiare con la forchetta e non con le mani. 
Ma la maggior parte di noi inizia a cogliere queste regole sociali non scritte quando è molto giovane e capisce rapidamente quando e come seguirle. La domanda è cosa fa “comportare” i bambini piccoli in un certo modo? Cosa spinge un bambino di 3 anni a usare la sua voce tranquilla quando preferisce cantare e urlare? Cosa succede davvero quando una persona tossisce e un bambino in età prescolare segue l’esempio, contro la sua stessa inclinazione? Forse i bambini di questa età non stanno davvero cercando di conformarsi al modo accettato di fare le cose, alcuni hanno suggerito, quanto stanno cercando di mostrare rispetto per gli adulti facendo quello che dicono. Oppure il comportamento da imitatore del bambino potrebbe essere radicato nel desiderio di sentirsi legato a quella persona.
Per capire meglio cosa motiva i bambini in età prescolare ad allinearsi ad alcuni comportamenti, i ricercatori hanno condotto uno studio nel laboratorio della Duke, dove hanno invitato bambini di 3,5 anni ad aiutare a organizzare un finto tea party. A ciascuno dei 104 bambini è stato dato un adesivo blu da indossare all’inizio dello studio ed è stato detto loro che le persone con quell’adesivo colorato facevano parte della stessa squadra. Successivamente i ricercatori hanno visto i bambini decidere tra diversi tipi di tè, snack, tazze e piatti per il tea party, prima da soli e poi dopo aver ascoltato le scelte degli altri membri del team.
A volte l’altro membro del team ha inquadrato la sua scelta come una questione di preferenza personale. (“Per il mio tea party di oggi, mi viene voglia di usare questo snack.”) Altre volte lo hanno presentato come una norma condivisa da tutto il gruppo: (“Per i tea party al Duke, usiamo sempre questo tipo di snack.”) Dopo aver ascoltato le scelte degli altri, il più delle volte i bambini si sono attaccati alla loro prima scelta. In altre parole, i bambini che inizialmente dicevano di aver voglia di usare, diciamo, la ciambella alla fine finivano per raccogliere la ciambella, indipendentemente da ciò che l’altra persona diceva di usare. Ma il 23% delle volte i bambini hanno cambiato la loro scelta per accontentarsi di qualcun altro. E quando lo facevano, erano più propensi ad andare d’accordo con l’altra persona quando un’opzione veniva presentata come una norma di gruppo piuttosto che una mera preferenza personale. Il modello ha resistito anche quando l’altra persona era un altro bambino, non un adulto, suggerendo che i bambini in età prescolare non stavano semplicemente agendo per il desiderio di imitare gli adulti o obbedire all’autorità.
Questi risultati supportano un’idea su come i bambini sviluppano la capacità di ragionamento morale che distingue gli umani dagli altri animali. Quando un adulto dice a un neonato o a un bambino piccolo, “non picchiare”, il bambino generalmente fa come gli viene detto per deferenza verso quella persona. Ma alla fine, intorno al terzo compleanno, i bambini iniziano a pensare in modo diverso. Cominciano a capire segnali come “non colpiamo” come qualcosa di più grande, proveniente dal gruppo, e agiscono per un senso di connessione e identità condivisa.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Young children conform more to norms than to preferences” by Leon Li, Bari Britvan, Michael Tomasello. PLOS One

Immagine: Fhater and children (Lautir)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.