Bassi livelli di Omega-3 associati a un rischio maggiore di psicosi

Psychosis Painting by Gerald Fantozzi |

Una nuova ricerca ha scoperto che gli adolescenti con livelli più elevati di un acido grasso omega-3 nel sangue avevano meno probabilità di sviluppare disturbi psicotici nella prima età adulta, suggerendo che potrebbe avere un potenziale effetto preventivo di riduzione del rischio di psicosi. Lo studio, condotto da ricercatori della RCSI University of Medicine and Health Sciences, è pubblicato su  Translational Psychiatry.
Oltre 3.800 individui nello studio sulla salute “Children of the 90s” di Bristol sono stati valutati per disturbo psicotico, disturbo depressivo e disturbo d’ansia generalizzato all’età di 17 e 24 anni. Durante queste valutazioni, sono stati raccolti campioni di sangue e i ricercatori hanno misurato i livelli di acidi grassi omega-6, che generalmente aumentano l’infiammazione nel corpo, e acidi grassi omega-3, che generalmente riducono l’infiammazione.
Mentre c’erano poche prove che gli acidi grassi fossero associati a disturbi mentali all’età di 17 anni, i ricercatori hanno scoperto che i 24enni con disturbo psicotico, disturbo depressivo e disturbo d’ansia generalizzato avevano livelli più alti di omega-6 rispetto agli acidi grassi omega-3 rispetto a chi non ha questi disturbi. I ricercatori hanno anche scoperto che i 24enni con disturbo psicotico avevano livelli più bassi di DHA, un acido grasso omega-3 che si trova tipicamente nel pesce azzurro o negli integratori alimentari, rispetto ai 24enni senza disturbo psicotico. In un gruppo di oltre 2.700 individui che sono stati monitorati nel tempo, gli adolescenti con livelli più elevati di DHA all’età di 17 anni avevano il 56% in meno di probabilità di sviluppare disturbi psicotici sette anni dopo all’età di 24 anni.
Ciò suggerisce che il DHA nell’adolescenza può avere un potenziale effetto preventivo di ridurre il rischio di psicosi nella prima età adulta. Questi risultati sono rimasti coerenti se si tiene conto di altri fattori come il sesso, l’indice di massa corporea, il fumo di tabacco e lo stato socio-economico. Lo studio deve essere replicato, ma se i risultati sono coerenti, questi risultati suggerirebbero che un maggiore apporto alimentare di acidi grassi omega-3 tra gli adolescenti, ad esempio attraverso il pesce azzurro come lo sgombro, potrebbe impedire ad alcune persone di sviluppare psicosi nei loro primi venti anni di vita. I risultati potrebbero anche sollevare interrogativi sulla relazione tra lo sviluppo di disturbi di salute mentale e gli acidi grassi omega-6, che si trovano tipicamente negli oli vegetali. Il programma ICAT è supportato dal Wellcome Trust e dall’Health Research Board, dall’Health Service Executive National Doctors Training and Planning e dalla Health and Social Care, Research and Development Division, Irlanda del Nord. Bisogna fare ulteriori ricerche per conoscere i meccanismi alla base di questo effetto, ma potrebbe essere correlato alla riduzione dell’infiammazione o alla diminuzione della eliminazione inappropriata delle connessioni cerebrali durante l’adolescenza.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Plasma polyunsaturated fatty acids and mental disorders in adolescence and early adulthood: cross-sectional and longitudinal associations in a general population cohort” by David Mongan et al. Translational Psychiatry

Immagine: Psychosis (Gerald Fantozzi)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. diamanta ha detto:

    Siamo costruiti da ciò che mangiamo, e in questo periodo, con questa società ,mangiamo malissimo.
    La maggior parte delle persone non vede il collegamento diretto tra materia e materia impalpabile

    Piace a 1 persona

    1. È verissimo quello che scrivi!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.