Chi è più suscettibile a credere alle falsità?

fake news Painting by Peter Wall |

I ricercatori hanno scoperto che i liberali e i conservatori negli Stati Uniti tendevano entrambi a credere alle affermazioni che promuovevano le loro opinioni politiche, ma che questo portava più spesso i conservatori ad accettare le falsità rifiutando le verità. Uno dei principali fattori che guidavano i risultati sembrava essere l’ambiente dei media e dell’informazione americani. Sia i liberali che i conservatori tendono a commettere errori che sono influenzati da ciò che è bene per la loro parte. Ma il risultato è contro i conservatori perché spesso c’è molta più disinformazione che supporta le posizioni conservatrici. Di conseguenza, i conservatori sono più spesso fuorviati.
Lo studio, appena pubblicato sulla rivista  Science Advances, ha coinvolto 1.204 adulti americani che hanno partecipato online tra gennaio e giugno 2019. Ogni due settimane, i ricercatori hanno identificato notizie politiche virali, 10 vere e 10 false, che hanno ricevuto un elevato coinvolgimento sui social media. I ricercatori hanno quindi chiesto ai partecipanti di valutare una serie di 20 affermazioni basate su queste storie. I partecipanti hanno etichettato ciascuna come vera o falsa e hanno indicato quanto fossero sicuri della propria etichetta. Alla fine, i partecipanti hanno valutato ben 240 dichiarazioni su un’ampia gamma di argomenti e che rappresentavano molti punti di vista diversi. Un gruppo separato di persone, reclutate online, è stato intervistato per determinare se le affermazioni, se vere, sarebbero state migliori per i liberali o per i conservatori, o se fossero neutrali.
Nel complesso, sia i liberali che i conservatori avevano maggiori probabilità di credere alle storie che favorivano la loro parte, che fossero vere o meno. Ad esempio, i partecipanti hanno valutato questa affermazione vera che ha ricevuto un ampio coinvolgimento sui social media quando è uscita: “Gli investigatori per l’ufficio DHS dell’ispettore generale hanno identificato condizioni precarie in diverse strutture per migranti del Texas, tra cui sovraffollamento estremo e gravi rischi per la salute”. I risultati hanno mostrato che il 54% dei democratici ha affermato correttamente che l’affermazione era “decisamente vera” – rispetto a solo il 18% dei repubblicani. Un’altra affermazione – falsa – era “Mentre prestava servizio come Segretario di Stato, Hillary Clinton è stata collusa con la Russia, vendendo il 20% della fornitura di uranio statunitense a quel paese in cambio di donazioni alla Fondazione Clinton. Qui, solo il 2% dei democratici ha affermato che questo era “decisamente vero”, ma il 41% dei repubblicani lo ha fatto. Queste sono importanti affermazioni fattuali, ma ci sono vaste differenze di parte nella fede. Uno dei principali problemi individuati nello studio era che queste verità e falsità ampiamente condivise hanno implicazioni diverse per liberali e conservatori. Due terzi (65%) delle affermazioni vere ad alto coinvolgimento sono state caratterizzate come vantaggiose per i liberali, mentre solo il 10% delle affermazioni accurate è stato considerato vantaggioso per i conservatori. D’altro canto, il 46% delle falsità è stato valutato vantaggioso per i conservatori, rispetto al 23% delle affermazioni false a vantaggio dei liberali.
Hanno visto che le falsità politiche virali tendevano a avvantaggiare i conservatori, mentre le verità tendevano a favorire i liberali. Ciò rende molto più difficile per i conservatori evitare percezioni errate. Sebbene l’ambiente dell’informazione fosse la ragione principale per cui i conservatori erano suscettibili alla disinformazione, potrebbe non essere l’unico. I risultati hanno mostrato che anche quando si prendeva in considerazione l’ambiente dell’informazione, i conservatori avevano una probabilità leggermente maggiore di avere percezioni errate rispetto ai liberali. È difficile dire perché sia ​​così. 
Non si può spiegare la scoperta solo con questi dati. I risultati hanno mostrato ulteriori distinzioni tra il modo in cui conservatori e liberali si sono avvicinati alle rivendicazioni politiche nelle storie virali che hanno valutato. I liberali hanno mostrato una maggiore sensibilità complessiva, che caratterizza la capacità di un individuo di distinguere verità e falsità. Conservatori e liberali erano ugualmente bravi a rilevare verità e falsità quando la maggior parte delle storie vere erano etichettate come politicamente neutrali. Ma se più delle storie effettivamente accurate sono state etichettate come politiche – a vantaggio di posizioni liberali o conservatrici – i liberali sono diventati più bravi dei conservatori a distinguere le affermazioni vere da quelle false.
I conservatori non sono peggiorati, ma non hanno tenuto il passo con i liberali che stavano migliorando nel discernere verità e falsità. I conservatori hanno anche mostrato un “bias sulla verità” più forte, il che significa che erano più propensi a dire che tutte le affermazioni su cui erano state poste erano vere. Questo è un problema perché alcune delle affermazioni erano stravaganti: non avrebbero dovuto esserci ambiguità sul fatto che fossero vere o meno. Un punto di forza di questo studio, rispetto a molti precedenti, è che ha analizzato un’ampia gamma di rivendicazioni politiche, che riflettono la diversità dell’ambiente dei media a cui sono esposti gli americani. Conferma chiaramente il punto sollevato da molti commentatori dei media secondo cui i conservatori sono inondati di false dichiarazioni che supportano ciò in cui vogliono credere. Mostra che l’ambiente dei media sta plasmando la capacità delle persone di svolgere questo compito molto basilare e fondamentale. La democrazia dipende dalla capacità delle persone di distinguere tra ciò che è vero e falso e vacilla quando le persone hanno difficoltà a concordare su ciò che è reale.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Conservatives’ susceptibility to political misperceptions” by Kelly Garrett et al. Science Advances

Immagine: fake news (Peter Wall)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Ricordo male o è stato pubblicato di recente un altro articolo su questo argomento?

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.