Sintomi neurologici come l’affaticamento comune nel COVID lieve

Fatigue. Allegory. Painting by Igor Shulman |

I sintomi neurologici e psichiatrici come l’affaticamento e la depressione sono comuni tra le persone con Covid-19 e possono essere altrettanto probabili nelle persone con casi lievi, secondo un nuovo studio di revisione condotto da ricercatori dell’UCL. Esaminando le prove di 215 studi su Covid-19, la meta-analisi pubblicata sul  Journal of Neurology, Neurosurgery and Psychiatry  riporta un’ampia gamma di modi in cui il Covid-19 può influenzare la salute mentale e il cervello. I ricercatori si aspettavano che i sintomi neurologici e psichiatrici sarebbero stati più comuni nei casi gravi di Covid-19, ma invece hanno scoperto che alcuni sintomi sembravano essere più comuni nei casi lievi. Sembra che il Covid-19 che colpisce la salute mentale e il cervello sia la norma, piuttosto che l’eccezione.
Il team di ricerca ha esaminato sistematicamente le prove di 215 studi su Covid-19 provenienti da 30 paesi, che hanno coinvolto un totale di 105.638 persone con sintomi acuti di Covid-19, compresi i dati fino a luglio 2020 (l’acuto si riferisce allo stadio principale della malattia, piuttosto che più lungo- effetti a termine). Gli studi variavano su quali sintomi stavano monitorando e il team di ricerca ha riunito i dati per confrontare la frequenza di ciascun sintomo tra gli studi che lo hanno monitorato. Nell’intero set di dati, i sintomi neurologici e psichiatrici più comuni sono stati: anosmia (perdita dell’olfatto; riportata dal 43% dei pazienti con Covid-19), debolezza (40%), affaticamento (38%), disgeusia (perdita del gusto; 37%), mialgia (dolore muscolare; 25%), depressione (23%), cefalea (21%) e ansia (16%). Hanno anche identificato la presenza di importanti disturbi neurologici come ictus ischemico (1,9% dei casi nel set di dati), ictus emorragico (0,4%) e convulsioni (0,06%). 
I pazienti con Covid-19 grave erano sovrarappresentati nel set di dati nel suo insieme, poiché la maggior parte degli studi si concentrava su pazienti ospedalizzati e anche gli studi su persone al di fuori dell’ospedale includevano poche persone con sintomi molto lievi o assenti. Ma tra le persone con Covid-19 acuto sintomatico che non sono state ricoverate in ospedale, i sintomi neurologici e psichiatrici erano ancora comuni: il 55% ha riferito di affaticamento, il 52% di perdita dell’olfatto, il 47% di dolori muscolari, il 45% di perdita del gusto e il 44% di mal di testa. I ricercatori affermano che è ancora possibile che tali sintomi siano altrettanto comuni nei casi gravi, poiché i sintomi lievi potrebbero non essere segnalati da un paziente in terapia intensiva. Sebbene questa recensione non abbia indagato sui meccanismi causali, i ricercatori suggeriscono alcune possibili spiegazioni.
Nella fase acuta della malattia, è stata riscontrata un’infiammazione nel cervello, che potrebbe spiegare alcuni dei sintomi. I fattori psicosociali relativi al contesto della pandemia globale possono svolgere un ruolo, poiché le persone gravemente malate possono sentirsi isolate quando non possono vedere la propria famiglia o i propri amici, il che potrebbe spiegare perché in alcuni studi sul Covid-19 sono state riscontrate depressione e ansia per essere più comune che in altre malattie virali come l’influenza. Molti fattori potrebbero contribuire ai sintomi neurologici e psichiatrici nelle prime fasi dell’infezione da Covid-19, tra cui infiammazione, alterata erogazione di ossigeno al cervello e fattori psicologici. Sono necessari ulteriori studi per comprendere meglio questi collegamenti. I sintomi neurologici e psichiatrici sono molto comuni nelle persone con Covid-19. Con milioni di persone infette a livello globale, anche i sintomi più rari potrebbero interessare sostanzialmente più persone rispetto ai tempi normali. I servizi di salute mentale e i servizi di riabilitazione neurologica dovrebbero essere finanziati per un aumento dei rinvii. I ricercatori hanno scoperto che la maggior parte degli studi ha esaminato un piccolo sottoinsieme di sintomi neurologici, come affaticamento o dolori muscolari, trascurando spesso i sintomi di malattie mentali come depressione, ansia e disturbo post-traumatico da stress (PTSD), nonché ictus. e convulsioni, quindi affermano che sono necessari ulteriori studi sull’intera gamma di sintomi legati a Covid-19.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Neurology and neuropsychiatry of COVID-19: a systematic review and meta-analysis of the early literature reveals frequent CNS manifestations and key emerging narratives” by Jonathan Rogers et al. Journal of Neurology, Neurosurgery and Psychiatry

Immagine: Fatigue. Allegory. (Igor Shulman)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.