La carenza di vitamina D può aumentare il rischio di dipendenza da oppiacei e raggi ultravioletti

BEACH TIME - SUN TANNING Painting by Nicola di Pinto |

La carenza di vitamina D esagera fortemente il desiderio e gli effetti degli oppioidi, aumentando potenzialmente il rischio di dipendenza e dipendenza, secondo un nuovo studio condotto da ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH). Questi risultati, pubblicati su  Science Advances, suggeriscono che affrontare il problema comune della carenza di vitamina D con integratori economici potrebbe svolgere un ruolo nella lotta alla piaga in corso della dipendenza da oppiacei. Il lavoro precedente dei ricercatori del Programma Melanoma del Mass General Cancer Center e direttore del Cutaneous Biology Research Center (CBRC) di MGH, ha posto le basi per lo studio attuale. Nel 2007, i ricercatori hanno scoperto qualcosa di inaspettato: l’esposizione ai raggi ultravioletti (UV) (in particolare la forma chiamata UVB), fa sì che la pelle produca l’ormone endorfina, che è chimicamente correlato alla morfina, all’eroina e ad altri oppioidi, infatti, attivano tutti gli stessi recettori nel cervello. Uno studio successivo ha scoperto che l’esposizione ai raggi UV aumenta i livelli di endorfine nei topi, che quindi mostrano un comportamento coerente con la dipendenza da oppiacei. L’endorfina è talvolta chiamata ormone del “benessere” perché induce un senso di lieve euforia. 
Gli studi hanno suggerito che alcune persone sviluppano il desiderio di prendere il sole e visitare saloni di abbronzatura che rispecchiano i comportamenti dei tossicodipendenti da oppiacei. I ricercatori hanno ipotizzato che le persone possano cercare UVB perché inconsapevolmente bramano la corsa alle endorfine. Ma questo suggerisce una grande contraddizione. Perché dovremmo evolverci per essere attratti dal comportamento verso il cancerogeno più comune che esiste? Dopotutto, l’esposizione al sole è la causa principale del cancro della pelle, per non parlare delle rughe e di altri danni alla pelle. L’unica spiegazione del motivo per cui gli esseri umani e altri animali cercano il sole è che l’esposizione ai raggi UV è necessaria per la produzione di vitamina D, che i nostri corpi non possono formulare da soli. La vitamina D favorisce l’assorbimento del calcio, essenziale per la costruzione delle ossa.
Mentre le tribù di umani migravano verso nord durante la preistoria, potrebbe essere stata necessaria un’alterazione evolutiva per costringerli a uscire dalle caverne e prendere il sole nei giorni molto freddi. Altrimenti, i bambini piccoli sarebbero morti di carenza prolungata di vitamina D (la causa del rachitismo) e le ossa deboli potrebbero essersi frantumate quando le persone scappavano dai predatori, lasciandole vulnerabili. Questa teoria ha portato i ricercatori a ipotizzare che la ricerca del sole sia guidata dalla carenza di vitamina D, con l’obiettivo di aumentare la sintesi dell’ormone per la sopravvivenza, e che la carenza di vitamina D potrebbe anche rendere il corpo più sensibile agli effetti degli oppioidi, contribuendo potenzialmente alla dipendenza. L’obiettivo in questo studio era comprendere la relazione tra la segnalazione della vitamina D nel corpo e i comportamenti di ricerca di UV e oppioidi.
In un braccio dello studio, hanno confrontato normali topi di laboratorio con topi che erano carenti di vitamina D (attraverso l’allevamento speciale o rimuovendo la vitamina D dalla loro dieta). Hanno scoperto che la modulazione dei livelli di vitamina D modifica molteplici comportamenti di dipendenza sia dai raggi UV che dagli oppioidi. È importante sottolineare che quando i topi sono stati condizionati con dosi modeste di morfina, quelli carenti di vitamina D hanno continuato a cercare il farmaco, comportamento meno comune tra i topi normali. Quando la morfina è stata ritirata, i topi con bassi livelli di vitamina D avevano molte più probabilità di sviluppare sintomi di astinenza. Lo studio ha anche scoperto che la morfina ha funzionato in modo più efficace come antidolorifico nei topi con carenza di vitamina D, ovvero l’oppioide ha avuto una risposta esagerata in questi topi, il che potrebbe essere preoccupante se fosse vero anche negli esseri umani.
Dopotutto, considera un paziente chirurgico che riceve morfina per il controllo del dolore dopo l’operazione. Se quel paziente è carente di vitamina D, gli effetti euforici della morfina potrebbero essere esagerati, e quella persona ha maggiori probabilità di diventare dipendente. I dati di laboratorio che suggeriscono che la carenza di vitamina D aumenta il comportamento di dipendenza sono stati supportati da diverse analisi di accompagnamento delle cartelle cliniche umane. Uno ha mostrato che i pazienti con livelli di vitamina D modestamente bassi avevano il 50% di probabilità in più rispetto ad altri con livelli normali di usare oppioidi, mentre i pazienti con grave carenza di vitamina D avevano il 90% di probabilità in più. Un’altra analisi ha rilevato che i pazienti con diagnosi di disturbo da uso di oppiacei (OUD) avevano maggiori probabilità di altri di essere carenti di vitamina D. Quando hanno corretto i livelli di vitamina D nei topi carenti, le loro risposte agli oppioidi si sono invertite e sono tornate alla normalità. Negli esseri umani, la carenza di vitamina D è diffusa, ma può essere trattata facilmente e in modo sicuro con integratori alimentari a basso costo. Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche, il trattamento della carenza di vitamina D può offrire un nuovo modo per ridurre il rischio di OUD e rafforzare i trattamenti esistenti per il disturbo.

Daniele Corbo

Bibliografia: The findings will appear in Science Advances

Immagine: BEACH TIME – SUN TANNING (Nicola di Pinto)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Por Yla ha detto:

    Muito bom artigo

    "Mi piace"

    1. Obrigado, você é muito gentil

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.