Gli uomini che percepiscono il loro matrimonio come un fallimento sono ad alto rischio di morte prematura

Just married Painting by Nicole Carretier |

L’insoddisfazione per la vita coniugale aumenta il rischio di morire per un incidente cerebrovascolare. Un nuovo studio dell’Università di Tel Aviv rivela che percepire il matrimonio come un fallimento è un predittore significativo di morte per CVA e morte prematura tra gli uomini, non meno di fattori di rischio ben noti come il fumo e la mancanza di attività fisica.
Lo studio si basava su ampi dati sanitari provenienti da oltre 30 anni di ricerca che hanno monitorato la morte di 10.000 uomini israeliani. Lo studio è stato condotto da ricercatori della School of Public Health della Sackler Faculty of Medicine, Tel Aviv University. L’articolo è stato pubblicato sul Journal of Clinical Medicine. Nell’ambito dello studio, i ricercatori hanno condotto analisi statistiche di un database che ha iniziato a raccogliere dati negli anni ’60 e, per 32 anni, ha monitorato la salute e il comportamento di 10.000 uomini, tutti dipendenti statali israeliani, con particolare attenzione alla morte per ictus e morte prematura in generale. All’inizio dello studio, la maggior parte dei partecipanti aveva 40 anni. Da allora, il 64% è morto per una serie di malattie.
Volevano analizzare i dati raccolti longitudinalmente utilizzando vari parametri per identificare i fattori di rischio comportamentali e psicosociali che possono predire la morte per CVA e la morte prematura per qualsiasi motivo. I ricercatori affermano che, all’inizio dello studio lungo 32 anni, ai partecipanti allo studio longitudinale è stato chiesto di classificare il loro livello di soddisfazione del matrimonio su una scala da 1 (il matrimonio ha molto successo) a 4 (il matrimonio non ha successo). Con sorpresa dei ricercatori, l’analisi ha mostrato che questa scala era un fattore predittivo nei confronti dell’aspettativa di vita, molto simile al fumo e alla mancanza di attività fisica. Ad esempio, il numero di deceduti per ictus è stato del 69 percento più alto tra coloro che hanno classificato la loro soddisfazione matrimoniale a 4 (cioè il matrimonio non ha successo) rispetto a coloro che hanno valutato la loro soddisfazione matrimoniale molto alta – 40,6 morti tra i molto insoddisfatti contro 24,0 tra molto soddisfatto. Quando si trattava di morte per qualsiasi causa, il divario era del 19% a favore del felicemente sposato. I dati mostrano che mentre tra gli infelici sposati ci sono stati 295,3 morti per qualsiasi motivo, tra i molto felicemente sposati solo 248,5. I ricercatori osservano che le lacune erano ancora maggiori tra gli uomini relativamente giovani (sotto i 50 anni) all’inizio dello studio. Inoltre, i ricercatori hanno condotto un’analisi statistica di tutti i fattori di rischio noti che contribuiscono alla morte per malattie cardiovascolari, come diabete, ipertensione, BMI eccessivo e stato socioeconomico. Anche qui i dati sono stati molto sorprendenti. Si scopre che il rischio relativo di morte per qualsiasi motivo tra le persone infelicemente sposate rispetto a quelle felicemente sposate era di 1,21 più alto tra le persone insoddisfatte del proprio matrimonio. Questo tasso è simile ai dati in letteratura riguardanti i fumatori e coloro che conducono una vita sedentaria.
Questo studio mostra che la qualità del matrimonio e della vita familiare ha implicazioni sulla salute per l’aspettativa di vita. Gli uomini che hanno riferito di aver percepito il loro matrimonio come un fallimento sono morti più giovani di quelli che hanno vissuto il loro matrimonio come un grande successo. In altre parole, il livello di soddisfazione per il matrimonio è emerso come un fattore predittivo dell’aspettativa di vita ad un tasso paragonabile al fumo (fumatori contro non fumatori) e all’attività fisica (attività contro inattività). Inoltre, è importante notare che hanno osservato un rischio più elevato tra gli uomini relativamente giovani, sotto i 50 anni. Ad un’età più alta, il divario è minore, forse a causa dei processi di adattamento che i partner di vita attraversano nel tempo. Questi risultati erano coerenti con altri studi che hanno dimostrato l’efficacia dei programmi educativi che promuovono le buone relazioni di vita come parte di una strategia nazionale per promuovere la salute e il benessere per il pubblico in generale.

Daniele Corbo

Bibliografia:“Dissatisfaction with Married Life in Men Is Related to Increased Stroke and All-Cause Mortality” by Shahar Lev-Ari et al. Journal of Clinical Medicine

Immagine: Just married (Nicole Carretier)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Per ora sono stati studiati solo gli uomini in merito a questo argomento?

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.