I luoghi di lavoro tossici aumentano il rischio di depressione del 300%

men at work Painting by Wilma van Rooijen

Uno studio di un anno sulla popolazione australiana ha scoperto che i lavoratori a tempo pieno impiegati da organizzazioni che non danno priorità alla salute mentale dei propri dipendenti hanno un rischio tre volte maggiore di essere diagnosticati con la depressione. E mentre lavorare per lunghe ore è un fattore di rischio per morire di malattie cardiovascolari o avere un ictus, le pratiche di gestione inadeguate rappresentano un rischio maggiore per la depressione, hanno scoperto i ricercatori. Lo studio dell’Università del South Australia, appena pubblicato sul  British Medical Journal, è condotto dall’Osservatorio sul clima per la sicurezza psicosociale di UniSA, la prima piattaforma di ricerca al mondo che esplora la salute e la sicurezza psicologica sul posto di lavoro.
Clima di sicurezza psicosociale (PSC) è il termine usato per descrivere le pratiche di gestione ei sistemi di comunicazione e partecipazione che tutelano la salute mentale e la sicurezza dei lavoratori. La cattiva salute mentale sul posto di lavoro può essere ricondotta a pratiche, priorità e valori di gestione inadeguati, che poi si traducono in elevate richieste di lavoro e risorse limitate. Le prove mostrano che le aziende che non riescono a premiare o riconoscere i loro dipendenti per il duro lavoro, impongono richieste irragionevoli ai lavoratori e non danno loro autonomia, stanno esponendo il loro personale a un rischio molto maggiore di depressione.
Lo studio ha scoperto che mentre i lavoratori entusiasti e impegnati sono apprezzati, lavorare a lungo può portare alla depressione. Gli uomini hanno anche maggiori probabilità di diventare depressi se il loro posto di lavoro presta scarsa attenzione alla loro salute psicologica. A causa del peso globale della depressione, che colpisce circa 300 milioni di persone in tutto il mondo e non mostra segni di cedimento nonostante le cure disponibili, viene ora prestata maggiore attenzione agli ambienti di lavoro mal funzionanti che potrebbero contribuire al problema. Alti livelli di burnout e bullismo sul posto di lavoro sono anche collegati all’incapacità delle aziende di supportare la salute mentale dei lavoratori.
Un secondo articolo pubblicato sull’European  Journal of Work and Organizational Psychology  all’inizio di questo mese, ha scoperto che il PSC basso era un importante predittore di bullismo ed esaurimento emotivo. La mancanza di consultazione con i dipendenti e i sindacati sulle questioni di salute e sicurezza sul lavoro e lo scarso supporto per la prevenzione dello stress sono legati al basso PSC nelle aziende. Hanno anche scoperto che il bullismo in un’unità di lavoro può influenzare negativamente non solo la vittima, ma anche l’autore e i membri del team che assistono a tale comportamento. Non è raro che tutti nella stessa unità sperimentino il burnout come risultato.
In questo studio hanno studiato il bullismo in un contesto di gruppo e perché si verifica. A volte lo stress è un fattore scatenante per il bullismo e nei casi peggiori può impostare un livello di comportamento “accettabile” per gli altri membri della squadra. Ma soprattutto il bullismo può essere previsto dall’impegno di un’azienda per la salute mentale, quindi può essere prevenuto. I costi globali del bullismo sul posto di lavoro e del burnout dei lavoratori sono significativi e si manifestano in assenteismo, scarso impegno lavorativo, congedi per stress e bassa produttività. L’entità del problema è stata riconosciuta nel 2019 con l’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) che ha implementato una Commissione globale sul futuro del lavoro e ha chiesto “un approccio centrato sull’uomo, mettendo le persone e il lavoro che svolgono al centro delle politiche economiche e sociali”. Le implicazioni pratiche di questa ricerca sono di vasta portata. Alti livelli di burnout dei lavoratori sono estremamente costosi per le organizzazioni ed è chiaro che è necessario un cambiamento organizzativo di alto livello per affrontare il problema.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Predicting new major depression symptoms from long working hours, psychosocial safety climate and work engagement: a population-based cohort study” by Amy Zadow et al. BMJ Open

Immagine: men at work (Wilma van Rooijen)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.