I tratti comportamentali umani sono già presenti dalla nascita e sono uniche per ogni individuo

African jolly boy Painting by Michael Bello |

Un luogo comune abbastanza consolidato vuole che i bambini piccoli non abbiano ancora un loro carattere formato e che abbiano tutti comportamenti simili, quasi stereotipati. Ma una nuova ricerca ci dice che non è affatto così! Un nuovo studio pubblicato dall’editore ad accesso aperto Frontiers è il primo a ricercare il legame tra la connettività della rete cerebrale funzionale e il temperamento comportamentale nei neonati e nei bambini di un mese.
I risultati, che mostrano che le reti di connettività cerebrale funzionale con rilevanza comportamentale sono già presenti nei bambini piccoli, aiutano a colmare ulteriormente il divario di ricerca tra il cervello umano e il nostro comportamento. Ci sono ancora molti misteri irrisolti sul cervello umano e sul suo sviluppo. Ora, un nuovo studio pubblicato su Frontiers in Psychiatry getta nuova luce sulle origini neurobiologiche dei nostri tratti individuali. La connettività funzionale è l’attività coordinata – attivazione o disattivazione – attraverso il tempo tra regioni cerebrali separate, indipendentemente dalla loro vicinanza fisica o dal tipo di connessioni neurali tra di esse. I cambiamenti nella connettività funzionale possono essere un segno di disturbi di salute mentale come depressione, disturbi alimentari e schizofrenia e si pensa che abbiano origini evolutive.
Sappiamo che la salute mentale è caratterizzata da tre reti cerebrali funzionali. Il primo è l’ipoconnettività all’interno della rete frontparietale (FPN), che è coinvolta nel controllo cognitivo delle emozioni e dell’attenzione. Il secondo è l’iperconnettività all’interno della default mode network (DMN), che è coinvolta nella cognizione sociale e nel vagabondaggio della mente. E infine, l’ipoconnettività all’interno della rete omologa-interemisferica (HIN), che è implicata nella regolazione delle emozioni.
I ricercatori si sono concentrati su due domande. In primo luogo, identificare e mappare la variabilità individuale nelle tre reti cerebrali funzionali definite (FPN, DMN e HIN) nei neonati e nei neonati di un mese. Per questo, i ricercatori hanno utilizzato la spettroscopia funzionale nel vicino infrarosso (fNIRS), che utilizza un copricapo per misurare l’attività cerebrale. Hanno quindi esaminato come la variabilità nella connettività funzionale può prevedere le differenze individuali nel temperamento infantile. Il temperamento infantile si riferisce alla loro personalità innata, che è presente dalla nascita. I ricercatori si sono concentrati su tre importanti dimensioni del temperamento infantile: regolazione o orientamento (misurato da coccole, calma e piacere a bassa intensità), emotività negativa (paura, tristezza e angoscia per le limitazioni), emotività positiva (ride/sorriso, livello di attività, e reattività vocale). I ricercatori hanno chiesto ai genitori di compilare un questionario sul temperamento dei loro figli.
I risultati mostrano, per la prima volta, che le reti cerebrali funzionali che influiscono sul nostro comportamento si sviluppano entro il primo mese di vita di una persona. Più specificamente, i ricercatori hanno potuto determinare la connettività funzionale nelle tre reti cerebrali corticali studiate nei neonati e hanno scoperto che queste reti differivano notevolmente tra ogni bambino. Ciò significa che le connessioni neurali nel nostro cervello che determinano i tratti comportamentali umani sono già presenti dalla nascita e sono uniche per ogni individuo. Questi risultati principali mostrano che subito dopo la nascita, una maggiore connettività tra le regioni del cervello frontale e parietale è collegata a una migliore regolazione comportamentale nei neonati umani. A nostra conoscenza, questo è il primo studio a dimostrare che la connettività per questa specifica rete cerebrale si sviluppa all’inizio dell’infanzia umana e svolge un ruolo nel tenere conto delle differenze individuali nelle emergenti capacità di autoregolazione e controllo tra i bambini.
Questi risultati richiedono ulteriori ricerche per sviluppare una comprensione più profonda del ruolo della connettività cerebrale funzionale nello sviluppo cognitivo, emotivo e sociale precoce dell’uomo e, in particolare, la ricerca sui disturbi psichiatrici. C’è tutta una serie di disturbi psichiatrici che sono stati associati a differenze nella connettività funzionale nelle reti cerebrali esaminate nei bambini piccoli nello studio. La ricerca precedente implica differenze individuali più estreme in queste reti studiate qui in un gruppo di neonati con sviluppo tipico fino ad adulti affetti da depressione maggiore. Ma rimane una questione aperta se il legame dimostrato tra cervello e comportamento nella prima infanzia sia predittivo di esiti dello sviluppo a lungo termine, comprese le malattie psichiatriche.

Daniele Corbo

Bibliografia: Variability in Infants’ Functional Brain Network Connectivity Is Associated With Differences in Affect and Behavior. Kelsey Caroline M., Farris Katrina, Grossmann Tobias. Frontiers in Psychiatry

Immagine: African jolly boy (Michael Bello)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. luisa zambrotta ha detto:

    Davvero interessante!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.