Depressione infantile legata alla salute e al funzionamento degli adulti disturbati

lost childhood Painting by Abkorovits Robert |

La depressione nei giovani, di età compresa tra 10 e 24 anni, è sia una delle principali cause di stress sia un possibile fattore di rischio per future malattie e disabilità. Ora, uno studio pubblicato sul Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry ( JAACAP ), conferma che la depressione nell’infanzia o nell’adolescenza è associata a livelli più elevati di ansia negli adulti e disturbi da uso di sostanze, peggioramento della salute e del funzionamento sociale, meno risorse finanziarie ed educative, successo e aumento della criminalità. I risultati si basano sul Great Smoky Mountains Study, un progetto longitudinale in corso basato sulla comunità che monitora la salute di 1.420 partecipanti dal sud-est degli Stati Uniti rurali che è in corso dal 1993.
Un bambino su dodici lotta con la depressione ad un certo punto tra i 9 e i 16 anni, con le ragazze che hanno maggiori probabilità di essere colpite rispetto ai ragazzi. Questa è una sfida comune dell’infanzia, che, purtroppo, spesso passa inosservata agli adulti nella vita dei bambini, compresi genitori, insegnanti e pediatri. La letteratura è chiara sul fatto che abbiamo trattamenti efficaci per aiutare i bambini che hanno a che fare con la depressione. Il problema è che nel mondo reale la maggior parte dei bambini depressi non riceve mai alcun trattamento e deve affrontare questa sfida da sola.
Questo studio mette in luce le conseguenze di questo bisogno insoddisfatto. I bambini nello studio sono stati valutati per i sintomi della depressione attraverso interviste con i bambini e uno dei loro genitori fino a otto volte tra i 9 e i 16 anni. Questi stessi partecipanti sono stati poi seguiti fino a quattro volte in giovane età adulta, all’età di 19, 21, 25 e 30 per valutare la loro salute mentale e il loro funzionamento nel mondo reale in termini di salute, ricchezza, criminalità e risultati sociali. Una diagnosi di depressione nell’infanzia è stata associata a un’ampia gamma di indicatori di benessere più scarsi nell’età adulta. Questi collegamenti tra depressione precoce e scarsi risultati negli adulti sono rimasti dopo aver tenuto conto dell’esposizione precoce dei partecipanti ad avversità come il basso stato socioeconomico, problemi familiari, abusi e bullismo. I legami erano più forti per i bambini che mostravano cronicamente alti livelli di sintomi depressivi durante l’infanzia piuttosto che per quelli che avevano riportato sintomi in un singolo momento. Questo risultato è coerente con l’idea che l’umore depresso persistente, in particolare, sia associato ai peggiori esiti a lungo termine da adulti. I partecipanti che sono diventati depressi da adolescenti in realtà sono andati peggio a lungo termine di quelli che hanno avuto il loro primo attacco di depressione già in infanzia. Dal punto di vista dello sviluppo, questa è stata una scoperta piuttosto inaspettata, dato l’attuale riconoscimento che l’insorgenza precoce del disturbo può far presagire esiti peggiori.
Lo studio non è stato privo di alcune buone notizie. I bambini che hanno ricevuto servizi di salute mentale specializzati per affrontare i loro problemi di salute mentale avevano meno probabilità di peggiorare i problemi di salute mentale, in particolare l’ansia, quando entravano nell’età adulta. Anche qui, tuttavia, i bambini che hanno ricevuto servizi hanno continuato a mostrare problemi in altre aree importanti, compreso l’uso di sostanze, suggerendo che i servizi di salute mentale per l’infanzia da soli potrebbero non essere una panacea contro tutti i futuri problemi di salute. Questi risultati sottolineano l’importanza di un trattamento tempestivo ed efficace, ma dovremmo anche considerare ulteriori esigenze di supporto durante la transizione all’età adulta. Nel complesso, lo studio afferma l’onere per la salute pubblica derivante dalla depressione infantile e dai sintomi depressivi, specialmente se sperimentati per periodi di tempo più lunghi. Quando consideriamo il peso della depressione sui bambini, le loro famiglie e la scuola, e lo guardiamo da una prospettiva di salute pubblica, diventa chiaro che bisogna fare un lavoro migliore per alleviare i fattori di rischio per la depressione infantile quando possibile, avendo migliori processi di screening per rilevare la depressione infantile e utilizzare prevenzione e trattamenti basati sull’evidenza quando vediamo che un bambino è a rischio di depressione o ha sviluppato la depressione.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Associations of Childhood and Adolescent Depression With Adult Psychiatric and Functional Outcomes” by William Copeland et al. JAACAP

Immagine: lost childhood (Abkorovits Robert)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.