Come la musica aiuta a risolvere i nostri conflitti interiori più profondi

Music I Painting by Vesna Martinjak

Miliardi di persone amano la musica; molti sentono che non possono vivere senza di essa.
Perché?
È una domanda che ha lasciato perplessi scienziati e filosofi per secoli. 2.400 anni fa Aristotele si  chiedeva : “Perché la musica, essendo solo suoni, ci ricorda gli stati della nostra anima?” Nel XIX secolo Darwin tentò di decifrare se la nostra capacità di creare musica si fosse evoluta per selezione naturale. Di tutte le facoltà umane, solo la musica sembrava incomprensibile; sconcertato, giunse alla  conclusione  che “la musica è il più grande mistero”. Più di 200 anni fa, Kant dichiarò la musica  inutile . E verso la fine del 20 ° secolo, il celebre psicologo Steven Pinker – anche lui incapace di comprenderne lo scopo – definì la musica  “cheesecake uditiva”.
Alcuni anni fa, la rispettata rivista Nature ha pubblicato una  serie di saggi  sulla musica. La loro conclusione? Che è impossibile spiegare cos’è la musica e perché ci colpisce così fortemente – e che  non è nemmeno chiaro  se la musica possa svolgere “un’ovvia funzione di adattamento”. Ma una  recente  ricerca  suggerisce il contrario: la musica  è  un adattamento evolutivo, che ci aiuta a navigare in un mondo pieno di contraddizioni.

L’effetto paralizzante della dissonanza cognitiva

L’effetto della musica sul nostro cervello è strettamente correlato a quella che è stata definita “la più grande scoperta della psicologia sociale” del XX secolo: la dissonanza cognitiva. La dissonanza cognitiva è l’idea che le persone provino sentimenti spiacevoli quando possiedono conoscenze contraddittorie o si trovano di fronte a nuove informazioni che si oppongono alle credenze esistenti. Un modo per alleviare la dissonanza è sopprimere o rifiutare questa conoscenza contraddittoria.
La favola di Esopo “La volpe e l’uva” illustra questa comune risposta umana. Nel racconto, la volpe è angosciata dal fatto che non riesce a raggiungere un grappolo d’uva. Ancora più sgradevole è la dissonanza che sperimenta: l’uva è così allettante e così vicina, eppure irraggiungibile. Di conseguenza, la volpe tenta di alleviare la dissonanza razionalizzando: “Oh, non sei ancora maturo! Non ho bisogno di uva acerba.”
Nel corso del XX secolo centinaia di esperimenti hanno  confermato  questa comune risposta psicologica. Di fronte a pensieri dissonanti, bambini, ragazzi e adulti hanno risposto tutti allo stesso modo:  se non posso averlo, allora non ne ho bisogno.
Una manifestazione della dissonanza cognitiva è il rifiuto di nuove conoscenze. Anche alcune grandi scoperte scientifiche hanno dovuto aspettare decenni per essere riconosciute e accettate, perché contraddicevano le credenze esistenti a cui le persone non volevano arrendersi. Ad esempio, Einstein non ha ricevuto un Premio Nobel per la sua Teoria della Relatività – oggi considerata una delle più grandi scoperte nella storia dell’umanità – perché contraddiceva le nostre convinzioni fondamentali sullo spazio e sul tempo.

La musica ci aiuta a fare i conti con la dissonanza

Quindi, se le persone sono disposte a ingannare se stesse o ignorare nuove informazioni, come si è evoluta la cultura umana? Dopotutto, il fondamento della cultura è l’accumulo di nuove conoscenze, molte delle quali contraddicono le conoscenze esistenti. Considera il linguaggio: quando il linguaggio è emerso nella nostra specie, ogni nuova parola era una pepita di nuove informazioni che contraddicevano un’idea o una credenza esistente. Un potente meccanismo della mente deve essersi evoluto per consentire ai nostri antenati di superare queste spiacevoli dissonanze che dividono il loro mondo e hanno permesso loro di mantenere una conoscenza contraddittoria – di assorbire nuove parole piuttosto che scartarle immediatamente. Potrebbe essere che questa capacità sia stata  abilitata dalla musica ? Mentre il linguaggio divide il mondo in pezzi dettagliati e distinti, la musica unifica il mondo in un tutto. La nostra psiche richiede entrambi.
Diversi esperimenti hanno dimostrato la capacità della musica di aiutarci a superare le dissonanze cognitive e a conservare conoscenze contraddittorie. Ad esempio, in  un esperimento , uno sperimentatore ha dato a un gruppo di bambini di quattro anni cinque popolari giocattoli Pokemon. Giocando individualmente con ogni ragazzo, ha fatto classificare, uno per uno, le loro preferenze per i cinque giocattoli. Quindi lo sperimentatore ha detto a ciascun soggetto che doveva allontanarsi per alcuni minuti e gli ha chiesto di non giocare con il suo giocattolo di secondo grado. Quando è tornata, ha ricominciato a giocare e ha scoperto che il giocattolo in precedenza al secondo posto era stato completamente ignorato. Di fronte a informazioni contrastanti (“Mi piace questo giocattolo, ma non dovrei giocarci”), ogni ragazzo apparentemente ha rifiutato la sua preferenza iniziale per esso. Ma quando lo sperimentatore accendeva la musica quando se ne andava, il giocattolo conservava il suo valore originale. La conoscenza contraddittoria non ha portato i ragazzi a scartare semplicemente il giocattolo. In  un altro esperimento , hanno dato a un gruppo di studenti di quindici anni un tipico esame a scelta multipla e hanno chiesto loro di registrare la difficoltà di ogni domanda, insieme a quanto tempo impiegavano per rispondere a ciascuna. Si è scoperto che alle domande più difficili è stata data risposta più velocemente (e i voti ne hanno sofferto), perché gli studenti non volevano prolungare la spiacevole dissonanza nella scelta tra opzioni difficili. Tuttavia, quando la musica di Mozart suonava in sottofondo, dedicavano più tempo alle domande difficili. I loro punteggi sono migliorati.

Le grandi scelte della vita diventano più informate

Al di là dei test a scelta multipla, siamo costantemente costretti a confrontarci con scelte nella nostra vita quotidiana: dal banale (cosa comprare per pranzo), al maggiore (se accettare o meno un’offerta di lavoro). Usiamo spesso sia l’intuizione che il pragmatismo quando valutiamo situazioni complesse, ma incorporiamo anche emozioni. E poi ci sono scelte legate a due temi universali della nostra esistenza – l’amore e la morte – che sono intrinsecamente intrisi di contraddizioni. Nell’amore, vorremmo fidarci completamente. Ma sappiamo che fidarsi completamente è pericoloso, che possiamo essere traditi e delusi. Con la morte, una delle contraddizioni più difficili di tutte è il nostro desiderio di credere nell’eternità spirituale e la nostra consapevolezza che il nostro tempo sulla Terra è finito.
È una coincidenza, quindi, che ci siano così tante canzoni sull’amore e sul tradimento? O che siamo attratti da canzoni dolorose in tempi di lutto?
L’idea è che la musica, che può trasmettere una serie di emozioni sfumate, ci aiuta a riconciliare le nostre emozioni conflittuali quando facciamo delle scelte. E più emozioni diverse e differenziate possediamo, più le nostre decisioni diventano fondate. Che si tratti di scegliere di giocare con un giocattolo o di decidere di fare la proposta a un ragazzo o una ragazza, la ricerca mostra che la  musica può migliorare le nostre capacità cognitive .
Quindi, poiché siamo costantemente alle prese con le dissonanze cognitive, abbiamo creato musica, in parte, per aiutarci a tollerarle – e superarle.
Questo è lo scopo universale della musica.

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation

Immagine: Music I (Vesna Martinjak)

7 commenti Aggiungi il tuo

  1. Raffaello Palandri ha detto:

    Articolo interessante!
    Se posso, però, vorrei far notare che gli studi fatti sulla musica e il cervello di solito escludono non solo quell’8% della popolazione che è caraterizzato da anedonismo musicale, ma anche coloro come Kant, Pinker e me che non trovano questa connessione con la musica come rilevante.
    La musica è certamente un linguaggio importante e diffusissimo, ma forse non “universale”?

    "Mi piace"

    1. Grazie mille! In realtà credo che degli studi su chi non apprezza la musica, o non ne coglie il valore vengano fatti. Anche perché è una popolazione interessante da studiare. Ovviamente uno studio del genere non avrebbe senso su tale popolazione.

      Piace a 1 persona

  2. luisa zambrotta ha detto:

    Bellissimo e interessantissimo 🎶🎶🎶🎶🎶

    "Mi piace"

    1. Grazie cara! un abbraccio🌹

      Piace a 1 persona

      1. luisa zambrotta ha detto:

        Un abbraccio a te, Daniele caro 😘

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.