I comportamenti dei disturbi alimentari alterano la risposta alla ricompensa nel cervello

Anorexia Painting by Gloria Perez Herrero |

I ricercatori hanno scoperto che i comportamenti dei disturbi alimentari, come il binge-eating, alterano il processo di risposta alla ricompensa del cervello e i circuiti di controllo dell’assunzione di cibo, che possono rafforzare questi comportamenti. Comprendere come interagiscono i comportamenti dei disturbi alimentari e la neurobiologia può far luce sul motivo per cui questi disturbi spesso diventano cronici e potrebbero aiutare nello sviluppo futuro dei trattamenti. Lo studio, pubblicato su  JAMA Psychiatry , è stato sostenuto dal National Institutes of Health. Questo lavoro è significativo perché collega fattori biologici e comportamentali che interagiscono per avere un impatto negativo sui comportamenti alimentari. Approfondisce le nostre conoscenze sulle cause biologiche alla base della presentazione dei sintomi comportamentali legati ai disturbi alimentari e fornirà a ricercatori e medici migliori informazioni su come, quando e con chi intervenire.
I disturbi alimentari sono gravi malattie mentali che possono portare a gravi complicazioni, inclusa la morte. I disturbi alimentari comuni includono l’anoressia nervosa, la bulimia nervosa e il disturbo da alimentazione incontrollata. I comportamenti associati ai disturbi alimentari possono variare per tipo e gravità e includono azioni come abbuffate, vomito e limitazione dell’assunzione di cibo. In questo studio, i ricercatori dell’Università della California a San Diego hanno voluto vedere come i comportamenti attraverso lo spettro dei disturbi alimentari influenzano la risposta alla ricompensa nel cervello, come i cambiamenti nella risposta alla ricompensa alterano i circuiti di controllo dell’assunzione di cibo e se questi i cambiamenti rafforzano i comportamenti dei disturbi alimentari.
Lo studio ha arruolato 197 donne con diversi disturbi alimentari (tra cui anoressia nervosa, bulimia nervosa, disturbo da alimentazione incontrollata e altri specifici disturbi dell’alimentazione e dell’alimentazione) e diversi indici di massa corporea (BMI) associati a comportamenti di disturbo alimentare, nonché 120 donne senza problemi alimentari. I ricercatori hanno utilizzato l’imaging cerebrale funzionale trasversale per studiare le risposte del cervello durante un compito di ricompensa del gusto. Durante questo compito, i partecipanti hanno ricevuto o è stato negato uno stimolo dolce inaspettato e saliente (un assaggio di una soluzione zuccherina). I ricercatori hanno analizzato una risposta di ricompensa cerebrale nota come “errore di previsione”, un processo di segnalazione correlato alla dopamina che misura il grado di deviazione dall’aspettativa o quanto una persona fosse sorpresa di ricevere lo stimolo inaspettato. Un errore di previsione più elevato indica che la persona è stata più sorpresa, mentre un errore di previsione inferiore indica che è stata meno sorpresa. Hanno anche studiato se questa risposta cerebrale fosse associata a circuiti ventrale-striatali-ipotalamici, un sistema neurale associato al controllo dell’assunzione di cibo.
I ricercatori hanno scoperto che non vi era alcuna correlazione significativa tra BMI, comportamento dei disturbi alimentari e risposta della ricompensa cerebrale nel gruppo di donne senza disturbi alimentari. Nel gruppo di donne con disturbi alimentari, un BMI più elevato e comportamenti di abbuffata erano associati a una risposta di errore di previsione più bassa. Inoltre, per le donne con disturbi alimentari, la direzione della connettività ventrale striatale-ipotalamica era inversa rispetto a quelle senza disturbi alimentari, con connettività diretta dallo striato ventrale all’ipotalamo. Questa connettività era correlata positivamente alla risposta all’errore di previsione e negativamente al sentirsi fuori controllo dopo aver mangiato.
Questi risultati suggeriscono che per le donne con disturbi alimentari, comportamenti di disturbo alimentare e eccessiva perdita o aumento di peso hanno modulato la risposta del circuito di ricompensa correlata alla dopamina del cervello, alterando i circuiti cerebrali associati al controllo dell’assunzione di cibo e potenzialmente rafforzando i comportamenti di disturbo alimentare. Ad esempio, le donne con anoressia nervosa, assunzione di cibo restrittiva e basso indice di massa corporea hanno avuto una risposta di errore di previsione elevata. Questa risposta può rafforzare i loro circuiti di controllo dell’assunzione di cibo, portando queste donne a essere in grado di ignorare i segnali della fame. Al contrario, l’opposto sembra essere il caso per le donne con episodi di abbuffate e BMI più elevati. Lo studio fornisce un modello di come i tratti comportamentali promuovono problemi alimentari e cambiamenti nel BMI, e come i comportamenti dei disturbi alimentari, l’ansia, l’umore e la neurobiologia cerebrale interagiscono per rafforzare il circolo vizioso dei disturbi alimentari, rendendo molto difficile il recupero.
Nel complesso, questo studio suggerisce che i tratti comportamentali, compreso il comportamento di assunzione di cibo, contribuiscono al mantenimento e alla progressione dei disturbi alimentari modulando la propria risposta di ricompensa interna e alterando i circuiti di controllo dell’assunzione di cibo. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per studiare i trattamenti che potrebbero indirizzare e modificare i comportamenti per le persone con disturbi alimentari per ottenere un recupero duraturo.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Association of Brain Reward Response With Body Mass Index and Ventral Striatal-Hypothalamic Circuitry Among Young Women With Eating Disorders” by Guido Frank et al. JAMA Psychiatry

Immagine: Anorexia (Gloria Perez Herrero)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.