Differenze cerebrali nell’interpretazione dei segnali fisici nei disturbi di salute mentale

Dilemma about mental health Painting by Cynthia Gregorová |

I ricercatori hanno dimostrato perché le persone con disturbi di salute mentale, tra cui anoressia e disturbi di panico, sperimentano i segnali fisici in modo diverso. I ricercatori, dell’Università di Cambridge, hanno scoperto che la parte del cervello che interpreta i segnali fisici dal corpo si comporta in modo diverso nelle persone con una serie di disturbi mentali, suggerendo che potrebbe essere un bersaglio per trattamenti futuri.
I ricercatori hanno studiato l'”interocezione” – la capacità di percepire le condizioni interne del corpo – e se ci fossero differenze cerebrali comuni durante questo processo nelle persone con disturbi di salute mentale. Hanno scoperto che una regione del cervello chiamata l’insula media dorsale mostrava un’attività diversa durante l’interocezione in una serie di disturbi, tra cui depressione, schizofrenia, disturbi alimentari e disturbi d’ansia. Molte persone con disturbi di salute mentale sperimentano i sintomi fisici in modo diverso, sia che si sentano sgradevolmente grassi nell’anoressia, sia che si sentano come se non si avesse abbastanza aria nel disturbo di panico. I risultati, riportati in The American Journal of Psychiatry, mostrano che l’attività nella metà dell’insula dorsale potrebbe guidare queste diverse interpretazioni delle sensazioni corporee nella salute mentale. Una maggiore consapevolezza delle differenze nel modo in cui le persone sperimentano i sintomi fisici potrebbe essere utile anche a coloro che curano i disturbi di salute mentale.
Usiamo tutti l’esterocezione – vista, olfatto, udito, gusto e tatto – per navigare nella vita quotidiana. Ma l’interocezione – la capacità di interpretare i segnali dal nostro corpo – è altrettanto importante per la sopravvivenza, anche se spesso avviene inconsciamente. L’interocezione è qualcosa che tutti facciamo costantemente, anche se potremmo non esserne consapevoli. Ad esempio, la maggior parte di noi è in grado di interpretare i segnali di ipoglicemia, come stanchezza o irritabilità, e sa di mangiare qualcosa. Tuttavia, ci sono differenze nel modo in cui il nostro cervello interpreta questi segnali. Le differenze nei processi interocettivi sono state precedentemente identificate in persone con disturbi alimentari, ansia e depressione, disturbo di panico, dipendenza e altri disturbi di salute mentale.
I modelli teorici hanno suggerito che l’elaborazione corticale interrotta guida questi cambiamenti nell’elaborazione interocettiva, conferendo vulnerabilità a una serie di sintomi di salute mentale. I ricercatori hanno combinato i dati di imaging cerebrale di studi precedenti e hanno confrontato le differenze nell’attività cerebrale durante l’interocezione tra 626 pazienti con disturbi di salute mentale e 610 controlli sani. Volevano scoprire se c’è qualcosa di simile nel cervello di persone con diversi disturbi mentali, indipendentemente dalla loro diagnosi. La loro analisi ha mostrato che per i pazienti con disturbo bipolare, ansia, depressione maggiore, anoressia e schizofrenia, una parte della corteccia cerebrale chiamata insula media dorsale mostrava una diversa attivazione cerebrale durante l’elaborazione del dolore, della fame e di altri segnali interocettivi rispetto al gruppo di controllo. I ricercatori hanno quindi eseguito un’analisi di follow-up e hanno scoperto che l’insula media dorsale non si sovrappone alle regioni del cervello alterate da farmaci antidepressivi o alle regioni alterate dalla terapia psicologica, suggerendo che potrebbe essere studiato come un nuovo bersaglio per future terapie per trattare le differenze nell’interocezione.
È sorprendente che, nonostante la diversità dei sintomi psicologici, sembri esserci un fattore comune nel modo in cui i segnali fisici vengono elaborati in modo diverso dal cervello nei disturbi di salute mentale. Mostra quanto siano intrecciate la salute fisica e mentale, ma anche i limiti del nostro sistema diagnostico: alcuni fattori importanti nella salute mentale potrebbero essere ‘transdiagnostici’, cioè riscontrati in molte diagnosi. In futuro, il team sta pianificando studi per verificare se questa attivazione interrotta potrebbe essere alterata da nuovi trattamenti per i disturbi della salute mentale, come la stimolazione cerebrale.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Disrupted Dorsal Mid-Insula Activation During Interoception Across Psychiatric Disorders” by Camilla Nord et al. American Journal of Psychiatry

Immagine: Dilemma about mental health (Cynthia Gregorová)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.