Cos’è il sognare ad occhi aperti?

daydream Painting by André Pillay |

La nostra attenzione è una lente potente, che consente al nostro cervello di individuare i dettagli rilevanti dal flusso travolgente di informazioni che ci raggiunge ogni secondo. Tuttavia, gli scienziati stimano che trascorriamo fino a metà della nostra vita da svegli pensando a qualcosa di diverso dal compito da svolgere: le nostre menti vagano. Ciò è sorprendente considerando le potenziali conseguenze negative, dal calo delle prestazioni scolastiche o lavorative ai tragici incidenti stradali. Sappiamo anche che il vagabondaggio mentale e gli sbalzi di attenzione sono più comuni quando siamo privati ​​del sonno, il che suggerisce che possono verificarsi quando i neuroni nel nostro cervello iniziano a comportarsi in un modo simile al sonno.
Hanno testato la relazione tra sonno e cali di attenzione in una nuova ricerca pubblicata su Nature Communications. Monitorando le onde cerebrali delle persone rispetto ai loro stati di attenzione auto-riferiti, hanno scoperto che il vagabondaggio mentale sembra verificarsi quando parti del cervello si addormentano mentre la maggior parte rimane sveglia. Dirigere la nostra attenzione verso l’interno può essere molto utile. Può permetterci di concentrarci sui nostri pensieri interiori, manipolare concetti astratti, recuperare ricordi o scoprire soluzioni creative. Ma l’equilibrio ideale tra la concentrazione sul mondo esterno e quello interiore è difficile da raggiungere e la nostra capacità di rimanere concentrati su un determinato compito è sorprendentemente limitata. Quando ci stanchiamo, il nostro controllo dell’attenzione va storto. Allo stesso tempo, il nostro cervello inizia a mostrare un’attività locale che ricorda il sonno mentre la maggior parte del cervello appare chiaramente sveglia. Questo fenomeno, noto come “sonno locale”, è stato osservato prima negli animali privati ​​del sonno e poi nell’uomo.
Volevano indagare se il sonno locale potesse verificarsi anche in persone ben riposate e se potesse innescare cambiamenti nell’attenzione. Per comprendere meglio la relazione tra attività cerebrale e cali di attenzione, hanno chiesto a giovani volontari sani di svolgere un compito piuttosto noioso che richiedesse un’attenzione continua. Come previsto, la loro attenzione spesso si spostava dal compito. E quando la loro attenzione è diminuita, le loro prestazioni sono diminuite. Ma volevano anche sapere cosa passava esattamente nelle loro menti quando la loro attenzione non era concentrata sul compito. Così li hanno interrotti a intervalli casuali e hanno chiesto loro a cosa stessero pensando in quel momento. I partecipanti potevano indicare se si stavano concentrando sul compito, se la loro mente vagava (pensando a qualcosa di diverso dal compito) o se la loro mente era vuota (non pensavano a nulla). Parallelamente, hanno registrato la loro attività cerebrale con un elettroencefalogramma, che consiste in un insieme di sensori posti sulla testa in grado di monitorare i ritmi del cervello. Grazie a questa tecnica di imaging cerebrale non invasiva, hanno potuto cercare segni di sonno durante la veglia durante l’intero compito. In particolare si sono concentrati sulle “onde lente”, un segno distintivo del sonno che coinvolge brevi silenzi da gruppi di neuroni.
L’ipotesi dei ricercatori era che questi cali nell’attività dei neuroni potessero spiegare i cali di attenzione. Hanno scoperto che le onde lente locali potrebbero prevedere episodi di vagabondaggio mentale e vuoto mentale, nonché cambiamenti nel comportamento dei partecipanti durante questi cali di attenzione. È importante sottolineare che la posizione delle onde lente ha distinto se i partecipanti stavano vagando con la mente o non stessero pensando a neinte. Quando si verificavano onde lente nella parte anteriore del cervello, i partecipanti avevano la tendenza ad essere più impulsivi e a vagare con la mente. Quando si verificavano onde lente nella parte posteriore del cervello, i partecipanti erano più lenti, mancavano le risposte e la mente si svuotava. Questi risultati possono essere facilmente compresi attraverso il concetto di sonno locale. Se le onde lente simili al sonno corrispondono davvero a periodi di sonno locali in persone che sono altrimenti sveglie, l’effetto delle onde lente dovrebbe dipendere da dove si verificano nel cervello e dalla funzione di quelle regioni del cervello come hanno trovato.
Ciò suggerisce che un singolo fenomeno – le intrusioni locali del sonno durante le ore di veglia – potrebbe spiegare un’ampia gamma di cali di attenzione, dall’erranza mentale e dall’impulsività al “mancanza di vuoto” e alla lentezza. Inoltre, i risultati suggeriscono che il sonno locale potrebbe rappresentare un fenomeno quotidiano che può interessare tutti noi, anche se non siamo particolarmente deprivati ​​del sonno. I partecipanti stavano semplicemente svolgendo un compito a portata di mano. Eppure, senza rendersene conto, parti del loro cervello sembravano andare offline ripetutamente durante l’esperimento.
Attualmente stanno esplorando se questo fenomeno del sonno locale potrebbe essere esacerbato in alcuni individui. Ad esempio, la maggior parte delle persone che soffrono di deficit dell’attenzione e/o disturbi dell’iperattività (ADHD) riferiscono anche disturbi del sonno. Ciò può comportare un aumento degli episodi di sonno locale durante il giorno e potrebbe spiegare parte dei loro problemi di attenzione. Infine, questo nuovo studio riafferma come il sonno e la veglia possono essere mescolati nel cervello umano. Parallelamente, gli studi sul sonno mostrano come il cervello può “svegliarsi” localmente per elaborare le informazioni sensoriali provenienti dall’ambiente. Qui, mostrano il fenomeno opposto e come le intrusioni nel sonno durante la veglia possono far vagare la nostra mente da qualche parte o da nessuna parte.

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation

Immagine: daydream (André Pillay)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.