Sentirsi al sicuro: un trattamento efficace per la paranoia

PARANOIA Painting by Martial Molitor

“Ero troppo paranoico per uscire. Penso che qualcuno mi pugnalerà. Ero costretto a casa. Puramente solo paranoia. Mi sono perso tante cose nella vita. Stavo a letto e pensavo che presto mi sarebbe successo qualcosa.’ Questa paura delle altre persone è comune tra le persone con diagnosi di gravi disturbi di salute mentale come la schizofrenia. In gran parte infondati, spesso inesorabili e stancamente sconvolgenti, questi pensieri intensamente paranoici sono noti come delusioni persecutorie. Le persone si sentono molto insicure. Tipica è anche la risposta: quando essere in giro è così spaventoso, restare a casa può sembrare l’unico modo per farcela. Ma ci sono conseguenze sia per la salute mentale che fisica. Ad esempio, tre quarti dei pazienti con paranoia grave hanno pensieri suicidi.
L’aspettativa di vita è in media di 14,5 anni più breve, a causa di condizioni come l’ipertensione, il diabete e le malattie cardiache, malattie per le quali l’inattività è probabilmente un fattore che contribuisce in modo significativo. Dato il disagio causato dai deliri persecutori, il trattamento è di fondamentale importanza. Di solito, alle persone vengono prescritti farmaci antipsicotici. Certamente possono aiutare, ma solo circa un quarto dei pazienti ha una buona risposta. Inoltre, questi farmaci possono scatenare effetti collaterali indesiderati. A volte i farmaci sono combinati con un trattamento psicologico, in particolare qualcosa chiamato terapia cognitivo comportamentale (CBT) per la psicosi. Ancora una volta, alcune persone ottengono un reale beneficio aggiuntivo, ma troppo spesso la paranoia persiste.
Vi sono stati, quindi, ampi margini di miglioramento nel trattamento dei deliri persecutori. Quindi, i ricercatori si sono posti un obiettivo ambizioso: produrre una terapia psicologica che portasse alla guarigione dei deliri persecutori per il 50% dei pazienti per i quali i farmaci antipsicotici non avevano avuto successo. Quella metà dei pazienti non crederebbe più che le proprie paure fossero vere. Il programma Feeling Safe , sviluppato nell’ultimo decennio, è il risultato di questo sforzo.  Come si può immaginare, lo sviluppo di Feeling Safe è stato un viaggio lungo e ricco di eventi. In primo luogo, avevano bisogno di sviluppare una migliore comprensione delle cause dei deliri persecutori. Successivamente, hanno costruito e valutato brevi interventi per affrontare ciascuna di queste cause. Infine, hanno combinato questi interventi in un nuovo trattamento di sei mesi.
I pazienti erano una parte cruciale del processo di progettazione. E non sarebbero andati lontano senza una serie di finanziatori della salute mentale del Regno Unito – il National Institute for Health Research (NIHR), il Medical Research Council (MRC) e il Wellcome Trust – che si sono fatti avanti.
Quali sono le cause dei deliri persecutori? Al centro del delirio c’è una convinzione di minaccia: la convinzione che le situazioni quotidiane siano pericolose. Le situazioni quotidiane sono diventate associate al pericolo. Quella convinzione di minaccia non appare di punto in bianco. È innescato da esperienze di vita reale (bullismo, ad esempio, o aggressione). Ma probabilmente c’è anche una vulnerabilità genetica al lavoro. Le convinzioni di minaccia sono sostenute da quelli che chiamiamo fattori di mantenimento: ad esempio, passare molto tempo a preoccuparsi, dormire male, sentirsi inadeguati ed evitare le situazioni che temiamo. Sentirsi al sicuro è fondamentalmente uno sforzo per contrastare e superare i ricordi di pericolo aiutando la persona a reimparare di essere al sicuro. Per fare ciò, bisogna affrontare prima i fattori chiave di manutenzione. Aiutando le persone, ad esempio, a preoccuparsi di meno, a dormire meglio e a sentirsi più sicure di sé. Quindi, in definitiva, si tratta di trascorrere del tempo nelle situazioni temute con le proprie difese abbassate, pienamente coinvolti nel momento e nell’esperienza. In tal modo, la persona può imparare che sono, in effetti, al sicuro.
Funziona? I risultati del primo studio clinico controllato randomizzato di Feeling Safe sono stati appena pubblicati su  Lancet Psychiatry. Hanno preso parte 130 pazienti con deliri di persecuzione persistenti, reclutati dai servizi di salute mentale del SSN. La forma del processo è stata volutamente dura: hanno confrontato il Feeling Safe Program con un approccio psicologico alternativo fornito dagli stessi terapeuti. In questo modo, potranno dire se il programma Feeling Safe porta benefici oltre a quelli che derivano da una relazione terapeutica positiva. I pazienti sono stati valutati prima del trattamento (che in genere comprendeva venti sessioni in un periodo di sei mesi), dopo il trattamento e sei mesi dopo. I risultati sono stati buoni. La metà dei pazienti alla fine del trattamento non aveva più un delirio persecutorio. Un ulteriore trimestre ha registrato benefici moderati. E quei guadagni sono rimasti in gran parte al follow-up.
Feeling Safe non ha affrontato solo la paranoia; ha anche portato un miglioramento del benessere psicologico generale dei pazienti. Fondamentalmente, il trattamento è stato molto popolare: quasi tutti hanno mantenuto il corso. Feeling Safe ha mostrato grandi benefici rispetto al trattamento psicologico alternativo (e spesso efficace). Il tipo di terapia che forniscono ai pazienti è davvero importante.  Sentirsi al sicuro è il trattamento psicologico più efficace per i deliri di persecuzione. Ma il lavoro non si ferma qui. La sfida ora è raggiungere le molte migliaia di persone le cui vite sono state sconvolte da una grave paranoia, e non solo quelle in cura dal team. Come ha detto un partecipante al processo: “Ci sono tecniche insegnate che non dimenticherò mai. Mi sento molto al sicuro. Dopo uno studio che mi ha cambiato la vita, mi sento molto, molto al sicuro. Ho di nuovo una vita fantastica. Sinceramente, dentro mi sento molto, molto felice. Non devo più preoccuparmi che le persone mi attacchino potenzialmente. Vivere una vita più sicura è più piacevole.”

Daniele Corbo

Bibliografia: “Comparison of a theoretically driven cognitive therapy (the Feeling Safe Programme) with befriending for the treatment of persistent persecutory delusions: a parallel, single-blind, randomised controlled trial” by Freeman, D., Emsley, R., Diamond, R., Collett, N., Bold, E., Chadwick, E., Isham, L., Bird, J., Edwards, D., Kingdon, D., Fitzpatrick, R., Kabir, T., Waite, F., & Oxford Cognitive Approaches to Psychosis Trial Study Group. Lancet Psychiatry

Immagine: PARANOIA (Martial Molitor)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    È una bella notizia 🙂 e speriamo che sia sempre più coinvolgente per coloro che ne hanno bisogno e, do conseguenza, più efficace

    "Mi piace"

    1. Si, è una strada da battere tantissimo perché non ha controindicazioni. Ciao Rita

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.