La resilienza è dinamica, non un tratto caratteriale statico

Resilience Painting by PRIYANKA SINGH

Un nuovo studio rileva che la resilienza è un processo dinamico, piuttosto che un tratto fisso, e suggerisce che ciò potrebbe avere conseguenze significative anche per il mondo degli affari. Le organizzazioni sono interessate a coltivare una forza lavoro resiliente, perché vogliono persone che siano in grado di rimanere impegnate in un’organizzazione e nei suoi obiettivi nel tempo. Questo lavoro in primo luogo scopre che la resilienza è più un processo che una caratteristica. In secondo luogo, identifica alcune delle caratteristiche che possono contribuire in modo significativo a tale processo. Nel loro insieme, è lecito pensare che i risultati possano informare il reclutamento, l’assunzione, le operazioni e le pratiche di formazione.
Al centro dello studio c’è l’idea che la resilienza è fluttuante, perché racchiude il modo in cui un individuo risponde a una varietà di circostanze nel tempo. È impossibile valutare la resilienza dinamica in un dato momento. La resilienza dinamica è dimostrata nel tempo. Come cambia il comportamento delle persone nel tempo? Cosa lo influenza? Questo è il tipo di domande a cui volevano rispondere con questo studio. A tal fine, i ricercatori hanno lavorato con 314 membri di una banda musicale universitaria. I partecipanti allo studio sono stati intervistati settimanalmente per 12 settimane. I sondaggi sono stati progettati per raccogliere dati sui singoli partecipanti e sulle loro caratteristiche emotive e personali. Per valutare come funziona la resilienza negli individui nel tempo, i ricercatori hanno anche chiesto ai partecipanti allo studio il loro impegno nei confronti della banda musicale come organizzazione, nonché i loro sentimenti di “esaurimento”, in particolare, l’esaurimento emotivo correlato al loro lavoro nell’organizzazione. Il monitoraggio delle traiettorie dell’impegno e del burnout ha aiutato a vedere come si è svolta la resilienza in termini realiì.
I ricercatori hanno scoperto che, in media, l’esaurimento emotivo è aumentato nel tempo e l’impegno è diminuito nel tempo. Tuttavia, ci sono stati fattori che hanno influenzato tali effetti. Ad esempio, l’esperienza all’interno dell’organizzazione ha esacerbato gli effetti dell’esaurimento emotivo e ha ridotto l’impegno. In altre parole, i nuovi arrivati ​​sembravano essere più resistenti durante il periodo di studio. I ricercatori hanno anche scoperto che le persone che hanno ottenuto punteggi più alti nelle valutazioni della stabilità emotiva erano maggiormente in grado di mantenere livelli più elevati di impegno. Infine, i ricercatori hanno anche esaminato la traiettoria dell’impegno di ciascun individuo nei confronti dell’organizzazione per vedere se prevedeva la “ritenzione”. Hanno scoperto che le traiettorie di impegno positive erano associate a una maggiore probabilità che entrambi pianificassero di tornare all’organizzazione per un altro anno e poi di farlo successivamente.
Un punto da sottolineare qui è che i sondaggi annuali sui dipendenti potrebbero non essere il modo migliore per valutare la resilienza e l’impegno dei dipendenti nei confronti di un’organizzazione. Questo perché i sondaggi annuali forniscono istantanee, mentre la resilienza è un processo dinamico che fluttua. Dal momento che la resilienza influisce su aspetti come la fidelizzazione dei dipendenti, che sono importanti per i profitti di un’azienda, c’è davvero bisogno di entrare in contatto con i dipendenti più spesso. Il lavoro mostra anche che la resilienza può logorarsi nel tempo, anche se le persone sono esposte solo a lievi fattori di stress.
Lo stress cronico può logorare la resilienza, con conseguenze sulla fidelizzazione dei dipendenti e, con ogni probabilità, sulle prestazioni lavorative. Tuttavia, ritengono anche che pensare alla resilienza come un processo dinamico crei opportunità per promuovere la resilienza nei dipendenti non solo attraverso il reclutamento, ma attraverso la formazione e persino la progettazione del lavoro. In breve, non è così semplice come assumere la persona giusta e presumere che le cose funzioneranno. Promuovere la resilienza sarà un compito costante per i professionisti del management e delle risorse umane.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Tracking the Process of Resilience: How Emotional Stability and Experience Influence Exhaustion and Commitment Trajectories” by Patrick Flynn et al. Group and Organization Management

Immagine: Resilience (PRIYANKA SINGH)

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. Interessante. Credo che in questo discorso un peso non indifferente potrebbero averlo le motivazioni, che possono variare naturalmente da individuo a individuo. Se le aspettative vengono soddisfatte, maggiore dovrebbe essere la resilienza, e viceversa.

    "Mi piace"

    1. Grazie, la tua riflessione è plausibile.

      "Mi piace"

  2. vincenza63 ha detto:

    Ciao Daniele 😊 Buona domenica!

    "Mi piace"

    1. Ciao Vincenza! un abbraccio

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.