Cosa fa lo stress al corpo

Stress Painting by Artist Anthony Flake |

Non è facile essere un atleta professionista. Non solo le richieste fisiche sono maggiori di quanto la maggior parte delle persone possa gestire, ma gli atleti affrontano anche un’intensa pressione psicologica durante la competizione. Questo è qualcosa di cui la tennista britannica di 18 anni Emma Raducanu ha  scritto sui social media  dopo il suo  ritiro da Wimbledon . Sebbene la giovane giocatrice fosse andata bene nel torneo, ha iniziato ad avere difficoltà a regolare la respirazione e la frequenza cardiaca durante una partita, cosa che in seguito ha attribuito a “l’accumulo di eccitazione e il ronzio”. Non è la prima atleta a sperimentare gli effetti fisici dello stress, con il  calciatore inglese Marcus Rashford  che ha rivelato di aver avuto anche un’esperienza simile in passato. Ci sono molte ragioni per cui lo stress può causare reazioni corporee così potenti. Ma con l’allenamento, questa risposta può essere modificata in modo che una persona reagisca positivamente sotto pressione.

Valutare lo stress

Lo stress da prestazione è quasi inevitabile. Ma ci sono molti fattori diversi che determinano il modo in cui le nostre menti e il nostro  corpo rispondono  agli eventi stressanti. Tipicamente, lo stress è il risultato di uno scambio tra due fattori: richieste e risorse. Una persona potrebbe sentirsi stressata per un evento se sente che le richieste nei suoi confronti sono maggiori di quanto possa gestire. Quindi, per un atleta, le richieste includono l’alto livello di sforzo fisico e mentale richiesto per avere successo, i loro livelli di incertezza sull’evento o le loro possibilità di successo e qualsiasi potenziale pericolo per la loro salute (come lesioni) o la loro autostima. Le risorse, d’altra parte, sono la capacità di una persona di far fronte a queste richieste. Questi includono fattori come i livelli di fiducia, quanto controllo credono di avere sull’esito della situazione e se non vedono l’ora che arrivi l’evento. Ogni nuova richiesta o cambiamento delle circostanze influenza se una persona risponde positivamente o negativamente allo stress. In genere più risorse una persona sente di avere nel gestire la situazione, più positiva è la sua risposta allo stress. Questa risposta positiva allo stress è nota come  stato di sfida. Ma se la persona sente che le vengono poste troppe richieste, è più probabile che sperimenti una risposta negativa allo stress, nota come stato di minaccia. La ricerca mostra che gli stati di sfida portano a  buone prestazioni , mentre gli stati di minaccia portano a prestazioni peggiori. Quindi, nel caso di Raducanu, un pubblico molto più ampio, aspettative più elevate e affrontare un avversario più abile, potrebbero averla portata a pensare che le venissero poste maggiori richieste, ma non aveva le risorse per affrontarle. Ciò l’ha portata a  sperimentare una risposta alla minaccia .

Conseguenze dello stress

Le nostre risposte alla sfida e alla minaccia influenzano essenzialmente il modo in cui il nostro corpo risponde a situazioni stressanti, poiché entrambi influenzano la  produzione di adrenalina e cortisolo  (noti anche come “ormoni dello stress”). Durante uno stato di sfida, l’adrenalina aumenta la quantità di sangue pompato dal cuore ed espande i vasi sanguigni. Questo fa bene al corpo, poiché l’adrenalina consente di fornire più energia ai muscoli e al cervello. Questo aumento del sangue e la diminuzione della pressione nei vasi sanguigni è stato costantemente correlato a prestazioni sportive superiori   in tutto, dalla  battuta di cricket , al  golf  e al calcio di rigore. Ma durante uno stato di minaccia, il cortisolo inibisce l’effetto positivo  dell’adrenalina , provocando vasi sanguigni più stretti, pressione sanguigna più alta, risposte psicologiche più lente (come  un processo decisionale più scarso ) e una  frequenza cardiaca più elevata . In breve, uno stato di minaccia rende le persone più ansiose: prendono decisioni peggiori e ottengono risultati peggiori. In tennisti, livelli più elevati di cortisolo sono stati associati con falliti  serve , e maggiori livelli di  ansia. Detto questo, l’ansia è anche un’esperienza comune per gli atleti quando sono sotto pressione. L’ansia può aumentare la frequenza cardiaca e la sudorazione, causare palpitazioni cardiache, tremori muscolari e  mancanza di respiro , oltre a mal di testa, nausea, mal di stomaco, debolezza e desiderio di fuga nei casi più  gravi . L’ansia può anche ridurre la concentrazione e  l’autocontrollo  (come essere in grado di mantenere la calma) e causare pensieri eccessivi. Quanto intensamente una persona sperimenta l’ansia dipende dalle richieste e dalle risorse che ha. L’ansia può manifestarsi anche sotto forma di eccitazione o nervosismo a seconda della risposta allo stress.

Meccanismi di compensazione

Le risposte negative allo stress possono essere dannose per  la salute fisica e mentale  e le risposte ripetute possono aumentare il rischio di  malattie cardiache  e  depressione . Ma ci sono molti modi in cui gli atleti possono assicurarsi di rispondere positivamente sotto pressione. Le risposte positive allo stress possono essere promosse incoraggiando sentimenti di  fiducia e controllo  attraverso il linguaggio che noi e altri (come allenatori o genitori) usiamo. Gli psicologi possono anche aiutare gli atleti a cambiare il modo in cui vedono le loro  risposte fisiologiche  , ad esempio aiutandoli a vedere una frequenza cardiaca più elevata come eccitazione, piuttosto che come nervi. Le abilità psicologiche, come la  visualizzazione  , possono anche aiutare a ridurre le nostre risposte fisiologiche alla minaccia. Ciò può comportare la  creazione di un’immagine mentale  di un momento in cui l’atleta si è comportato bene o l’immaginarsi in futuro. Questo può aiutare a creare sentimenti di fiducia e controllo sull’evento stressante. Ricreare la pressione competitiva durante l’allenamento può anche aiutare gli atleti a imparare come  affrontare lo stress . Un esempio di questo potrebbe essere il punteggio degli atleti contro i loro coetanei per creare un senso di competizione. Ciò aumenterebbe le richieste che i giocatori sperimentano rispetto a una normale sessione di allenamento, consentendo loro comunque di esercitarsi a far fronte allo stress. È quindi possibile imparare a reagire meglio a  situazioni stressanti . L’apprendimento di questa abilità può essere solo uno dei tanti motivi per cui gli atleti sono in grado di eseguire molte delle imprese che fanno.

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation

Immagine: Stress (Anthony Flake)

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Penso che non solo gli atleti possono trarre insegnamenti da queste informazioni.

    "Mi piace"

    1. Si, lo credo anche io! Ciao Rita

      Piace a 1 persona

  2. Articolo molto interessante e istruttivo.

    Piace a 1 persona

  3. fulvialuna1 ha detto:

    Post bellissimo!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.