Le persone cieche non possono vedere il colore ma lo capiscono allo stesso modo delle persone vedenti

The Voice of Colors Painting by Marta Zawadzka |

Le persone nate cieche non hanno mai visto che le banane sono gialle, ma i ricercatori della Johns Hopkins University scoprono che, come ogni persona vedente, capiscono che due banane possono essere dello stesso colore e perché. Mettendo in discussione la convinzione che risale al filosofo John Locke che le persone nate cieche non potrebbero mai veramente capire il colore, il team di neuroscienziati cognitivi ha dimostrato che gli individui congenitamente ciechi e vedenti in realtà lo capiscono in modo abbastanza simile.
Un’intuizione comune che risale a Locke è che una persona cieca potrebbe apprendere il fatto arbitrario che le calendule sono ‘gialle’ e i pomodori sono ‘rossi’, ma perderebbe comunque una comprensione approfondita del colore. L’idea è che per sapere davvero qualcosa devi vederlo da solo, e senza una visione, raccogli fatti superficiali parlando con le persone. Questo studio con persone non vedenti suggerisce il contrario. Parlare con le persone trasmette una comprensione approfondita del colore meglio di fatti arbitrari sul colore. I risultati sono pubblicati in Proceedings of the National Academy of Sciences.
In un esperimento in due fasi, agli adulti ciechi e vedenti è stato prima chiesto il colore comune degli oggetti (i fatti arbitrari), il motivo per cui erano quel colore e la probabilità che due di quegli oggetti selezionati a caso fossero dello stesso colore. Gli oggetti erano una combinazione di cose naturali (frutta, piante, gemme) e artificiali (penna, banconota da un dollaro, segnale di stop). Anche se i partecipanti non vedenti non erano sempre d’accordo con le persone vedenti su fatti arbitrari sul colore, ad esempio, che le banane erano gialle, il ragionamento dei ciechi sul perché le banane sono gialle e i giudizi su quanto è probabile che due banane siano dello stesso colore (consistenza del colore) erano identiche alle persone vedenti, ha scoperto il team. Il risultato è stato riscontrato su diversi tipi di oggetti, compresi quelli colorati per motivi specifici, come segnali di stop, monete e persino abiti da sposa. Anche gli individui ciechi e vedenti hanno mostrato la stessa profondità di comprensione nello spiegare perché gli oggetti avevano determinati colori. Il colore degli orsi polari è stato un esempio rivelatore dell’esperimento. Tutti i partecipanti vedenti hanno affermato di essere bianchi per mimetizzarsi con la neve, ma alcuni partecipanti ciechi hanno affermato di essere neri per assorbire il calore e stare al caldo. I ciechi danno una spiegazione coerente del colore di un orso polare anche quando non sono d’accordo con le persone vedenti sul colore particolare di un orso polare.
Successivamente il team ha chiesto ai partecipanti di fare previsioni sui colori di oggetti immaginari che non avevano mai visto o sentito parlare in uno scenario “esploratore su un’isola”. Volevano vedere come le persone ragionano su cose che non hanno mai sperimentato. È un ottimo modo per testare la profondità della comprensione del colore delle persone. Il team ha parlato ai partecipanti degli oggetti trovati su un’isola remota dove le persone hanno la propria lingua, strumenti, macchine, costumi, ecc., e l’ecologia dell’isola è unica. I partecipanti hanno sentito parlare di oggetti come “una gemma verde appuntita delle dimensioni di una mano” e “un gadget triangolare, giallo e delle dimensioni di un pollice”, quindi hanno chiesto quanto fosse probabile che anche un altro di questi fosse lo stesso colore. Le persone cieche e vedenti hanno espresso giudizi identici su questi nuovi oggetti, dimostrando che la loro conoscenza del colore si generalizza a nuovi esempi e non dipende dalla memorizzazione.
In un recente studio correlato, il team ha scoperto allo stesso modo che mentre le persone cieche non hanno visto animali come elefanti e leoni, fanno supposizioni informate sul loro aspetto basate sulla comprensione del perché gli animali hanno l’aspetto che hanno (ad esempio, i mammiferi che vivono sulla terra hanno gambe). I ricercatori vorrebbero poi determinare come viene gestita la conoscenza del colore nel cervello e lavorare con i bambini ciechi per cercare di imparare come e quando le persone cieche e vedenti acquisiscono la comprensione del colore. Ipotizzano che sia per apprendimento casuale attraverso la conversazione e la lettura, ma quando succede esattamente? I bambini ciechi e vedenti apprendono queste informazioni allo stesso modo? Ci sono differenze di sviluppo in cui i bambini vedenti acquisiscono le informazioni in età precoce, prima di usare il linguaggio e i bambini ciechi le acquisiscono solo dopo aver imparato a parlare e poi a recuperare il ritardo?

Daniele Corbo

Bibliografia: “Shared understanding of color among sighted and blind adults” by Marina Bedny et al. PNAS

Immagine: The Voice of Colors,” by Marta Zawadzka

7 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    È sempre sorprendente la mente umana.

    "Mi piace"

  2. luisa zambrotta ha detto:

    Davvero interessante, come sempre 🙏💜🙏

    "Mi piace"

    1. Grazie cara Luisa. Un abbraccio ❤️

      Piace a 1 persona

      1. luisa zambrotta ha detto:

        🤗😘🤗

        "Mi piace"

  3. Walter Esposito ha detto:

    RIDEFINIRE L’IDEA DI CECITA’: CIECHI SONO COLORO CHE CI VEDONO E NEL VEDERE NON OPERANO SECONDO COSCIENZA.

    "Mi piace"

    1. Giusto! è proprio così

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.