La salute del microbioma intestinale gioca un ruolo nella lotta alla depressione durante la pandemia

Body and Soul Painting by luisa maggioni |

I ricercatori della Case Western Reserve University, dell’University Hospitals Cleveland Medical Center (UH), del BIOHM Health LLC e del Louis Stokes Cleveland VA Medical Center hanno pubblicato un articolo su  Frontiers of Nutrition, proponendo un’ipotesi e una teoria su un approccio basato sul microbioma per combattere la depressione durante la pandemia di COVID-19. Nel loro articolo, i ricercatori scrivono che i significativi fattori di stress causati ed esacerbati da COVID-19 sono associati a sorprendenti picchi nelle malattie mentali, in particolare quelli legati ai disturbi depressivi.
Entro un mese dall’inizio della pandemia di COVID-19, i ricercatori scrivono che è stato riportato un aumento del 34,1 percento delle prescrizioni di farmaci anti-ansia, un aumento del 18,6 percento delle prescrizioni di antidepressivi e un aumento del 14,8 percento in comune farmaci anti-insonnia compresi i farmaci anti-insonnia prescritti negli Stati Uniti. Durante un periodo di tempo così breve, questo forte aumento suggerisce l’entità dell’effetto immediato e diffuso di COVID-19 sulla salute mentale. Nel loro articolo, pubblicato il 24 agosto, hanno esaminato la letteratura attuale che circonda il microbioma e l’asse intestino-cervello per promuovere un potenziale approccio complementare per affrontare la depressione e i disturbi depressivi che sono aumentati durante la pandemia di COVID-19. L’impatto del microbioma intestinale umano sulla salute emotiva è un campo emergente. 
Anche se è necessario condurre ulteriori ricerche, le prove attuali sono estremamente promettenti e suggeriscono che almeno una parte della risposta per comprendere in modo più approfondito la depressione potrebbe risiedere all’interno del microbioma. Il microbioma è definito come i genomi collettivi dei microbi (composti da batteri, funghi, protozoi e virus) che vivono all’interno e sul corpo umano, ma principalmente nell’intestino umano. Gli scienziati stanno imparando che questi microbi svolgono un ruolo significativo nella salute e nelle malattie. Gli studi suggeriscono anche che il microbioma ha un impatto sul nostro cervello e sulle nostre emozioni. Il microbioma intestinale e il cervello comunicano tra loro attraverso percorsi di segnalazione neurali, infiammatori e ormonali. Come risultato dell’interazione bidirezionale tra il microbioma intestinale e il cervello, ciascuno può inviare messaggi che hanno un impatto sull’altro.
I ricercatori propongono che un approccio olistico basato sul microbioma, che comporta annotazioni attente del microbioma e potenziali modifiche attraverso la dieta, i probiotici e i cambiamenti dello stile di vita, possa affrontare la depressione. Nonostante il bilancio che la depressione ha sia sugli individui che sulla società, è difficile comprendere e trattare efficacemente i disturbi depressivi. La ricerca attuale che affronta la diagnosi e il trattamento della depressione e dei disturbi dell’umore è in corso, ma ha bisogno di più tempo per sviluppare le complessità legate a come trattarli. Alcuni studi hanno fatto luce sulla potenziale correlazione tra l’infezione da COVID e il disturbo del microbioma, ma presentano limitazioni che richiedono ulteriori indagini con campioni di dimensioni maggiori per approssimare la popolazione generale. Tuttavia, i ricercatori hanno trovato ulteriori prove a sostegno del legame intestino-cervello e della relazione tra depressione e microbioma intestinale. Vedono questa connessione come un potenziale nuovo e più efficace obiettivo per la gestione della depressione. È chiaro che la composizione del microbioma intestinale negli individui con disturbi depressivi è interrotta e manca dei livelli appropriati di microrganismi benefici. Incoraggiare la crescita di tali microrganismi benefici e riequilibrare il microbioma intestinale negli individui possa essere un passo promettente per aiutare le persone ad alleviare la loro depressione attraverso l’asse intestino-cervello. I ricercatori propongono un approccio multiforme per gestire la depressione che prevede il riequilibrio e il mantenimento del microbioma intestinale attraverso la dieta, i probiotici e specifici cambiamenti nello stile di vita. Nello specifico bisognerebbe:

  • Una dieta sana di frutta e verdura. Questi fattori nutrizionali sembrano essere associati a tassi di depressione ridotti, probabilmente a causa delle loro proprietà antinfiammatorie, neuroprotettive e prebiotiche.
  • Probiotici per svolgere la funzione critica di riequilibrare il microbioma e curare la depressione.
  • Abitudini di stile di vita, tra cui esercizio fisico, sonno e riduzione dello stress.

Non solo il consumo di probiotici dovrebbe ripristinare l’equilibrio intestinale, ma può anche ridurre la probabilità di colonizzazione dell’intestino da parte di patogeni opportunisti, come riportato in molti studi che hanno analizzato il microbioma intestinale nei pazienti infetti da COVID-19.

Daniele Corbo

Bibliografia: “A Microbiome-Driven Approach to Combating Depression During the COVID-19 Pandemic” by Mahmoud A. Ghannoum et al. Frontiers in Nutrition

Immagine: Body and Soul (luisa maggioni)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Molto interessante questo articolo, conosco l’importanza del microbioma ma non tutto ciò che hai riportato tu. Grazie.

    "Mi piace"

    1. Grazie a te. Le neuroscienze se ne occupano sempre di più per le molteplici implicazioni che hanno sul cervello.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.