Il consumo di cacao può aiutarci a invecchiare meglio?

Chocolate-Cake Paintings For Sale |

Se il consumo di cacao, noto per essere ricco di potenti antiossidanti che proteggono le nostre cellule dai danni, ci aiuta a invecchiare meglio, è una domanda a cui gli scienziati vogliono rispondere definitivamente. Stanno cercando risposte nel sangue di 600 individui di età pari o superiore a 60 anni che hanno partecipato al più grande studio di sempre per valutare l’impatto di un integratore di cacao e di un comune multivitaminico, sulla riduzione del rischio di malattie cardiache, ictus, cancro e altri risultati sulla salute.
Il  COSMOS  Trial (COcoa Supplement and Multivitamin Outcomes Study), condotto dai ricercatori del Brigham and Women’s Hospital e del Fred Hutchinson Cancer Research Center, ha raccolto dati da 21.444 uomini e donne che hanno esaminato l’impatto di un integratore di estratto di cacao e/o multivitaminici su comuni problemi di salute, la maggior parte dei quali aumenta con l’età. I prodotti a base di cacao sono diventati un “alimento ampiamente consumato” con una domanda ancora in crescita e un crescente interesse per il loro potenziale anti-invecchiamento. La gente pensa che il consumo di cioccolato faccia bene, mal’entusiasmo mondiale per il dolcetto ha superato le prove scientifiche dei suoi benefici negli esseri umani. Il cioccolato è ampiamente considerato benefico perché ha un alto contenuto di flavanoli, antiossidanti noti per produrre una potente risposta antinfiammatoria. In effetti, i flavanoli sono l’ingrediente principale, in particolare nel cioccolato fondente e il cacao è una forma più pura di cioccolato.
Gli esperti del settore osservano che i flavanoli vengono spesso distrutti nella normale lavorazione del cacao e del cioccolato. Quindi, mentre il cioccolato può contenere alcuni flavanoli del cacao, il cioccolato non è una fonte affidabile di questi composti e non ha le giuste qualità nutrizionali per essere consumato come alimento salutare. Non c’è dubbio che i flavanoli ti fanno bene, le domande sono quanto e in che modo ti fanno bene. Mentre ci sono state prove in colture cellulari, modelli animali e anche alcuni studi umani relativamente piccoli della potenza antinfiammatoria del cacao, non c’erano stati studi controllati randomizzati su larga scala, studi scientifici in cui un gran numero di partecipanti è assegnato casualmente in diversi bracci di studio che includono alcuni partecipanti che ricevono un placebo e/o un trattamento diverso, spesso qualunque sia considerato l’attuale standard di trattamento. Non ci sono prove solide che anche i multivitaminici, l’integratore più comunemente usato, che è ampiamente associato a benefici come la riduzione del rischio di cancro, siano di beneficio. Sebbene non contesti la plausibilità biologica che sia il cioccolato che i multivitaminici dovrebbero avere qualche beneficio per la salute, alla base di ciò che scegliamo di mettere nel nostro corpo con l’obiettivo di migliorare la nostra salute dovrebbero esserci solide prove scientifiche. Le dimensioni e la durata del processo COSMOS consentiranno di dimostrarlo e contestarlo, esaminando specificamente l’invecchiamento, compreso la cosiddetta “infiammazione” e l’invecchiamento epigenetico, entrambi considerati buoni indicatori della nostra età biologica. 
Piuttosto che guardare solo all’anno in cui sei nato, l’età biologica tiene conto anche di fattori chiave che influiscono sulla tua funzione e salute, come la genetica e lo stile di vita. Ha anche misure di invecchiamento più standard su questi individui, come la pressione sanguigna e i test di funzionalità cognitiva. L’infiammazione è un fattore importante nell’invecchiamento e in condizioni comuni come infarto, ictus, Alzheimer e cancro, e l'”infiammazione” è stata caratterizzata come infiammazione cronica di basso grado che probabilmente aumenta il rischio di queste condizioni correlate all’infiammazione. I cambiamenti epigenetici, come la metilazione del DNA, che possono essere buoni o cattivi e possono derivare da esposizioni ambientali, compresi i cibi che mangiamo, sono cambiamenti nella struttura fisica del DNA che influiscono sull’espressione genica e, in definitiva, su ciò che fanno i nostri geni, inclusa la loro disattivazione. I cambiamenti epigenetici sono ora considerati un potente predittore della durata della vita e della salute, nonché della suscettibilità alle malattie e alla morte.
Il team analizzerà i livelli dei principali fattori pro e antinfiammatori al basale e all’anno uno e due della sperimentazione COSMOS nel sangue di coloro che assumono l’integratore di cacao, un multivitaminico, entrambi o nessuno dei due. Effettuerà anche analisi genetiche sofisticate e approfondite alla ricerca di cambiamenti genetici correlati all’invecchiamento e utilizzando “orologi epigenetici” in grado di calcolare l’età biologica in base alla quantità di metilazione del DNA. Il suo lavoro avrà l’ulteriore vantaggio di definire meglio qualsiasi beneficio dei multivitaminici, un integratore top utilizzato da molti  solo  perché pensano che faccia bene a loro. L’infiammazione può essere valutata oggettivamente da misure come i livelli ematici di proteina C-reattiva, una sorta di biomarcatore dell’infiammazione, che è prodotto dal fegato e può aumentare notevolmente con l’infiammazione. Si possono paragonare i livelli di proteina C-reattiva, che i medici misurano regolarmente, a un contatore Geiger per la risposta immunitaria. Valuterà anche i livelli di fattore di necrosi tumorale alfa, che come suggerisce il nome, è una citochina infiammatoria che attacca il cancro e altri invasori, ma può essere problematica a livelli elevati. Misurerà anche i livelli di marcatori antinfiammatori come l’interleuchina-10 o IL 10, quindi esplorerà l’interazione tra infiammazione e invecchiamento epigenetico, ad esempio se i geni che regolano l’espressione di IL-10 aumentano anche la metilazione del DNA e se quando la pressione sanguigna diminuisce, riduce l’infiammazione o modifica prima la metilazione.
L’ipotesi centrale dei ricercatori è che la supplementazione di cacao riduca l’invecchiamento epigenetico e l’infiammazione, riducendo di conseguenza il rischio di malattie cardiovascolari, il killer numero uno che tende ad aumentare di incidenza all’età di 65 anni e oltre. Se scoprono che gli indicatori di infiammazione e malattie cardiovascolari sono ridotti, vogliono sapere se sono le riduzioni dei cambiamenti epigenetici a guidare i miglioramenti. In particolare, il cioccolato fondente viene regolarmente pubblicizzato per i suoi benefici per la salute come una fonte naturale e buona di antiossidanti, nonché ferro, rame e altre cose buone per il cuore e la salute. È stato riferito che mangiare cioccolato abbassa il colesterolo, la pressione sanguigna, il declino cognitivo e aumenta la risposta immunitaria agli invasori come il coronavirus. Anche cibi e bevande come uva e vino rosso, pomodori, cipolle, frutti di bosco e pesche sono considerati buone fonti di flavanoli. I sondaggi indicano che la maggior parte degli adulti americani usa un integratore alimentare, con un uso femminile superiore a quello maschile e un utilizzo complessivo che aumenta con l’età, secondo i Centers for Disease Control and Prevention. I multivitaminici sono un integratore preferito.

Daniele Corbo

Bibliografia: Medical College of Georgia at Augusta University

Immagini: SLICE OF CHOCOLATE CAKE. STILL LIFE (Dmitriy Fedorov)

16 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Uno studio ben strutturato

    "Mi piace"

  2. Martina ha detto:

    Quindi non posso ammazzarmi di Nutella? 😅

    "Mi piace"

      1. Martina ha detto:

        Ahahahah ho letto tardi 🥴🥴🥴🥴

        "Mi piace"

  3. E io che adoro il cioccolato fondente almenonalm70%!!!

    "Mi piace"

    1. Sei fortunata! Anche a me piace molto. E apprezzo anche le fave di cacao

      Piace a 1 persona

      1. Anch’io le fave le adoro più dello cioccolato fondente 😊

        "Mi piace"

  4. Stelio ha detto:

    Amo il cioccolato, rigorosamente fondente, e amo ancor di più il cioccolato crudo, ovvero non temperato.
    Il cioccolato crudo non subisce nessun riscaldamento oltre i 42°C, e così mantiene molte delle sue proprietà benefiche che verrebbero perse durante la tempera, quella lavorazione che lo rende così liscio e morbido al palato.
    Il cioccolato di Modica può essere considerato “parzialmente crudo” in quanto le fave di cacao vengono tostate, mentre in quello “totalmente crudo” sono essicate al sole e lavorate al freddo.
    Ahoj

    Piace a 1 persona

    1. Grazie mille per il tuo commento, non sapevo queste informazioni. Il cioccolato di Modica mi piace tantissimo!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.