La misurazione delle onde cerebrali potrebbe diagnosticare precocemente la demenza

Dementia Paintings For Sale

Il nostro sistema di memoria visiva ha una capacità straordinariamente grande. Scorri la galleria di immagini sul tuo telefono o avanza velocemente attraverso un film visto in precedenza e nota come le immagini presentate brevemente attivano i ricordi con poco o nessun sforzo da parte tua. Bene, alcuni ricercatori hanno sfruttato questo sistema di memoria visiva passiva per sviluppare un test che un giorno potrebbe essere utilizzato per diagnosticare il morbo di Alzheimer.
La persona sottoposta al test è dotata di un casco per elettroencefalografia (EEG) per registrare la propria attività cerebrale e visualizza una serie di immagini di oggetti di uso quotidiano sullo schermo di un computer. Quindi guarda un flusso di immagini diverse, intervallate periodicamente da una delle immagini che hanno visto inizialmente. Le immagini vengono presentate sullo schermo a una velocità di tre immagini al secondo (3Hz). Le immagini che sono state mostrate per la prima volta appaiono come ogni quinta immagine. Se la persona ricorda l’immagine, la lettura dell’EEG mostra una risposta neurale distinta e un’altra cinque immagini dopo, e così via. Osservando i segnali EEG per l’attività a questa frequenza specifica (0,6 Hz), possiamo misurare la forza della risposta della memoria di una persona alle immagini viste in precedenza.
La bellezza di questo test è che misura la memoria in modo passivo e oggettivo. Le persone non forniscono alcuna risposta e non hanno nemmeno bisogno di capire il compito. Guardano semplicemente una serie di immagini mentre indossano un berretto EEG. L’attività richiede solo due minuti. E poiché è passivo, è ideale per l’utilizzo con persone con deficit cognitivo che non possono seguire istruzioni complesse di attività. Quando a una persona viene diagnosticato il morbo di Alzheimer, che è la forma più comune di demenza, di solito  ha la malattia fino a 20 anni . La diagnosi chiaramente non si verifica abbastanza presto.
L’Alzheimer viene diagnosticato utilizzando una combinazione di segnalazioni di declino della memoria da parte del paziente e dei suoi familiari o caregiver, che spesso comportano test somministrati in una clinica. Questi test non sono l’ideale perché l’ansia del paziente può interferire con il risultato. Richiedono anche che la persona sia in grado di parlare e scrivere, il che li rende inefficaci per alcune persone.
Speriamo che questo nuovo test, chiamato Fastball, fornisca un nuovo strumento che aggiri questi pregiudizi e offra a medici e scienziati un nuovo modo per quantificare i cambiamenti che si verificano nella memoria come conseguenza della malattia. La ricerca,  pubblicata  sulla rivista Brain , mostra che le persone con malattia di Alzheimer mostrano una risposta di memoria significativamente ridotta rispetto agli anziani sani. Utilizzando le risposte di un solo compito Fastball passivo di due minuti, hanno potuto discriminare 20 pazienti con malattia di Alzheimer da 20 controlli anziani sani con una precisione dell’86%. Questa precisione aumenta al 92% quando si concentrano su un sottoinsieme di elettrodi nelle aree di elaborazione visiva. Stanno anche conducendo  uno studio a lungo termine  utilizzando questa nuova tecnologia in persone con lieve decadimento cognitivo. Le prime analisi, che devono ancora essere pubblicate, suggeriscono che Fastball può rilevare danni precoci della memoria. E si spera che questa misura passiva e oggettiva della memoria sia in grado di prevedere quale di queste persone svilupperà in seguito il morbo di Alzheimer. 

I vantaggi di una diagnosi precoce

Potresti chiederti se qualcuno vorrebbe essere diagnosticato prima ancora di essere consapevole di avere il morbo di Alzheimer? Un  recente sondaggio  mostra che, in effetti, molti lo vorrebbero. Quasi tre quarti degli intervistati hanno affermato che vorrebbero sapere se avevano il morbo di Alzheimer, anche se non avevano ancora sintomi. Prima le persone sanno di essere a rischio di sviluppare l’Alzheimer, prima possono apportare semplici cambiamenti allo stile di vita, come fare più esercizio fisico e ridurre l’alcol, che può  rallentare il progresso  della malattia. E, nel luglio 2021, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha  approvato Aduhelm , il primo farmaco che cura il morbo di Alzheimer. L’efficacia di Aduhelm, e dei futuri farmaci, può essere aiutata da una diagnosi precoce e più accurata del morbo di Alzheimer. L’effetto di Aduhelm sulla funzione cognitiva non è così chiaro come il suo effetto sulle caratteristiche fisiche del morbo di Alzheimer nel cervello. Marcatori cognitivi più sensibili, come Fastball, potrebbero essere in grado di rilevare meglio l’effetto che un farmaco potrebbe avere sulla funzione del cervello.

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation

Immagine: Space of unknown (Ljubica Mladenovic)

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. Molto molto interessante tutto questo!!!

    "Mi piace"

    1. La diagnosi preventiva è sempre importantissima!

      Piace a 1 persona

  2. Le perle di R. ha detto:

    Se tutto sarà confermato sarebbe una scoperta che potrebbe fare una gran differenza nella vita delle persone. 🤞

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.