Le nostre scelte potrebbero renderci più individualisti

fuk society Painting by Davide Scutece |

Secondo una ricerca, un americano medio prende circa 35.000 decisioni ogni giorno. Queste decisioni vanno dal banale – di che colore indossare la maglietta – all’importante – se essere vaccinati o meno. L’America è chiamata la repubblica delle scelte. Basta andare al supermercato: c’è una varietà sbalorditiva di soli biscotti. Negli ultimi tre decenni, secondo il Food Marketing Institute, un gruppo commerciale, il numero di prodotti nel supermercato medio è aumentato da una media di quasi 9.000 a quasi 47.000. Sebbene avere una varietà di scelte sia ampiamente visto come una conseguenza positiva dello sviluppo economico, quale impatto ha questa esplosione di scelta sulla psiche dell’individuo e, inoltre, sulla società nel suo insieme?
Nella sua ricerca recentemente pubblicata in Proceedings of the National Academy of Sciences, “The salience of choice fuels independence: Implications for self-perception, cognition, and behavior,” un gruppo di ricerca illustra come questa salienza della scelta da sola possa avere una gamma di potenti effetti psicologici. Il solo pensiero di fare delle scelte rende le persone più indipendenti e più preoccupate per i propri interessi personali. Rende le persone più individualiste.
Queste scelte non devono necessariamente essere decisioni che cambiano la vita per avere un impatto. Le scelte effettive potrebbero essere banali. Forse ti sei svegliato questa mattina e hai scelto di mangiare cereali per colazione invece di uova. Hai scelto di mettere mi piace ad alcuni post su Instagram ma ne hai ignorati molti altri. Questo semplice  senso  di scelta, che sei al posto di guida, fa sentire le persone indipendenti e importanti.
Si dice che facciamo scelte che modellano il nostro ambiente, ma la maggior parte di noi non si rende conto di come le nostre scelte ci modellano. Questa focalizzazione su se stessi non è necessariamente negativa. In effetti, può avere una serie di conseguenze positive per l’individuo. Quando le persone si considerano indipendenti, è meno probabile che tollerino molestie o discriminazioni, più disposte ad alzare la voce e più disposte a negoziare condizioni migliori per se stesse. Tuttavia, l’aumento dell’individualismo può potenzialmente avere conseguenze negative per il benessere collettivo. La scelta è buona per l’individuo, ma potrebbe essere negativa per la società. 
Man mano che le persone diventano più indipendenti e più individualiste, più interessate a se stesse, diventa più difficile intraprendere un’azione collettiva. Stiamo potenzialmente assistendo a quelle conseguenze negative ora durante la pandemia di COVID-19, poiché le persone scelgono sempre più di affermare la propria indipendenza e agire nel proprio interesse, ad esempio non indossando maschere o non facendosi vaccinare. Le sfide che il mondo sta affrontando in questo momento – la pandemia di COVID-19, il cambiamento climatico, la discriminazione, i pregiudizi e l’iniquità – richiedono un’azione collettiva, hanno bisogno che le persone lavorino insieme per il bene più grande.
Mentre gli Stati Uniti d’America sono stati fondati sugli ideali dell’individualismo, che dire delle società più collettiviste? L’importanza della scelta ha lo stesso impatto sulle persone in nazioni in cui l’individualismo non è così prolifico? Secondo la ricerca, l’impatto è lo stesso, indipendentemente dalla cultura. Dall’America, che è già molto individualista, al Singapore e all’India, che sono entrambi paesi collettivisti. Uno sguardo alla corsia di un supermercato o alla schermata iniziale di Netflix mostra che le nostre scelte stanno solo crescendo. Quindi, cosa si può fare per garantire che la nostra attenzione all’individualismo non vada a scapito del bene più grande?
I ricercatori stanno cercando di trovare interventi per contesti specifici in cui si può attenuare questo effetto negativo della scelta sul benessere collettivo. Quali sono i tipi di interventi che si possono creare per far indossare alle persone una mascherina, o farsi vaccinare, o far sì che si prendano cura dell’ambiente? Nel frattempo, il gruppo di ricerca ha ribadito che le scelte devono essere fatte deliberatamente e consapevolmente. Ha fatto riferimento al motto della Virginia Tech per assicurarsi che stiamo prendendo le decisioni giuste, sia per noi stessi che per la nostra comunità. Il motto di Virginia Tech,  Ut Prosim  (che io possa servire), parla di questo. Fai scelte che non siano solo egoistiche, ma buone per chi ti circonda”.

Daniele Corbo

Bibliografia: “The salience of choice fuels independence: Implications for self-perception, cognition, and behavior” by Shilpa Madan et al. PNAS

Immagine: fuk society (Davide Scutece)

8 commenti Aggiungi il tuo

  1. Credo che possa davvero essere così …

    "Mi piace"

      1. E aggiungiamoci pure purtroppo!!! 😒

        "Mi piace"

      2. l’ho pensato ma non l’ho scritto😔

        Piace a 1 persona

      3. Io sono più sfacciata invece, l’ho pensato e scritto🙂

        "Mi piace"

  2. Le perle di R. ha detto:

    Credo ci sia bisogno di equilibrio tra scelte per sé soltanto e scelte che coinvolgono altri.

    "Mi piace"

    1. C’è sempre bisogno di equilibrio…

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.