La storia della depressione scritta nelle reazioni del cervello

Depression Painting by Murat Tiryakioglu |

Gli scienziati hanno scoperto che più gravemente i pazienti sono stati colpiti dalla depressione nel corso della loro vita, meno reagiscono emotivamente ai volti negativi durante la depressione attuale. I ricercatori stanno ora lavorando per capire se questo significa che una grave depressione cambia il modo in cui il cervello reagisce alle emozioni nel tempo, o se le persone con risposte emotive più forti ai volti negativi sono meno vulnerabili alla depressione a lungo termine. Entrambi possono avere implicazioni per la futura cura del paziente.
Questo lavoro viene presentato alla conferenza ECNP di Lisbona, dopo la recente pubblicazione. La depressione è un grave onere per la salute mentale, ma l’effetto diretto sull’attività cerebrale sta appena iniziando a essere compreso. Il cervello dei pazienti depressi normalmente mostra una maggiore attività in certe aree rispetto a quello delle persone sane non depresse. Ora un gruppo di scienziati tedeschi ha scoperto che, sebbene sia ancora maggiore rispetto alle persone non depresse, l’attività cerebrale dei pazienti attualmente depressi e che hanno sofferto di depressione prolungata e grave è inferiore a quella dei pazienti con depressione meno grave e prolungata. Non è stata trovata alcuna relazione specifica tra l’attività cerebrale e la depressione precedente nei pazienti in cui la depressione non è più presente.
I ricercatori hanno lavorato con 201 pazienti gravemente depressi e 161 pazienti usciti dal periodo di depressione (rimesso). Ogni paziente è stato interrogato sulla durata e sull’estensione della sua precedente depressione, il che ha permesso ai ricercatori di costruire una storia di depressione su misura. Quindi, durante lo studio, ogni paziente è stato inserito in uno scanner MRI e i cambiamenti cerebrali sono stati monitorati mentre i pazienti osservavano una serie di immagini inquietanti: volti spaventati o arrabbiati.
Hanno visto che le immagini inquietanti dei volti negativi hanno causato attività in alcune aree del cervello, principalmente l’amigdala, il paraippocampo PHG e l’insula, che sono aree in cui vengono elaborate le emozioni. Tuttavia, l’entità dell’attività cerebrale era diversa a seconda della gravità e della durata della depressione che il paziente aveva già sofferto. Quei pazienti in cui la depressione era passata mostravano un certo livello di attività, ma quei pazienti in cui la depressione era presente mostravano un’attività ridotta in queste aree del cervello. Questo differiva per ogni paziente, ma in generale più grave era la storia della depressione, meno il loro cervello rispondeva alle fotografie. In quei pazienti in cui la depressione era regredita, la risposta del cervello non era correlata alla precedente storia di depressione, il che potrebbe indicare l’importanza della remissione della malattia per la salute del cervello. Interpretare questo richiede più lavoro. 
È allettante pensare che la ridotta attività cerebrale sia un modo in cui il cervello affronta emotivamente la depressione a lungo termine e che forse il primo episodio di depressione era qualitativamente diverso dall’episodio attuale. Sembra che l’attività cerebrale sottostante correlata alle informazioni emotive di una grave depressione possa cambiare nel corso della malattia. Ma bisogna anche considerare spiegazioni alternative, ad esempio, potrebbe essere che le persone che elaborano le emozioni in un certo modo siano più vulnerabili alla depressione a lungo termine. In entrambi i casi, stiamo osservando diversi volti della depressione, con effetti diversi e risultati diversi. E forse il trattamento futuro dovrà tenerne conto.
Questo è un grande studio, quindi possiamo essere abbastanza fiduciosi in ciò che hanno trovato. Tuttavia, ora c’è bisogno di studi longitudinali, in cui i singoli pazienti depressi siano seguiti per un periodo di anni per vedere come cambia la loro risposta cerebrale. Questo studio conferma quanto profondamente il cervello dei pazienti sia colpito dalla depressione maggiore. Un certo numero di meccanismi può spiegare questi risultati, tutti rilevanti per l’ulteriore comprensione della depressione, poiché questa firma biologica potrebbe essere un fattore di rischio o una conseguenza di una depressione più grave e cronica. Inoltre, studi futuri dovrebbero chiarire se questi effetti sono guidati più dalla massima gravità della depressione, dalla cronicità della depressione o dall’esposizione agli antidepressivi; e chiarire i meccanismi molecolari alla base di questi cambiamenti funzionali.

Daniele Corbo

Bibliografia: The findings will be presented at the 34th ECNP Congress Hybrid

Immagine: Depression (Murat Tiryakioglu)

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. auacollage ha detto:

    Solo quando ne esci ti rendi conto. Solo quando la superi puoi comprenderla nella sua totalità altrimenti sono solo descrizioni. Come per tutto. Esperisci e capisci e impari.

    "Mi piace"

    1. Credo che nella sua totalità sia molto difficile da comprendere…Un abbraccio Augusta

      Piace a 1 persona

      1. auacollage ha detto:

        Se ci passi le dinamiche si declinano per soggetto con le sfumature di ciascuno ma le riconosci e, alla fine, sono le stesse. Tante cose sono più facili da comprendere. Grazie della risposta.

        "Mi piace"

      2. auacollage ha detto:

        Ma quello che ammiro sono le persone come te e altri che cercano sempre la,via giusta per aiutare e, anche con difficoltà, la trovano e perseverano. Un gran lavoro🙏 se funziona e fatto con amore altrimenti ci sono anche i disastri. Purtroppo.

        Piace a 1 persona

      3. Grazie di cuore. Si l’amore è necessario, quello disinteressato, quello che non vuole niente per se, altrimenti sono più i danni che vengono fatti. E poi c’è bisogno di competenza.

        Piace a 2 people

      4. auacollage ha detto:

        Ma grazie a te. 🌺

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.