Le differenze nella struttura del cervello tra i fratelli rendono alcuni più suscettibili allo sviluppo di comportamenti antisociali

Sisters Painting by Valentina Baicuianu |

Le differenze strutturali nell’area del cervello responsabile del processo decisionale potrebbero spiegare perché due fratelli che vivono nella stessa famiglia potrebbero differire nel rischio di sviluppare un disturbo del comportamento. Psicologi e neuroscienziati si sono a lungo interrogati sul perché fratelli con apparentemente la stessa educazione e costituzione genetica possano differire in modo così significativo in termini di comportamento: come fanno alcuni giovani che crescono in famiglie con comportamenti antisociali o criminali a tenersi fuori dai guai (la ‘ pecora bianca’ della famiglia)? 
I ricercatori delle università di Bath e Southampton hanno indagato su questa domanda studiando diversi membri delle stesse famiglie, alcuni con disturbi della condotta da condizioni di salute mentale e altri senza problemi comportamentali. Il disturbo della condotta è caratterizzato da modelli ripetitivi di comportamento aggressivo e antisociale. Si traduce in notevoli costi personali e finanziari per le persone colpite, le loro famiglie e la società in generale ed è uno dei motivi più comuni per il rinvio ai servizi di salute mentale per bambini e adolescenti nel Regno Unito. Il disturbo della condotta ha un tasso di prevalenza di circa il 5% tra i giovani di età compresa tra i 5 e i 16 anni, sebbene vi sia un forte gradiente di classe sociale: un’indagine del 2004 ha rivelato quasi il 40% dei bambini accuditi, abusati o iscritti a registri di salvaguardia, aveva un disturbo della condotta. Nonostante tutto ciò, la consapevolezza generale della condizione rimane bassa e non è riconosciuta da molti psicologi o psichiatri.
Il nuovo studio, pubblicato ieri sulla rivista  Psychological Medicine, ha cercato di comprendere i meccanismi sottostanti che potrebbero determinare il rischio di qualcuno di sviluppare la condizione. Il team internazionale ha condotto scansioni cerebrali MRI su 41 adolescenti con disturbo della condotta, 24 fratelli non affetti (che avevano un fratello o una sorella con disturbo della condotta ma non mostravano la condizione da soli) e 38 con sviluppo tipico di controlli senza storia familiare di disturbo della condotta. La loro analisi ha scoperto che i giovani con disturbo della condotta e i loro parenti mostravano entrambi differenze strutturali nel cervello, in una parte del cervello chiamata corteccia parietale inferiore. Tuttavia, c’erano anche cambiamenti strutturali nel cervello che erano specifici per il gruppo dei disturbi della condotta nelle regioni del cervello responsabili dell’empatia e del controllo cognitivo/comportamento inibitorio che non sono stati trovati nei fratelli non affetti.
Inoltre, i ricercatori hanno anche scoperto cambiamenti nella corteccia prefrontale, un’area del cervello coinvolta nella pianificazione e nel processo decisionale, che erano specifici del gruppo di fratelli non affetti, il che potrebbe spiegare perché sono protetti dal mostrare comportamenti antisociali nonostante siano cresciuti nello stesso ambiente o con fattori di rischio genetici per il disturbo della condotta. 
Il lavoro precedente dello stesso team ha scoperto che, nonostante le differenze nel comportamento antisociale tra fratelli, sia quelli con disturbo della condotta che i loro fratelli non affetti avevano difficoltà a riconoscere le espressioni facciali emotive. Questo studio mirava a comprendere le cause profonde del disturbo della condotta, in particolare ciò che rende i membri della stessa famiglia diversi nel loro comportamento antisociale e ci sono marcatori di rischio genetici per il disturbo della condotta nel cervello. Questo è uno dei primi studi familiari sul disturbo della condotta e conferma che il cervello è importante per distinguere tra i membri della stessa famiglia che sono a maggior rischio di sviluppare comportamenti antisociali o criminali.
È interessante notare che, mentre il lavoro precedente ha mostrato menomazioni comuni tra fratelli affetti e non affetti nel riconoscimento delle espressioni facciali, questo studio suggerisce che le differenze comportamentali chiave possono essere determinate da piccoli cambiamenti nella parte del cervello responsabile del funzionamento esecutivo o del processo decisionale. Queste differenze potrebbero rendere alcuni fratelli più inclini a comportamenti rischiosi e dovrebbero ora essere al centro di studi futuri. Gli autori sperano che le loro scoperte possano nel tempo aiutare a guidare i primi interventi per i fratelli più piccoli di adolescenti con disturbo della condotta, aiutandoli ad accedere all’aiuto e al trattamento in età precoce.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Neuroanatomical markers of familial risk in adolescents with conduct disorder and their unaffected relatives” by Graeme Fairchild et al. Psychiatric Medicine

Immagine: Sisters (Valentina Baicuianu)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.