Come è iniziata la superstizione che gli specchi rotti causassero sfortuna e perché esiste ancora?

BROKEN MIRROR Painting by Nik Ad |

Ogni cultura umana ha delle  superstizioni. In alcune società asiatiche le persone credono che spazzare un pavimento dopo il tramonto porti sfortuna e che sia una maledizione lasciare le bacchette in una ciotola di riso. Negli Stati Uniti , alcune persone si lasciano prendere dal panico se passano accidentalmente sotto una scala o vedono un gatto nero attraversare il loro cammino. Inoltre, molti edifici alti  non etichettano il loro tredicesimo piano come tale a  causa dell’associazione di quel numero con la sfortuna.
Le origini di molte superstizioni sono sconosciute. Altri possono essere fatti risalire a  momenti specifici della storia. In questa seconda categoria è inclusa una superstizione che ha tra i 2.000 ei 2.700 anni: rompere uno specchio porta sette anni di sfortuna. Accadde così che sia nell’antica Grecia che nell’Impero Romano, si pensava che le immagini riflesse avessero poteri misteriosi. È probabile che in uno di questi tempi e luoghi la superstizione dello specchio rotto abbia iniziato a crescere in popolarità. Sicuramente è molto affascinante capire quando i gruppi generano credenze che sono pure “costruzioni sociali” senza necessariamente avere alcun fondamento nella realtà. Probabilmente la superstizione sugli specchi rotti può essere radicata in queste antiche credenze.

Origini storiche

I greci credevano che il proprio riflesso sulla superficie di una pozza d’acqua rivelasse la propria anima. Ma furono gli artigiani romani che impararono effettivamente a fabbricare specchi da superfici metalliche lucidate e credevano che i loro dei osservassero le anime attraverso questi dispositivi. Danneggiare uno specchio era considerato così irrispettoso  che la gente pensava che costrinse gli dei a piovere sfortuna a chiunque così sbadato. Intorno al III secolo gli specchi venivano realizzati in vetro e la rottura divenne molto più comune. Ma i romani non credevano che la sfortuna sarebbe durata per sempre. Credevano che il  corpo si rinnovasse ogni sette anni. La convinzione che alla fine la fortuna sarebbe tornata è stata sicuramente confortante, e le persone hanno sempre avuto la tendenza a  credere a cose che le fanno stare bene , anche quando non sono vere.

Origini psicologiche e sociali

La mente umana ricerca continuamente e inconsciamente  schemi utili. Ad esempio, sopravviviamo riconoscendo i modelli di alimentazione e mettendoci nei posti giusti ai tempi giusti per i pasti. Evitiamo anche lesioni o morte quando attraversiamo una strada trafficata riconoscendo i modelli di traffico. Nutrirsi ed evitare di essere schiacciati nel traffico implicano entrambi l’apprendimento di modelli di causa ed effetto reali. A volte, tuttavia, il nostro cervello deduce schemi causa-effetto che non sono reali. Supponiamo che un amico ti dia un “penny fortunato”. Sei scettico, ma passano alcuni giorni e non succede niente di male. Sebbene sia solo una coincidenza, il  tuo cervello potrebbe ancora dedurre uno schema e potresti iniziare a credere che il penny abbia causato la fortuna. Nasce una superstizione. Acquisiamo anche credenze superstiziose durante la socializzazione,  imparandole dai genitori e da altre autorità fidate  mentre sono ancora giovani e aperti a un mondo pieno di possibilità magiche. Poi le nostre superstizioni circolano indefinitamente tra le famiglie e gli amici, rafforzate dal passaparola, dai social media e dai mass media. Più persone sostengono la superstizione, più sembrerà credibile e più a lungo persisterà.

Utile o dannoso?

Se capita che una superstizione ci renda più cauti davanti agli specchi, non c’è niente di male in questo. Più in generale, le superstizioni possono  ridurre lo stress e migliorare le prestazioni  quando ci troviamo in situazioni difficili. Possono anche essere divertenti e interessanti di cui parlare e promuovere la  solidarietà di gruppo. D’altra parte, bisogna procedere con cautela. Le superstizioni sono false credenze che spesso possono produrre ansia e sensi di colpa. Possono farci sentire responsabili di risultati negativi che non abbiamo causato, o sprecare la nostra energia alla ricerca di scorciatoie insostenibili per i risultati desiderati. Il buon senso da solo dovrebbe essere una ragione sufficiente per dissuaderci dal rompere gli specchi.

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation

Immagine: BROKEN MIRROR (Nik Ad)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Credo che essere troppo superstiziosi non faccia bene né alla persona che crede in esse, né a coloro che potrebbero viverle intorno. Purtroppo lo dico per esperienza diretta.

    "Mi piace"

    1. Io sono assolutamente contrario ad ogni forma di superstizione e d’altronde nella chiosa dell’articolo lo dico che ci vuole il buon senso.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.