L’infiammazione psicosomatica: come la percezione e la memoria possono influenzare la malattia

Life's pain Drawing by Krzyzanowski Art

Il tuo telefono squilla. È una notifica del tuo amico, con cui sei uscito a bere qualcosa ieri sera. Secondo il suo testo, è appena risultato positivo al COVID-19. Inizi a sentirti la gola, tossisci di soppiatto e inizi a sentire la temperatura corporea aumentare. Ma poi ti calmi (dopo aver ricevuto i risultati negativi del test del COVID, ovviamente) e ti rendi conto che questi sentimenti erano tutti nella tua testa. Ma se fosse esattamente così, e se ci fossero davvero neuroni nel cervello che potrebbero indurre una sensazione di malattia, o anche una vera malattia?
I disturbi psicosomatici sono descritti come malattie che emergono senza una causa biologica apparente e spesso includono una forte componente emotiva come fattore scatenante. In uno studio recentemente pubblicato su  Cell, gli scienziati del Technion esplorano il potenziale del cervello di causare malattie da solo. Nello specifico, hanno indotto l’infiammazione nei topi e poi hanno attivato i neuroni nel cervello che erano attivi durante l’infiammazione iniziale. Hanno dimostrato che durante l’infiammazione del colon, diverse regioni del cervello esercitano una maggiore attività neuronale, una delle quali era la corteccia insulare (insula). 
L’insula è un’area del cervello responsabile dell’interocezione, cioè del senso dello stato fisiologico del corpo. Ciò include fame, sete, dolore e frequenza cardiaca. I ricercatori hanno ipotizzato che se la segnalazione di infiammazione in alcune aree del corpo viene memorizzata da qualche parte nel cervello, quest’area responsabile dell’interocezione sarebbe coinvolta. Armati di questa ipotesi, hanno indotto nei topi un’infiammazione del colon e, usando tecniche di manipolazione genetica, hanno “catturato” gruppi di neuroni nella corteccia insulare che hanno mostrato un’attività aumentata durante l’infiammazione. Una volta che i topi erano sani, i ricercatori hanno attivato artificialmente questi neuroni “catturati”. Senza alcuno stimolo esterno diverso da questo innesco di cellule nel cervello, l’infiammazione è riemersa, esattamente nella stessa area in cui si trovava prima. Bastava “ricordare” l’infiammazione per riattivarla.
In modo simile, il gruppo di ricerca ha anche dimostrato l’effetto opposto: nei topi con infiammazione attiva, la soppressione dei neuroni che lo ricordavano ha prodotto una riduzione immediata dell’infiammazione. Sebbene questo fosse uno studio di base sui topi e ci siano molteplici sfide nel tradurre il concetto negli esseri umani, queste scoperte aprono una nuova strada terapeutica per il trattamento di condizioni infiammatorie croniche come il morbo di Crohn, la psoriasi e altre condizioni autoimmuni, attenuando la loro traccia di memoria nel cervello. Ci sono vantaggi evolutivi in ​​una tale connessione, spiegando lo strano fenomeno per cui il sistema immunitario dovrebbe essere attivato dalla sola memoria, senza un innesco esterno. Il corpo deve rispondere alle infezioni il più rapidamente possibile prima che i batteri o i virus attaccanti possano moltiplicarsi. 
Se una determinata attività, ad esempio il consumo di determinati alimenti, ha esposto una volta il corpo a infezioni e infiammazioni, c’è un vantaggio nell’attrezzarsi per la battaglia quando si sta per intraprendere nuovamente la stessa attività. Un tempo di risposta più breve consentirebbe al corpo di sconfiggere l’infezione più velocemente e con meno sforzo. Il problema ovviamente è quando un meccanismo così efficace va fuori controllo e può da solo generare la malattia. Le scoperte del gruppo hanno ampie implicazioni per comprendere il modo in cui la mente e il corpo umani si influenzano a vicenda, ma anche implicazioni più immediate per la comprensione e il trattamento di malattie con un elemento psicosomatico, come la sindrome dell’intestino irritabile e persino malattie autoimmuni e allergie.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Insular cortex neurons encode and retrieve specific immune responses” by Tamar Koren et al. Cell

Immagine: Life’s pain (Krzyzanowski Art)

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Davvero interessantissimo

    "Mi piace"

      1. Le perle di R. ha detto:

        A te 🙂

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.