Utilizzo dell’intelligenza artificiale per rilevare i segni di ansia

Anxious Painting by Artsiom Albach |

I ricercatori stanno utilizzando l’intelligenza artificiale (AI) per rilevare i segni comportamentali di ansia con una precisione superiore al 90% e suggeriscono che l’AI potrebbe avere applicazioni future per affrontare la salute mentale e il benessere. La loro ricerca è pubblicata sulla rivista  Pervasive and Mobile Computing.
Nei due anni dall’inizio del COVID-19, e un disastro climatico dopo l’altro, sempre più persone stanno vivendo l’ansia. La ricerca della Simon Fraser University sembra dimostrare che l’intelligenza artificiale potrebbe fornire una misurazione altamente affidabile per riconoscere i segni che qualcuno è ansioso. I ricercatori dell’Institute of Business Administration di Karachi, in Pakistan, hanno raccolto una vasta gamma di dati da partecipanti adulti per il loro studio sul riconoscimento dell’attività umana (HAR). 
I partecipanti hanno eseguito una serie di attività in un ordine specifico indossando sensori che registravano i loro movimenti. I ricercatori hanno creato un set di dati di attività di comportamenti tipici di visualizzazione dell’ansia che i sensori possono rilevare, tra cui sedersi inattivo, mangiarsi le unghie, scrocchiare le nocche e picchiettare le mani. I loro comportamenti sono stati analizzati utilizzando algoritmi di deep learning e modelli ibridi computazionali.
Il disturbo d’ansia è la forma più comune di disturbo mentale, secondo l’American Psychiatric Association (APA), che colpisce il 30% della popolazione adulta ad un certo punto della loro vita. I ricercatori suggeriscono che l’intelligenza artificiale potrebbe aiutare nell’analisi, diagnosi, trattamento e monitoraggio di disturbi psicologici come il disturbo d’ansia (AD). Sono fiduciosi che, man mano che viene fatto più lavoro per sviluppare questo metodo, possono aiutare a fornire dati più accurati per la ricerca clinica e per i professionisti. Il loro obiettivo con questa ricerca è espandere gli orizzonti per l’identificazione dei disturbi d’ansia e, in definitiva, il miglioramento della salute mentale delle persone. Il rapido sviluppo nel campo dell’intelligenza artificiale e della tecnologia dei sensori ha reso possibile l’accesso e l’elaborazione dei dati relativi ai disturbi mentali, emotivi e comportamentali. Può essere ulteriormente studiato ed esplorato per comprendere i comportamenti non detti e migliorare la salute mentale in generale. Vi è un’enorme opportunità per il settore sanitario di beneficiare delle applicazioni dell’intelligenza artificiale e la lor ricerca sull’utilizzo di sensori di movimento per rilevare comportamenti legati all’ansia è un esempio di ciò che è possibile.

Daniele Corbo

Bibliografia: “ADAM-sense: Anxiety-displaying activities recognition by motion sensors” by Nida Saddaf Khan et al. Pervasive and Mobile Computing 

Immagine: Anxious (Artsiom Albach)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.