L’inquinamento atmosferico riduce i benefici dell’attività fisica sul cervello?

THE LAST DREAMERS Painting by Gregor Ziolkowski |

Un nuovo studio pubblicato su Neurology mostra che le persone che svolgono attività fisiche intense, come fare jogging o praticare sport competitivi, in aree con maggiore inquinamento atmosferico possono mostrare meno benefici da quell’esercizio quando si tratta di determinati indicatori di malattie cerebrali.
I marcatori esaminati nello studio includevano le iperintensità della sostanza bianca, che indicano lesioni alla sostanza bianca del cervello, e il volume della materia grigia. Volumi più grandi di materia grigia e volumi più piccoli di iperintensità di sostanza bianca sono indicatori di una migliore salute generale del cervello. L’esercizio vigoroso può aumentare l’esposizione all’inquinamento atmosferico e studi precedenti hanno mostrato effetti negativi dell’inquinamento atmosferico sul cervello.
Hanno dimostrato che l’attività fisica è associata a marcatori migliorati della salute del cervello in aree con un minor inquinamento atmosferico. Tuttavia, alcuni effetti benefici sono sostanzialmente scomparsi per un’attività fisica intensa nelle aree con i più alti livelli di inquinamento atmosferico. Questo non vuol dire che le persone dovrebbero evitare l’esercizio. Nel complesso, l’effetto dell’inquinamento atmosferico sulla salute del cervello è stato all’incirca equivalente alla metà dell’effetto di un anno di invecchiamento, mentre gli effetti di un’attività vigorosa sulla salute del cervello erano molto più grandi, circa pari a tre anni in meno.
Lo studio ha esaminato 8.600 persone con un’età media di 56 anni della UK Biobank, un grande database biomedico. L’esposizione delle persone all’inquinamento, compreso il biossido di azoto e il particolato, che sono particelle di liquidi o solidi sospesi nell’aria, è stata stimata con la regressione dell’uso del suolo. Uno studio di regressione dell’uso del suolo modella i livelli di inquinamento atmosferico sulla base dei monitor dell’aria e delle caratteristiche dell’uso del suolo come il traffico, l’agricoltura e le fonti industriali di inquinamento atmosferico.
Le esposizioni all’inquinamento atmosferico dei partecipanti sono state classificate in quattro gruppi uguali, dall’inquinamento atmosferico più basso al più alto. L’attività fisica di ogni persona è stata misurata per una settimana con un dispositivo di rilevamento del movimento che indossavano chiamato accelerometro. Quindi i ricercatori hanno caratterizzato i loro modelli di attività fisica a seconda di quanta attività fisica vigorosa hanno ottenuto, che vanno da nessuna a 30 minuti o più a settimana. Le persone che hanno svolto la maggior quantità di attività fisica vigorosa ogni settimana, in media, avevano un  volume di materia grigia di 800 cm 3 , rispetto a una media di 790 cm di volume di materia grigia nelle persone che non hanno svolto alcun esercizio vigoroso. 
I ricercatori hanno dimostrato che le esposizioni all’inquinamento atmosferico non alterano gli effetti dell’attività fisica sul volume della materia grigia. Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che l’esposizione all’inquinamento atmosferico alterava gli effetti di una vigorosa attività fisica quando si osservava l’iperintensità della sostanza bianca. Dopo aver aggiustato per età, sesso e altre covariate, i ricercatori hanno scoperto che un’attività fisica vigorosa riduce l’iperintensità della sostanza bianca nelle aree a basso inquinamento atmosferico, ma questi benefici non sono stati riscontrati tra quelli nelle aree ad alto inquinamento atmosferico.
Sono necessarie ulteriori ricerche, ma se questi risultati verranno replicati, la politica pubblica potrebbe essere utilizzata per affrontare l’esposizione delle persone all’inquinamento atmosferico durante l’esercizio. Ad esempio, poiché una quantità significativa di inquinamento atmosferico deriva dal traffico, la promozione della corsa o della bicicletta lungo percorsi lontani dal traffico pesante può essere più vantaggiosa.

Daniele Corbo

Bibliografia: The findings will appear in Neurology

Immagine: THE LAST DREAMERS (Gregor Ziolkowski)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.