Cibo spazzatura e cervello: come le diete moderne prive di micronutrienti possono contribuire alla rabbia

Junk-Food Paintings For Sale

Negli ultimi anni le osservazioni emotive, non razionali e persino esplosive nel discorso pubblico sono aumentate. I politici subiscono insulti durante  le discussioni legislative ; gli scienziati ricevono e-mail e tweet contenenti  insulti e minacce. Cosa sta succedendo? Questa escalation di retorica arrabbiata è  talvolta attribuita ai social media. Ma ci sono altre influenze che alterano gli stili di comunicazione? I ricercatori nel campo della nutrizione e della salute mentale e autori di  The Better Brain, riconoscono che molti nella nostra società soffrono di fame cerebrale, compromettendo la loro funzione cognitiva e la regolazione delle emozioni.

Prodotti ultra-lavorati

Ovviamente, non siamo carenti di macronutrienti: i nordamericani tendono ad assumere proteine, grassi (anche se di solito non i migliori) e carboidrati (di solito non i carboidrati complessi buoni) a sufficienza. Ma veniamo defraudati dei micronutrienti (minerali e vitamine), in particolare in coloro le cui scelte alimentari sono dominate da prodotti ultralavorati. I prodotti ultra elaborati includono cose come bevande analcoliche, snack confezionati, cereali per la colazione zuccherati e bocconcini di pollo. Generalmente contengono solo quantità insignificanti di pochi micronutrienti a meno che non siano fortificati, ma anche in questo caso, solo pochi a quantità maggiori. Tre analisi pubblicate dalla Canadian Community Health Survey del 2004 e dalla US National Health and Nutrition Examination Survey del 2018 hanno rivelato queste statistiche che fanno riflettere: in Canada, nel 2004, il  48% dell’apporto calorico in tutte le età proveniva da prodotti ultralavorati; negli Stati Uniti il ​​67 percento di ciò che i bambini dai due ai 19 anni hanno consumato e il 57 percento di quello che gli adulti hanno consumato  nel 2018 erano prodotti ultralavorati. La maggior parte di noi è consapevole che l’assunzione alimentare è un grosso problema per la salute fisica perché la qualità della dieta è associata a condizioni di salute croniche come  obesità, diabete e malattie cardiovascolari . Il pubblico è meno consapevole dell’impatto della nutrizione sulla salute del cervello.

Micronutrienti e sintomi di salute mentale

Dato che le scelte alimentari della nostra società si sono spostate così fortemente verso prodotti ultra-elaborati, dobbiamo conoscere le prove scientifiche sostanziali che dimostrano che l’assunzione di micronutrienti influenza i sintomi della salute mentale, in particolare l’irritabilità, la rabbia esplosiva e l’umore instabile. La base di prove scientifiche per questa affermazione è ora vasta, sebbene sia menzionata così raramente nei media che pochi nel pubblico la conoscono. Una dozzina di studi provenienti da paesi  come Canada ,  Spagna ,  Giappone  e Australia  hanno dimostrato che le persone che seguono una dieta sana e con cibi integrali hanno meno sintomi di depressione e ansia rispetto alle persone che seguono una dieta povera (per lo più prodotti ultra-elaborati). Gli studi correlazionali non possono dimostrare che le scelte nutrizionali siano la causa dei problemi di salute mentale: per questo bisogna rivolgersi ad alcuni avvincenti studi longitudinali prospettici in cui le persone senza apparenti problemi di salute mentale entrano nello studio, vengono valutate per la loro salute e modelli dietetici, e poi vengono seguite nel tempo. 
Alcuni dei risultati sono stati sorprendenti. In uno studio su circa  89.000 persone in Giappone  con 10-15 anni di follow-up, il tasso di suicidio in coloro che consumano una dieta a base di cibi integrali era la metà di quello di coloro che seguono diete meno salutari, evidenziando un’importante nuova direzione non ancora coperta dagli attuali programmi di prevenzione del suicidio.
In Canada , risultati altrettanto potenti mostrano come i modelli dietetici dei bambini, oltre a seguire altre linee guida sulla salute sull’esercizio e sul tempo davanti allo schermo, hanno previsto quali bambini di età compresa tra 10 e 11 anni sarebbero stati inviati per la diagnosi di un disturbo mentale nei successivi due anni. Ne consegue che l’educazione alimentare dovrebbe essere una delle prime linee di trattamento per i bambini in questa situazione.
L’irritabilità e l’umore instabile spesso caratterizzano la depressione, quindi è rilevante che più studi indipendenti abbiano scoperto che insegnare alle persone con depressione, che stavano consumando diete relativamente povere, come passare a una dieta in stile mediterraneo con cibi integrali ha portato a miglioramenti significativi. Una  dieta in stile mediterraneo  è tipicamente ricca di cereali integrali, frutta, verdura, noci, legumi, frutti di mare e grassi insaturi come l’olio d’oliva. In  uno di questi studi , circa un terzo delle persone che sono passate a una dieta a base di cibi integrali oltre al trattamento regolare ha riscontrato che la depressione era in remissione dopo 12 settimane. Il tasso di remissione nel gruppo di controllo che utilizzava un trattamento regolare ma senza cambiamenti nella dieta era inferiore a uno su 10. L’intero gruppo di dieta alimentare ha anche riportato un risparmio sui costi di circa il 20% nel proprio budget alimentare settimanale. Questo ultimo punto aiuta a sfatare il mito che mangiare una dieta di prodotti ultra-elaborati sia un modo per risparmiare denaro. Prove importanti che irritabilità, rabbia esplosiva e umore instabile possono essere risolte con una migliore assunzione di micronutrienti provengono da studi che valutano gli integratori di micronutrienti per trattare  i problemi di salute mentale
La maggior parte della consapevolezza pubblica è limitata alla sfortunata ricerca di soluzioni magiche:  studi di un singolo nutriente alla volta . Questo è un modo comune di pensare alla causalità (per il problema X, hai bisogno del farmaco Y), ma non è così che funziona il nostro cervello. Per supportare il metabolismo cerebrale, il  nostro cervello richiede almeno 30 micronutrienti  per garantire la produzione di neurotrasmettitori come serotonina e dopamina, oltre a scomporre e rimuovere i sottoprodotti metabolici. Molti studi sui trattamenti multinutrienti hanno riscontrato una migliore regolazione dell’umore e una riduzione dell’irritabilità e della rabbia esplosiva, anche in studi randomizzati controllati con placebo su bambini con  disturbo da deficit di attenzione  e iperattività e  disregolazione dell’umore. L’evidenza è chiara: una popolazione ben nutrita è in grado di resistere meglio allo stress. La fame cerebrale nascosta è un fattore modificabile che contribuisce alle esplosioni emotive, all’aggressività e persino alla perdita di civiltà nel discorso pubblico.

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation

Immagine: Mass Culture (Irina Davydova)

8 commenti Aggiungi il tuo

  1. gianni ha detto:

    Grazie per questo articolo, una pietra miliare importante.

    "Mi piace"

    1. Grazie, credo che sia fondamentale divulgare l’importanza di una sana alimentazione.

      "Mi piace"

  2. Nemesys ha detto:

    Molto interessante questo articolo. Grazie!!!

    "Mi piace"

    1. Grazie a te, mi fa piacere che venga apprezzato perché per me è un argomento fondamentale

      Piace a 1 persona

  3. librini ha detto:

    Rabbia, depressione, mancanza di attenzione…
    O se si potesse migliorare qualcosa dando la possibilità alle mamme di restare a casa? Pensiamoci. Se le mamme devono lavorare, aumenta il consumo di prodotti lavorati perché non c’è tempo per cucinare. Secondo me è parte del problema.

    "Mi piace"

    1. Spunto di riflessione molto interessante! Sono assolutamente d’accordo. Purtroppo spesso anche chi potrebbe preparare cibi più sani sceglie la velocità dei prodotti lavorati, che tanto fanno male. Inoltre la presenza delle mamme in casa non solo aiuterebbe circa la cucina, ma sicuramente da un punto di vista emotivo e psicologico sarebbero uno strumento di prevenzione per futuri problemi psicologici.

      Piace a 1 persona

      1. librini ha detto:

        Problemi psicologici che spesso si protrarrebbero nella vita adulta. Ecco, propongo uno stipendio per le mamme, in modo da lasciarle a casa, se vogliono restarci:-)

        "Mi piace"

      2. Completamente d’accordo con te!

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.