I bambini di famiglie a basso reddito usano diverse funzioni cerebrali per superare i test

children dream Painting by Franck Polisano | Saatchi Art

Uno stereotipo comune è che crescere poveri può arrestare lo sviluppo del cervello a causa di condizioni ambientali avverse. Ma su una nota positiva, una nuova ricerca dell’UC Berkeley suggerisce che il cervello dei bambini può adattarsi in modi diversi alle sfide socioeconomiche ed eccellere.
Lo studio, pubblicato il 10 dicembre sulla rivista  Nature Communications, ha confrontato le scansioni cerebrali di oltre 6.000 bambini statunitensi provenienti da famiglie di tutto lo spettro socioeconomico. Ha scoperto che un legame tra attività cerebrale e punteggi alti nei test di rendimento che misurano il ragionamento, l’attenzione e la flessibilità, tra le altre funzioni mentali, si verifica più nei bambini benestanti che nei loro coetanei a basso reddito. Al contrario, lo studio ha trovato un diverso modello di attività cerebrale nei bambini a basso reddito che hanno ottenuto buoni risultati nei test di rendimento, il che suggerisce che gli studi precedenti dipendevano da partecipanti più abbienti e non rappresentano persone di tutti i contesti socioeconomici. Questi risultati contrastano con una serie di studi precedenti, in quanto mostrano che un modello di connettività della rete cerebrale che è stato associato a prestazioni di test elevate sia negli adulti che nei bambini non si generalizza ai bambini al di sotto della soglia di povertà. Semmai, hanno riscontrato la relazione opposta cervello-comportamento per i bambini in povertà, e questo è particolarmente vero per coloro che erano i più svantaggiati per quanto riguarda l’istruzione, le condizioni di vita, la razza e l’etnia.
I risultati sottolineano la necessità di astenersi dall’adottare un approccio unico per tutti allo studio dello sviluppo del cervello, hanno detto i ricercatori. Molte ricerche suggeriscono che i bambini che crescono in povertà tendono a fare peggio a livello accademico. Ma molti di loro stanno facendo altrettanto, se non meglio, dei loro coetanei a reddito più elevato. Volevano scoprire cosa stava succedendo a questi bambini poveri e ad alto rendimento, in base ai loro modelli di sviluppo del cervello. In altre parole, volevano vedere cosa stava andando bene, invece di andare a cercare cosa poteva andare storto. Per valutarlo, hanno utilizzato i dati di imaging cerebrale dello studio Adolescent Brain Cognitive Development (ABCD), il più grande studio longitudinale nazionale sullo sviluppo del cervello di bambini e adolescenti. Hanno analizzato migliaia di scansioni cerebrali di bambini statunitensi di età compresa tra 9 e 11 anni che provenivano da famiglie che guadagnavano sia al di sopra che al di sotto del livello di povertà federale di $ 25.000 – $ 35.000 all’anno. Nello specifico, hanno esaminato la connettività tra la rete fronto-parietale laterale del cervello, cruciale per svolgere compiti cognitivi impegnativi, e la rete in modalità predefinita, che è attiva quando la mente vaga, piuttosto che focalizzata su un particolare compito da svolgere. I bambini benestanti con punteggi dei test più alti hanno mostrato una minore connettività tra queste due reti neurali e quelli con punteggi dei test più bassi hanno mostrato una connettività più forte. Il contrario era vero per i bambini a basso reddito.
Nel complesso, questi risultati suggeriscono che il cervello dei bambini che vivono in povertà potrebbe svilupparsi in modo diverso, ma non meno efficace, perché devono affrontare diversi vincoli nei loro ambienti domestici e scolastici. I risultati sottolineano la plasticità del cervello in via di sviluppo e la capacità dei bambini di trovare soluzioni neurali per competere accademicamente, indipendentemente dalle sfide socioeconomiche che potrebbero ricablare il loro cervello. Inoltre, gettano nuova luce sul divario di rendimento nelle scuole e mettono in discussione le presunzioni sui tipi di ambienti che favoriscono un rendimento scolastico elevato. La maggior parte degli studi sullo sviluppo del cervello si basa su campioni di bambini che provengono da famiglie altamente istruite e relativamente ricche. Ma questo studio rileva che questo ha limitato le nostre conoscenze sulla portata dello sviluppo sano del cervello. I ricercatori intendono utilizzare questi risultati per esplorare ulteriormente le reti cerebrali e il comportamento che possono aumentare i risultati nei bambini e negli adolescenti a basso reddito.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Brain network coupling associated with cognitive performance varies as a function of a child’s environment in the ABCD study” by Monica E. Ellwood-Lowe et al. Nature Communications

Immagine: children dream (Franck Polisano)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.