‘Svuotato e diffidente verso il futuro’: perché potresti sentirti diverso riguardo ai propositi di quest’anno

Happy New Year Painting by Ary Mari | Saatchi Art

All’inizio di ogni anno, molte persone fanno voto di fare o non fare qualcosa per migliorare in qualche modo la loro vita. L’inizio di un nuovo anno è magicamente equiparato ad un nuovo inizio per la vita e spesso intriso di rinnovata speranza che nel nuovo anno le cose andranno meglio. Entrando nel 2022, dopo due anni di convivenza con il COVID-19, questa speranza potrebbe essere più forte del solito. Gli impatti della pandemia hanno spaziato da decessi e altri effetti negativi sulla salute fisica e mentale, a enormi cambiamenti nell’occupazione, nel reddito, nei viaggi, nel tempo libero e nella capacità di socializzare. L’effetto sugli individui è variato considerevolmente, a seconda di come era la loro vita prima, di quanto li ha colpiti personalmente e della loro stessa capacità di recupero. Si possono vedere risoluzioni guidate da perdita, senso di colpa e rabbia, oltre a una corsa a tipi comuni di risoluzioni di auto-miglioramento e una maggiore spinta per i cambiamenti generali della vita.

Resilienza

Il modo in cui rispondiamo agli shock della pandemia dipende in parte dalla nostra  resilienza : la capacità di adattarci bene di fronte a avversità, traumi, tragedie, minacce o significative fonti di stress. Implica il “riprendersi” da esperienze difficili e può anche comportare una crescita personale. Le persone che hanno perso i propri cari a causa del COVID possono rispondere con i propositi per il nuovo anno, ma possono assumere forme positive o negative. Le risoluzioni positive potrebbero essere impegni per onorare il defunto in qualche modo o per vivere bene perché la persona amata non può. Un patto o un voto fatto con o con una persona cara deceduta per “vivere la vita meglio” può essere un motivatore potente e positivo per cambiare cattive abitudini di salute come il fumo, il consumo eccessivo di alcol o il gioco d’azzardo, sebbene sia consigliabile un aiuto professionale per garantire un cambiamento sicuro e duraturo. Le risoluzioni negative, spesso guidate da forti sentimenti di rabbia e disperazione, potrebbero essere voti per cercare vendetta o punire coloro che possono sembrare responsabili della morte del loro parente o amico. I “propositi di vendetta” di solito non sono adattamenti utili e possono scaturire da un senso di colpa derivante dal non essere in grado di salvare la persona amata o di trascorrere del tempo con loro. Le persone che sono sopravvissute a un’infezione da COVID mentre una persona cara, in particolare, non è sopravvissuta hanno  spesso provato forti sensi di colpa. Le risoluzioni guidate dal senso di colpa sono guidate da potenti emozioni. È probabile che si realizzino in qualche forma durante tutto l’anno, quando si spera che le emozioni di guida diventino meno intense entro l’anno successivo.

Miglioramento personale

Poiché il virus ha rappresentato un grave rischio per la salute, avrebbe senso che più persone che mai scegliessero il nuovo anno per decidere di migliorare la propria salute. Smettere di fumare è una risoluzione di Capodanno molto comune e sembra ancora più sensata del solito in mezzo a una pandemia globale di un virus che attacca principalmente il sistema respiratorio. Tuttavia, come molte persone hanno scoperto in passato, rinunciare alle sigarette è molto difficile e spesso richiede una pianificazione significativa e un aiuto per avere successo. Sebbene la pandemia possa aver reso più forte il desiderio di cambiamento, non rende magicamente le risoluzioni più facili da raggiungere. Lo stesso vale per le risoluzioni di modifica dell’uso di alcol o altre droghe, che trarrebbero vantaggio anche dalla pianificazione e dall’aiuto professionale. La perdita di peso è un altro dei buoni propositi per il nuovo anno. I famosi “chili COVID” spingeranno senza dubbio più persone del solito a decidere di perdere peso nel 2022. Le diete drastiche sono comuni, ma vengono spesso abbandonate entro febbraio. Un’alimentazione attenta e un piano di esercizi che accompagnino la risoluzione renderanno più probabile il successo.

Cambiamenti più grandi

Mentre è probabile che il COVID dia un vantaggio in più alle risoluzioni comuni, è probabile che assisteremo anche a un aumento delle risoluzioni per il “cambiamento dello stile di vita” generale. L’atteggiamento di molte persone nei confronti del lavoro e della famiglia è cambiato drasticamente negli ultimi due anni, a causa delle restrizioni sui viaggi, del lavoro o dello studio da casa e della scarsa socializzazione con coloro che non sono familiari. Questa alterazione estremamente significativa nel nostro modo di vivere ha indotto molte persone a riconsiderare il proprio futuro. Molti hanno trovato un grande piacere nel trascorrere del tempo con la famiglia e ora stanno ripensando al loro equilibrio tra lavoro e casa. Scoprire che lavorare da casa è possibile ha portato molte persone a riconsiderare le proprie opzioni di carriera nel 2022. Alcuni  esperti anticipano  un esodo lavorativo post-pandemia, soprannominato la “grande rassegnazione”, in cui milioni di persone, dai lavoratori in prima linea ai dirigenti senior, potrebbero dimettersi dai loro posti di lavoro. Secondo una  recente ricerca  di Microsoft, oltre il 40% della forza lavoro globale sta valutando di lasciare il proprio datore di lavoro. Questa tendenza dovrebbe essere replicata in diversi settori negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Europa. In Australia,  questa tendenza non è evidente , ma ciononostante, una risoluzione per il nuovo anno potrebbe essere quella di determinare un diverso tipo di occupazione per il 2022 e oltre.

Due percorsi per il 2022

Il COVID-19 ha lasciato la maggior parte di noi prosciugati e diffidenti nei confronti del futuro. Molte persone credevano che la pandemia sarebbe finita nel 2020, ma il 2021 ha portato più infezioni, blocchi e restrizioni. In tempi di traumi, quando il futuro è incerto, può esserci una polarizzazione dei comportamenti. Alcune persone adottano un atteggiamento nei confronti della vita “non pensare a niente, vivi per ora”, con una maggiore assunzione di rischi. Altri assumono l’atteggiamento opposto, esercitano estrema cautela e restringono ulteriormente la loro esistenza. Entrambi i gruppi potrebbero fare propositi per il nuovo anno per adattarli al loro approccio alla vita.

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation

Immagine: Happy New Year (Ary Mari)

Un commento Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Un periodo difficile per tutti

    Piace a 1 persona

Rispondi a Le perle di R. Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.