Lo “sballo del corridore” può derivare da molecole chiamate cannabinoidi

Runners Painting by Stan Sweeney |

Molte persone hanno sperimentato una riduzione dello stress, del dolore e dell’ansia e talvolta anche dell’euforia dopo l’esercizio. Cosa c’è dietro questo cosiddetto “sballo del corridore”? Una nuova ricerca sulla neuroscienza dell’esercizio potrebbe sorprenderti. Lo “sballo del corridore” è stato a lungo attribuito alle  endorfine. Si tratta di sostanze chimiche prodotte naturalmente nel corpo dell’uomo e di altri animali dopo l’esercizio e in risposta al dolore o allo stress.
Tuttavia, una  nuova ricerca   riassume quasi due decenni di lavoro su questo argomento. Hanno scoperto che l’esercizio aumenta in modo affidabile i livelli di endocannabinoidi del corpo – che sono molecole che lavorano per mantenere l’equilibrio nel cervello e nel corpo – un processo chiamato “omeostasi”. Questa spinta chimica naturale può spiegare meglio alcuni degli effetti benefici dell’esercizio sul cervello e sul corpo. Un laboratorio della Wayne State University School of Medicine studia lo sviluppo del cervello e la salute mentale, nonché il ruolo del sistema endocannabinoide nella regolazione dello stress e nei disturbi d’ansia nei bambini e negli adolescenti. Questa ricerca ha implicazioni per tutti coloro che si esercitano con l’obiettivo di ridurre lo stress e dovrebbe servire da motivatore per coloro che non si esercitano regolarmente. Diversi decenni di ricerca  hanno dimostrato che l’esercizio è benefico per la salute fisica. Questi studi trovano un legame coerente tra quantità variabili di attività fisica e riduzione del rischio di  morte prematura  e dozzine di condizioni di salute croniche, tra cui  diabete ,  ipertensione ,  cancro  e  malattie cardiache.
Più di recente, negli ultimi  due decenni  , la crescente ricerca mostra che l’esercizio fisico è anche  molto benefico per la salute mentale . In effetti, l’esercizio fisico regolare è associato a sintomi più bassi di ansia, depressione, morbo di Parkinson e altri comuni problemi di salute mentale o  neurologici . L’esercizio fisico costante  è anche legato a  migliori prestazioni cognitive, miglioramento dell’umore, minore stress e maggiore autostima. Non è ancora chiaro cosa ci sia dietro questi aumenti di salute mentale. Si sa che l’esercizio ha una varietà di effetti sul cervello, tra cui l’aumento del  metabolismo  e  del flusso sanguigno , la promozione della formazione di  nuove cellule cerebrali  – un processo chiamato neurogenesi – e l’aumento del rilascio di diverse sostanze chimiche nel cervello. Alcune di queste sostanze chimiche sono chiamate fattori neurotrofici, come  il fattore neurotrofico derivato dal cervello (BDNF). 
Il BDNF è strettamente coinvolto nella “plasticità” del cervello o nei cambiamenti nell’attività delle cellule cerebrali, compresi quelli relativi  all’apprendimento e alla memoria. Gli scienziati hanno anche dimostrato che l’esercizio aumenta i livelli ematici di endorfine, uno degli oppioidi naturali del corpo. Gli oppioidi sono sostanze chimiche che funzionano nel cervello e hanno una varietà di effetti, compreso l’aiuto ad alleviare il dolore . Alcune  prime ricerche  negli anni ’80 hanno contribuito alla credenza popolare di vecchia data che questo rilascio di endorfine sia correlato alla sensazione euforica nota come “sballo del corridore”. Tuttavia, gli  scienziati hanno a  lungo messo in dubbio  il ruolo delle endorfine nell’elevata sensazione del corridore, in parte perché le endorfine non possono attraversare il cervello attraverso la  barriera emato-encefalica , che protegge il cervello da tossine e agenti patogeni. Quindi è improbabile che le endorfine siano il principale motore degli effetti benefici dell’esercizio sull’umore e sullo stato mentale. È qui che le ricerche indicano il ruolo delle versioni naturali dei cannabinoidi del nostro corpo, chiamate endocannabinoidi.
Potresti  avere familiarità con i  cannabinoidi come il tetraidrocannabinolo – meglio noto come THC – il composto psicoattivo della cannabis (dalla   pianta di Cannabis sativa L. ) che fa sentire le persone up. Oppure potresti aver sentito parlare del  cannabidiolo, comunemente noto come CBD, un estratto di cannabis  che viene infuso in alcuni alimenti, medicinali, oli e molti altri prodotti. Ma molte persone non si rendono conto che anche gli esseri umani creano le proprie versioni di queste sostanze chimiche, chiamate endocannabinoidi. Si tratta di minuscole molecole costituite da lipidi – o grassi – che circolano nel cervello e nel corpo; “endo” si riferisce a quelli prodotti nel corpo piuttosto che da una pianta o in un laboratorio. Gli endocannabinoidi agiscono sui recettori dei cannabinoidi in  tutto il cervello  e il corpo. Provocano una varietà di effetti, tra cui sollievo dal dolore, riduzione dell’ansia e dello stress e miglioramento dell’apprendimento e della memoria. Influenzano anche la fame, l’infiammazione e il  funzionamento immunitario . I livelli di endocannabinoidi possono essere influenzati da cibo, ora del giorno, esercizio fisico, obesità, lesioni, infiammazione e stress.
Vale la pena notare che non si dovrebbe essere tentati di rinunciare a una corsa o un giro in bicicletta e ricorrere invece al fumo o all’ingestione di cannabis. Gli endocannabinoidi non hanno gli effetti indesiderati che derivano dallo sballo, come  i disturbi mentali. Gli studi  sull’uomo  e  sui modelli animali  indicano che gli endocannabinoidi, non le endorfine, sono i protagonisti dello sballo del corridore. Questi eleganti studi dimostrano che quando i recettori oppioidi vengono bloccati, in  un esempio  da un farmaco chiamato naltrexone, le persone provano ancora euforia e riducono il dolore e l’ansia dopo l’esercizio. D’altro canto, gli studi hanno dimostrato che il blocco degli effetti dei recettori dei cannabinoidi riduce gli effetti benefici dell’esercizio su euforia, dolore e ansia. Mentre  diversi studi  hanno dimostrato  che l’esercizio aumenta i livelli di endocannabinoidi circolanti nel sangue, alcuni hanno riportato risultati incoerenti o che endocannabinoidi diversi producono  effetti diversi . Inoltre, non si sa ancora se tutti i tipi di esercizi, come il ciclismo, la corsa o gli esercizi di resistenza come il sollevamento pesi, producono risultati simili. Ed è una questione aperta se le persone con e senza condizioni di salute preesistenti come la depressione, il disturbo da stress post-traumatico o la fibromialgia sperimentino gli stessi aumenti degli endocannabinoidi.
Per rispondere a queste domande, un gruppo di ricerca ha condotto una  revisione sistematica e una meta-analisi  di 33 studi pubblicati sull’impatto dell’esercizio sui livelli di endocannabinoidi. Hanno confrontato gli effetti di una sessione di allenamento “acuta” – come fare una corsa o un ciclo di 30 minuti – con gli effetti di programmi “cronici”, come un programma di corsa o sollevamento pesi di 10 settimane. Li hanno separati perché diversi livelli e modelli di sforzo potrebbero avere effetti molto distinti sulle risposte degli endocannabinoidi. Hanno scoperto che l’esercizio acuto ha costantemente aumentato i livelli di endocannabinoidi in tutti gli studi. Gli effetti sono stati più consistenti per un messaggero chimico noto come anandamide, la cosiddetta  “molecola della “beatitudine” , che è stata nominata, in parte, per i suoi effetti positivi sull’umore. È interessante notare che hanno osservato questo aumento correlato all’esercizio negli endocannabinoidi in diversi tipi di esercizio, tra cui corsa, nuoto e sollevamento pesi, e in individui con e senza condizioni di salute preesistenti. Sebbene solo pochi studi abbiano esaminato l’intensità e la durata dell’esercizio, sembra che livelli moderati di intensità dell’esercizio, come il ciclismo o la corsa, siano più efficaci di esercizi a bassa intensità, come camminare a bassa velocità o a bassa pendenza, quando si tratta di aumentare i livelli di endocannabinoidi. Ciò suggerisce che è importante mantenere la frequenza cardiaca elevata, ovvero tra circa il 70% e l’80% della frequenza cardiaca massima adattata all’età, per almeno 30 minuti per ottenere i massimi benefici. Ci sono ancora molte domande sui legami tra gli endocannabinoidi e gli effetti benefici dell’esercizio. Ad esempio, non hanno visto effetti coerenti su come un regime di esercizio cronico, come un programma di ciclismo di sei settimane, potrebbe influenzare i livelli di endocannabinoidi a riposo. Allo stesso modo, non è ancora chiaro quale sia la quantità minima di esercizio per ottenere un aumento degli endocannabinoidi e per quanto tempo questi composti rimangono elevati dopo un esercizio acuto. Nonostante queste domande aperte, questi risultati avvicinano i ricercatori alla comprensione di come l’esercizio giovi al cervello e al corpo. E offrono un’importante motivazione per trovare il tempo per l’esercizio.

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation

Immagine: Runners (Stan Sweeney)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.