La capacità dei bambini di gestire le emozioni è legata a quella dei loro genitori

Children Painting by Sanja Milenkovic |

I problemi nel parlare, comunicare ed esprimere i sentimenti sono comuni tra i bambini e gli adolescenti, in particolare in tenera età. Queste difficoltà aumentano nel caso di persone con diagnosi di disturbo dello sviluppo del linguaggio, che colpisce circa il 7% della popolazione infantile. Un recente studio pubblicato sulla rivista ad accesso aperto  Frontiers in Psychology , dai ricercatori del Cognition and Language Research Group (GRECIL), incluso nell’eHealth Center dell’Universitat Oberta de Catalunya (UOC) e dell’Università di Barcellona (UB), ha analizzato l’esistenza di differenze nella regolazione emotiva in bambini e adolescenti a cui è stato diagnosticato un disturbo del linguaggio specifico/disturbo dello sviluppo del linguaggio (SLI/DLD).
Ci sono ancora pochi studi che valutano la dimensione emotiva e sociale della popolazione di bambini e adolescenti con SLI/DLD, motivo per cui hanno voluto approfondire lo studio della regolazione emotiva in questa popolazione. Si stima che un bambino su 14 abbia un disturbo dello sviluppo del linguaggio. Le difficoltà linguistiche dei bambini con questo disturbo non sono il risultato di altre condizioni (come disabilità intellettive o disturbi come la sindrome di Down), ma influenzano lo sviluppo sociale e/o accademico dei bambini e hanno un impatto sulla loro vita quotidiana attività.
Dopo aver condotto tre studi su più di cinquanta bambini e adolescenti in cui sono stati valutati aspetti come il vocabolario espressivo e ricettivo, gli autori hanno concluso che la regolazione emotiva tra ragazze e ragazzi con e senza SLI/DLD è simile sia nell’infanzia che nell’adolescenza. C’è, tuttavia, una tendenza per le persone con SLI/DLD durante l’infanzia ad avere maggiori difficoltà a regolare le proprie emozioni. Quando hanno analizzato la relazione tra linguaggio e regolazione emotiva, hanno osservato che il vocabolario espressivo che i bambini hanno a 5-7 anni di età predice la loro regolazione emotiva 4 anni dopo, una relazione che non si vedeva durante l’adolescenza. Inoltre avere un un vocabolario più ricco e più ampio aiuta a chiarire, comprendere e regolare le emozioni durante l’infanzia.
Allo stesso modo, la ricerca ha considerato anche aspetti come l’ambiente in cui i bambini crescono e si sviluppano, sia durante l’infanzia che nell’adolescenza, motivo per cui è stato analizzato il  ruolo dei genitori  nello sviluppo emotivo dei loro figli. Il modo in cui i genitori regolano le proprie emozioni è un fattore molto importante per spiegare la capacità dei propri figli di affrontare le emozioni durante l’infanzia. Tuttavia, sembra che, durante l’adolescenza, l’influenza della regolazione emotiva dei genitori diminuisca in modo significativo. Sebbene nello studio non siano state riscontrate differenze statisticamente significative tra i gruppi di bambini con e senza SLI/DLD, gli autori hanno evidenziato una tendenza durante l’età prescolare. 
I bambini con SLI/DLD sono meno empatici, cioè sono meno in grado di catturare le emozioni degli altri e mostrare le proprie emozioni. Questi punteggi bassi possono indicare difficoltà nel relazionarsi con altri bambini nei momenti chiave dello sviluppo personale di un bambino e possono limitare il successo nell’instaurazione di relazioni interpersonali. Inoltre, i bambini con SLI/DLD mostrano una minore tolleranza alla frustrazione e fanno più capricci. Tale comportamento può riflettere una ridotta comprensione del proprio stato emotivo e di quello degli altri, che può interferire con l’apprendimento di strategie di regolazione emotiva più flessibili per far fronte a situazioni diverse. Essere in grado di esprimere le esperienze emotive a parole rende più facile elaborare e capire cosa ci sta succedendo nel mondo emotivo, e anche capire quello delle altre persone. Questi sono aspetti chiave per regolare le emozioni in modo utile e flessibile. Migliore è il vocabolario e la lingua dei bambini, più strumenti avranno per regolare le loro emozioni.
I ricercatori hanno sottolineato che dire che le difficoltà linguistiche dei bambini sono causate da genitori che non hanno il tempo di parlare con i propri figli può portare a incomprensioni sulle cause del disturbo e persino creare più ansia. Le difficoltà linguistiche possono essere mediate dai fattori genetici del disturbo. In relazione a questo tipo di diagnosi di disturbo del linguaggio dello sviluppo nell’infanzia e nell’adolescenza, i ricercatori sostengono la promozione di spazi in cui lavorare con il linguaggio in situazioni emotive, utilizzando storie e cartoni animati. In questo modo, comunicare le emozioni con le parole aiuta ad elaborarle e a comprendere queste emozioni in situazioni future nei bambini indipendentemente dal loro disturbo.
La ricerca indica anche l’importanza di incorporare il contesto familiare per comprendere lo sviluppo della persona e permette di iniziare a progettare strategie di intervento per i bambini che includano tutte le figure significative, come la famiglia e gli amici, sia per gli aspetti emotivi che linguistici. Questa ricerca ha incluso anche analisi specifiche per capire se ci sono caratteristiche differenziali tra i generi, un aspetto fondamentale in tutti gli studi di ricerca. In particolare, i ricercatori hanno esaminato se esistessero differenze di genere nella regolazione emotiva, ma non sono state riscontrate differenze statisticamente significative tra ragazzi e ragazze. Inoltre, nello studio sono stati inclusi sia le madri che i padri e le famiglie sono state informate che i questionari sulla regolazione emotiva potevano essere compilati da entrambi i genitori. Alla fine hanno partecipato molte più madri (83%), una decisione che sottolinea ancora una volta che i compiti di educazione dei figli sono principalmente svolti dalle madri. La maggior parte degli studi precedenti si è concentrata esclusivamente sull’impatto delle madri, spesso perché erano quelle interessate a partecipare, poiché le donne continuano ad assumersi la maggior parte delle responsabilità di educazione dei figli. Concentrarsi sui padri è importante per riconsiderare il loro ruolo nella cura dei figli e per apportare cambiamenti in una società patriarcale che continua a gravare sulle donne l’onere dell’assistenza all’infanzia. Grazie a questo studio si è aperta una nuova linea di ricerca SLI/DLD oltre lo studio delle difficoltà incentrate esclusivamente sul linguaggio, poiché si concentra su altri aspetti fondamentali per la salute e lo sviluppo mentale, come l’aspetto emotivo. È fondamentale incorporare una visione globale e olistica nelle scienze psicologiche, poiché i bambini non possono essere compresi al di fuori della loro famiglia e del loro contesto.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Vocabulary Abilities and Parents’ Emotional Regulation Predict Emotional Regulation in School-Age Children but Not Adolescents With and Without Developmental Language Disorder” by Aguilera, Mari; Ahufinger, Nadia; Esteve-Gibert, Núria; Ferinu, Laura; Andreu, Llorenç; Sanz-Torrent, Mònica, Aguilera, Mari; Ahufinger, Nadia; Esteve-Gibert, Núria; Ferinu, Laura; Andreu, Llorenç; Sanz-Torrent, Mònica. Frontiers in Psychology

Immagine: Children (Sanja Milenkovic)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.