Fingi di stare bene? Uno studio scopre che è meglio vivere il momento emotivo

Fake smile Painting by Mîrza Alina |

Uno studio della Facoltà di scienze sociali dell’Università di Ottawa ha rivelato i limiti della manipolazione delle risposte emotive per contrastare i momenti angoscianti, con i partecipanti, in particolare le donne, che fanno affidamento su emozioni regolate spontaneamente piuttosto che su una risposta forzata per far fronte ad esse. Questi risultati mettono in dubbio ricerche passate che suggerivano l’uso di una “faccia da poker” o di un sorriso forzato come opzioni per sopprimere l’espressione emotiva.
Le persone usano strategie di regolazione delle emozioni per cercare di cambiare il tipo, l’intensità o la durata delle loro esperienze emotive. Ci sono molte ricerche che suggeriscono che alcune strategie, come cambiare la nostra prospettiva, sono più utili di altre, e c’è un enorme corpo di ricerca che suggerisce che nascondere la nostra espressione emotiva quando siamo angosciati in realtà ci fa sentire peggio. Un tipo di terapia insegna alle persone a sorridere quando provano angoscia per migliorare il proprio umore. Questi due corpi di ricerca si contraddicono a vicenda.
Non hanno riscontrato alcun effetto nel mantenere una faccia da poker o sorridere quando si guardano immagini negative sull’umore, la fisiologia o la memoria dei partecipanti, in contrasto con la ricerca passata. Ancora più importante, alla fine dello studio, i partecipanti hanno riferito che, indipendentemente da ciò che è stato loro ordinato di fare per gestire le proprie emozioni, la stragrande maggioranza ha riferito di aver utilizzato altre strategie di regolazione delle emozioni, come cambiare la propria prospettiva sulle immagini. 
In altre parole, la ricerca sperimentale che mette alla prova una strategia di regolazione delle emozioni rispetto a un’altra può avere un difetto importante: che i partecipanti regolano le proprie emozioni spontaneamente, indipendentemente dalle condizioni sperimentali in cui si trovano. Hanno reclutato un campione relativamente diversificato di giovani donne, 144 in totale. Quando i partecipanti sono entrati in laboratorio, hanno misurato il loro umore e la loro attività di base del sistema nervoso simpatico. Li hanno assegnati casualmente a una delle tre condizioni: soppressione espressiva (faccia da poker), dissonanza espressiva (sorriso) o controllo (mostra le tue emozioni come faresti di solito). Ogni condizione ha ricevuto istruzioni diverse su come gestire le emozioni negative che potrebbero provare guardando immagini sconvolgenti. Hanno misurato la loro attività del sistema nervoso simpatico durante l’attività di visualizzazione delle immagini e hanno chiesto loro di riferire il loro umore durante l’attività. Hanno quindi completato un compito a sorpresa testando la loro memoria per le immagini che hanno visto. Hanno concluso l’esperimento completando questionari su come hanno gestito le loro emozioni durante l’attività. Sono stati sorpresi di non trovare differenze tra le condizioni. Quando hanno esaminato ciò che i partecipanti hanno riportato alla fine dello studio, sono rimasti sorpresi dal numero di persone che hanno utilizzato altre strategie di regolazione delle emozioni oltre a quella che gli era stato chiesto di utilizzare. Questo mette in dubbio le scoperte passate. 

Quali conclusioni dovremmo trarre da questo lavoro?

Nascondere le tue emozioni o sorridere quando ti senti ansioso o triste potrebbe non essere così disadattivo come pensavamo in precedenza, almeno per le giovani donne. Forse ancora più importante, potrebbe non essere molto utile confrontare una strategia di regolazione delle emozioni con un’altra nella ricerca. I ricercatori devono concentrarsi maggiormente su come le persone scelgono quali strategie utilizzare, in quali tipi di situazioni. Ad esempio, potrebbe causare problemi nella tua relazione se nascondi spesso i tuoi sentimenti al tuo partner, ma potrebbe anche causare problemi al tuo lavoro se non nascondi mai i tuoi sentimenti, nemmeno al tuo capo in una riunione importante. Nessuna strategia è sempre utile o dannosa; invece, probabilmente è meglio essere flessibili su quale strategia si utilizza, a seconda del contesto.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Smiling won’t necessarily make you feel better: Response-focused emotion regulation strategies have little impact on cognitive, behavioural, physiological, and subjective outcomes” by Nancy Bahl et al. Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry.

Immagine: Fake smile (Mîrza Alina)

8 commenti Aggiungi il tuo

  1. luisa zambrotta ha detto:

    Bell’articolo e interessante! Mi ha fatto pensare al detto latino: In medio stat virtus

    "Mi piace"

    1. Grazie, si è proprio così!!! Un abbraccio, Luisa

      Piace a 1 persona

      1. luisa zambrotta ha detto:

        🙏😘🙏

        "Mi piace"

  2. auacollage ha detto:

    RIBLOGGO. Grazie e buonissima domenica.

    "Mi piace"

  3. Fairy Queen ha detto:

    La repressione delle emozioni non fa mai bene. Bisogna sempre esprimersi, sfogarsi, canalizzare tutto il negativo in modo costruttivo 😄

    "Mi piace"

    1. Giustissimo! Grazie per il tuo commento😊

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.