Quando le relazioni si rompono, gli uomini sono a rischio di malattie mentali

Broken Love Painting by Henry Odunsi | Saatchi Art

Un nuovo studio dell’UBC conferma che quando gli uomini terminano delle relazioni, corrono un rischio maggiore di malattie mentali, tra cui ansia, depressione e suicidio. La maggior parte degli uomini ha sperimentato l’insorgenza o il peggioramento dei sintomi della malattia mentale durante una relazione angosciata o in seguito alla rottura di una relazione. La separazione coniugale quadruplica il rischio di suicidio maschile e suggerisce che le relazioni angosciate, la separazione e il divorzio contribuiscono alle sfide per la salute mentale degli uomini.
Il team del programma di ricerca sulla salute degli uomini dell’UBC ha intervistato 47 uomini sulle loro esperienze con la rottura di una relazione intima con il partner. Di fronte al conflitto nelle loro relazioni, gli uomini tendevano a minimizzare i problemi, causando una frattura ancora maggiore della relazione. La mascolinità stereotipata gioca un ruolo nel modo in cui gli uomini reagiscono a una relazione interrotta. Ad esempio, l’incertezza degli uomini su come articolarsi e come risolvere i problemi nel contesto della relazione ha portato molti uomini a isolarsi piuttosto che cercare aiuto. 
La maggior parte degli uomini nello studio stava combattendo con le transizioni nella relazione, come il lutto, la genitorialità o l’infedeltà, e il loro obiettivo principale era evitare conflitti. Lo studio ha anche scoperto che gli uomini che erano in difficoltà dopo la loro rottura usavano sostanze, incluso l’alcol, per far fronte a sentimenti come rabbia, rimpianto, tristezza, vergogna e senso di colpa. Ciò si aggiunge all’immensa incertezza su come potrebbe essere la vita con un minore accesso ai bambini, sfide finanziarie e la perdita di connessioni sociali. A complicare questi risultati c’è l’isolamento e l’interruzione causati dalle restrizioni di salute pubblica COVID-19, che possono portare a un aumento dell’uso di alcol e sostanze a casa e esacerbare il conflitto, portando a un peggioramento della salute mentale.
Sul lato positivo, lo studio ha rivelato che in seguito alla rottura di una relazione, gli uomini hanno impiegato una varietà di risorse per affrontare i loro bisogni di salute mentale. Gli sforzi di ricerca di aiuto tra questi uomini erano di ampio respiro e includevano sforzi individuali o solitari come esercizio, lettura e cura di sé mentre altri uomini sfruttavano le reti esistenti o estendevano i loro sforzi per connettersi con gruppi di supporto o frequentavano la terapia. Mentre gli uomini tendono ad aspettare che si verifichi la crisi prima di cercare aiuto, hanno investito molto tempo e sforzi per andare avanti, oltre a comprendere il loro ruolo nella rottura. Quindi i servizi dovrebbero ri-concettualizzare la promozione della salute mentale degli uomini come legittimamente comprendente l’auto-aiuto, le risorse informali e i servizi dei gruppi di mutuo aiuto tra maschi oltre ai servizi professionali. Per molto tempo la separazione e il divorzio sono stati trattati solo come dati demografici per esaminare il potenziale fattore di rischio nella malattia mentale e nel suicidio degli uomini. Gli attuali risultati dello studio forniscono contesti e indicazioni importanti per salire a monte per aiutare gli uomini a costruire relazioni migliori.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Masculinity and mental illness in and after men’s intimate partner relationships” by John L. Oliffe et al. Social Science and Medicine—Qualitative Research in Health

Immagine: Broken Love (Henry Odunsi)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.