Come lo stress e l’ansia contribuiscono alla violenza giovanile

angry boy Drawing by Nikolay Vasilyev |

Basta una rapida ricerca su Google per trovare un elenco aggiornato delle sparatorie nelle scuole negli Stati Uniti. Secondo Education Week 2021 School Shooting Tracker, ce ne sono stati 34 l’anno scorso. Il 30 novembre, molte persone hanno assistito con dolore e orrore alla notizia della sparatoria nella scuola n. 28, in cui uno studente di 15 anni delle superiori del Michigan ha aperto il fuoco sui suoi compagni di classe, uccidendo quattro persone e ferendone altri sei e un insegnante.
Una settimana dopo, il 7 dicembre, funzionari pubblici degli Stati Uniti hanno emesso un avviso – un raro messaggio alla nazione “riservato a sfide significative per la salute pubblica che richiedono la consapevolezza e l’azione immediata della nazione” – sulla crisi emergente della salute mentale dei giovani. In esso hanno esortato le istituzioni, i centri comunitari, le scuole, i genitori, gli amici di famiglia e altri a riunirsi rapidamente per fornire risorse e sostegno ai giovani della nazione. Le sparatorie nelle scuole e la violenza nel campus non sono una novità, ma stanno diventando sempre più comuni. 
A quasi due anni dall’inizio della pandemia di COVID-19, i giovani sono nel mezzo di una crisi di salute mentale che è stata esacerbata dalla pandemia stessa. Gli psicologi dell’Integrated Behavioral Health in General Pediatrics presso il Children’s Hospital di Los Angeles, hanno notato un forte aumento dell’ansia e dei comportamenti negativi, ma hanno consigli su come gli adulti possono aiutare i giovani nelle loro vite. Sebbene la stragrande maggioranza dei giovani che affrontano problemi di salute mentale non commetta atti di violenza, si è assistito a un aumento sbalorditivo del numero di bambini, adolescenti e genitori che presentano ansia, depressione e dolore da moderati a gravi per tutto ciò è stato perso durante la pandemia.
La relazione tra controllo e ansia è stata studiata per decenni, con la constatazione generale che meno si sente di avere il controllo su un particolare risultato, maggiore è l’ansia che sperimenteranno. Quando il paese ha chiuso letteralmente dall’oggi al domani, molti hanno perso il senso del controllo, il che ha reso la maggior parte di noi spaventata e ansiosa. Le persone non potevano controllare il fatto che il loro posto di lavoro chiudesse e perdessero il loro reddito, che non potevano vedere un familiare o una persona cara anche se erano malati o morenti, o che i loro figli non potevano andare a scuola ed erano costretti stare a casa. La maggior parte delle persone ha subito un qualche tipo di perdita e molte persone hanno perso molto.
È più probabile che i genitori ansiosi si impegnino in comportamenti che, a loro volta, rendono i loro figli più ansiosi, quindi non sorprende che il tasso di ansia nei bambini sia aumentato in modo significativo durante la pandemia. In effetti, una recente scoperta pubblicata su JAMA Pediatrics ha esaminato oltre 80.000 giovani in tutto il mondo e ha scoperto che la prevalenza dei sintomi di ansia nei bambini è raddoppiata rispetto alle stime pre-pandemia, a un tasso allarmante del 20,5%. Nell’estate del 2021, con i vaccini ampiamente disponibili e le voci sulla riapertura di uffici e scuole in autunno, è iniziato a sembrare che la vita stesse tornando ad una nuova normalità. I regolamenti sulle mascherine e le restrizioni sui pasti al chiuso sono stati revocati e molte persone speravano che i dettagli della vita che davano per scontati tornassero sotto il loro controllo. Allora perché anche l’ansia non è ritornata a livelli accettabili? Forse perché i ragazzi erano stati lontani dalla loro quotidianità per 18 mesi, dovevano solo adattarsi? Contrariamente alle previsioni, però, si sta osservando che l’ansia che si è instaurata durante il lockdown causando comportamenti e sintomi secondari ancora più preoccupanti: aggressività, violenza e bullismo. Il Washington Post ha riferito che il numero di incidenti legati alle armi nelle scuole durante i primi tre mesi dell’anno scolastico 2021-22 è più del triplo rispetto allo stesso periodo di tempo nel 2019.
È importante ricordare che l’ansia può influenzare il modo in cui i bambini possono prestare attenzione, comprendere e conservare le informazioni. Con molti bambini già indietro a causa delle lacune nell’apprendimento durante l’istruzione a casa, un’ulteriore regressione esacerba l’ansia che può portare all’elusione della scuola. Gli insegnanti stanno anche osservando un aumento dei tassi di studenti che si ritirano dagli amici, abusano di droghe e alcol, combattono la depressione e persino sperimentano idee suicide. Le sfide per la salute mentale nei bambini, negli adolescenti e nei giovani adulti sono reali e sono diffuse. Ma soprattutto, sono curabili e spesso prevenibili.
Mentre continuiamo a navigare in questa pandemia in corso, è fondamentale che gli adulti modellino comportamenti appropriati e positivi che possono contribuire alla resilienza e al successo dei bambini. In primo luogo, avere almeno un adulto stabile, reattivo e educato nella vita di un bambino è un enorme fattore protettivo. Non deve essere un genitore, solo qualcuno che può trasmettere al bambino che è importante, prezioso e curato. Va sottolineata anche l’importanza di insegnare e modellare le abilità fondamentali della vita come la consapevolezza, la risoluzione dei conflitti, la risoluzione dei problemi, la gestione dello stress e la gestione dello stress. Aiuta il tuo bambino a dormire bene, fare attività fisica e una corretta alimentazione. Cerca di trascorrere del tempo all’aria aperta nella natura. Infine, i genitori devono modellare la cura di sé dando a se stessi il tempo e lo spazio per raggiungere un senso di calma, tranquillità e autoregolazione. Anche pochi minuti di tregua dallo stress possono fare molto. Questa pratica consiste nel lasciare che tuo figlio ‘prenda in prestito la tua calma’ piuttosto che condividere il tuo caos. Ma prima devi creare la tua calma perché possano prenderla in prestito.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Global Prevalence of Depressive and Anxiety Symptoms in Children and Adolescents During COVID-19” by Nicole Racine, Stephanie Marcy et al. JAMA Pediatrics

Immagine: angry boy (Nikolay Vasilyev)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.