Battere il disturbo affettivo stagionale

Groundhog Day Painting by Mirjam Palosaari Eladhari |

Mercoledì 2 febbraio, la marmotta Punxsutawney Phil, il veggente dei veggenti, pronosticatore dei pronostici, è uscito dalla sua tana nella Pennsylvania occidentale e ha visto la propria ombra. A meno che tu non viva per sciare, fare tuffi da orso polare o, come Bill Murray nella versione cinematografica di “ricomincio da capo”, per sempre intrappolato in una bufera di neve come un insetto nell’ambra, il ragionamento del roditore potrebbe essere stato sgradito. Secondo la tradizione, significa altre sei settimane d’inverno.
Per alcuni, il cambio annuale della guardia della stagione comporta una posta in gioco più alta del ritorno di magliette e pantaloncini. Circa il 5% degli adulti negli Stati Uniti vive con il disturbo affettivo stagionale, che può causare lentezza, insonnia, eccesso di cibo, aumento di peso e una miriade di altri problemi. Gli effetti del disturbo, che è più comune nelle donne rispetto agli uomini, possono persistere per il 40% dell’anno. In realtà è una forma di depressione. È anche più comune nelle persone che hanno già avuto depressione. Per la maggior parte, ma non per tutti, chi soffre di Disturbo Affettivo Stagionale, i sintomi compaiono alla fine dell’autunno, quando le giornate si accorciano. Gennaio e febbraio sono particolarmente severi nell’emisfero settentrionale poiché il globo si inclina più lontano dal sole. La causa è vaga: è legato ai livelli di serotonina e melatonina, ed è collegato a vari livelli di luce solare. La malattia è anche legata ai ritmi circadiani, spesso chiamati orologio biologico del tuo corpo. La diminuzione della luce solare può alterare il meccanismo dell’orologio, innescando la depressione. In effetti, più ti allontani dall’equatore, dove la luce solare è più abbondante, maggiore è il numero di casi di Disturbo Affettivo Stagionale che incontri. Non è semplicemente l’umore invernale. I sintomi includono sentirsi depressi per la maggior parte della giornata, tutti i giorni, così come sentimenti di disperazione, inutilità o senso di colpa. Le persone che convivono con il disturbo possono perdere interesse per le attività, sentirsi pigre o letargiche e dormire per la maggior parte del tempo. La versione autunnale e invernale del disturbo affettivo stagionale include aumento dell’appetito e desiderio di cibi ricchi di carboidrati. Per molti, porta ad un aumento di peso. Al contrario, le versioni primaverili ed estive del disturbo potrebbero causare la perdita di peso causata da uno scarso appetito. A differenza del personaggio di Murray nel film, non devi rimanere intrappolato con gli stessi sintomi ogni anno. Sono disponibili numerosi trattamenti in grado di tenere a bada i sintomi del disturbo:

Terapia della luce

Ad alcuni pazienti viene prescritta una scatola per la terapia della luce. Non è come andare su un lettino abbronzante, in quanto le scatole si avvicinano alla luce solare ma riducono al minimo i raggi ultravioletti cancerogeni del sole. Le luci devono fornire un’esposizione a 10.000 lux di luce e i pazienti spesso si siedono e assorbono i raggi per 20-30 minuti. Tengono la luce da 16 a 24 pollici dai loro volti e non guardano direttamente in essa. Le scatole a volte mostrano risultati per le persone con la versione autunnale o invernale del disturbo. Comunque parla con il tuo medico prima di usarne una.

Psicoterapia

Andare da uno specialista può aiutarli a sviluppare più capacità di adattamento. Le persone con disturbo affettivo stagionale spesso evitano attività come l’interazione sociale che potrebbero effettivamente farli sentire meglio. I terapeuti possono aiutarli a correggere quel comportamento e interrompere i modelli di pensiero negativo.

Farmaci e integratori

Alcune persone assumono integratori extra di vitamina D per gestire il loro disturbo affettivo stagionale, sostituendo ciò che di solito assorbono dalla luce solare. I medici a volte prescrivono antidepressivi alle persone con casi più gravi. La migliore strategia per gestire il disturbo richiede pensarci bene prima che inizino i sintomi annuali. Inizia quando riporti l’orologio indietro per l’ora legale. Prendi un integratore di vitamina D o inizia la terapia della luce.

Con un po’ di aiuto e pianificazione, la profezia annuale della marmotta Punxsutawney Phil non deve essere così terribile.

Daniele Corbo

Bibliografia: Penn State

Immagine: Groundhog Day (Mirjam Palosaari)

4 commenti Aggiungi il tuo

    1. Grazie Rita. Buona settimana

      "Mi piace"

  1. Martina Fralu ha detto:

    Ma sono io 🙄😭

    "Mi piace"

    1. eh, mi dispiace! Però con i consigli dell’articolo lo puoi combattere💪🏻

      "Mi piace"

Rispondi a Le perle di R. Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.