I fattori di rischio legati ai disturbi d’ansia differiscono tra uomini e donne durante la pandemia

Anxiety Painting by Darko Birsa |

La pandemia di COVID-19 è un fattore di stress ansiolitico che colpisce ogni aspetto della nostra vita quotidiana. Un nuovo studio canadese ha scoperto che i fattori di rischio legati alla pandemia associati all’ansia differiscono tra uomini e donne.
La nuova ricerca, pubblicata online sul  Journal of Affective Disorders,  stima che il 13,6%, ovvero un canadese su sette, abbia sperimentato livelli clinicamente significativi di disturbo d’ansia generalizzato (GAD) nei primi mesi della pandemia di COVID-19. (Prima della pandemia, ricerche passate stabilivano la prevalenza di GAD in 12 mesi in Canada al 2,6%.) Inoltre, lo studio ha rilevato che l’elevata ansia negli uomini è correlata all’esposizione alla disinformazione di COVID-19, mentre l’ansia delle donne era legata al lavoro precario. La prevalenza del Disturbo d’Ansia Generalizzato tra le donne era significativamente più alta che tra gli uomini (rispettivamente 17,2% vs. 9,9%).
È fondamentale che ci sforziamo di comprendere i fattori sociali che hanno contribuito a queste differenze sorprendenti. La pandemia di COVID-19 è la prima a verificarsi in concomitanza con l’uso diffuso dei social media, che facilita la distribuzione di disinformazione, come voci sui vaccini e trattamenti non provati, nota anche come infodemia COVID-19. Questo studio ha scoperto che l’esposizione frequente a notizie false sul COVID-19 è associata a conseguenze sulla salute mentale, in particolare per gli uomini. Con l’aumento dell’esposizione alla sospetta disinformazione COVID-19 tra gli uomini, le probabilità di disturbi d’ansia sono aumentate. Gli uomini nella fascia di esposizione più bassa (cioè quelli che hanno riferito di essere stati esposti a disinformazione almeno una volta alla settimana) avevano tre volte di più la probabilità di riferire un’ansia elevata, mentre gli uomini nella fascia di esposizione più alta (cioè quelli che hanno riferito di essere stati esposti a disinformazione più volte al giorno) erano sei volte e mezzo più propensi a segnalare ansia clinicamente significativa rispetto a coloro che hanno riferito di aver visto raramente o mai disinformazione su COVID-19.
I livelli di ansia delle donne avevano maggiori probabilità di essere influenzati dall’aumento della precarietà del lavoro a causa di chiusure di attività, licenziamenti, quarantene obbligatorie e infezioni da COVID-19. Le donne che hanno sperimentato la precarietà del lavoro durante la pandemia avevano il triplo delle probabilità di soffrire di Disturbo d’Ansia Generalizzato rispetto alle donne che erano occupate in modo sicuro, dopo aver controllato le variabili confondenti, inclusi i fattori sociodemografici. Il tema del lavoro tra gli uomini non era correlato ai disturbi d’ansia, forse perché la precarietà del lavoro non era equamente distribuita tra i sessi.
La segregazione occupazionale basata sul genere fa sì che le donne siano sovrarappresentate nella forza lavoro sanitaria e sociale, dove sono spesso sottopagate e hanno un rischio maggiore di esposizione agli agenti patogeni COVID-19. Le donne sono anche sovrarappresentate nei settori della ristorazione e dell’alloggio, duramente colpiti dalla crisi del COVID-19. Lo studio ha analizzato i dati pubblicamente disponibili della Canadian Perspective Survey Series che includeva 1.753 uomini e 2.016 donne di età pari o superiore a 15 anni. I sintomi d’ansia sono stati valutati dalla scala standardizzata del disturbo d’ansia generalizzato-7 (GAD-7) che valuta sintomi come sentirsi nervosi, incapaci di controllare le preoccupazioni, avere difficoltà a rilassarsi e sentirsi facilmente infastiditi nelle ultime due settimane. Inoltre, questa ricerca identifica anche i fattori di rischio comuni di disturbi d’ansia per entrambi i sessi, compreso l’aumento dell’assunzione di alcol, cannabis e cibo spazzatura/dolci durante l’epidemia di COVID-19. Gli interventi di salute mentale devono essere sensibili al genere. Dovrebbero anche affrontare a monte i determinanti sociali della salute in questa emergenza sanitaria.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Generalized anxiety disorder during COVID-19 in Canada: Gender-specific association of COVID-19 misinformation exposure, precarious employment, and health behavior change” by Shen (Lamson) Lin. Journal of Affective Disorders

Immagine: Anxiety (Darko Birsa)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.