Legame tra povertà infantile e disturbi della salute mentale nell’età adulta

poverty |

Uno studio riportato a dicembre in un articolo su  European Child & Adolescent Psychiatry  mostra un’associazione tra povertà infantile e una maggiore propensione a sviluppare disturbi esternalizzanti durante l’adolescenza e la prima età adulta, soprattutto tra le ragazze. Secondo gli psichiatri, i disturbi esternalizzanti sono caratterizzati da scarso controllo degli impulsi, violazione delle regole, aggressività, impulsività, deficit di attenzione e iperattività, tra le altre forme di comportamento.
I ricercatori che hanno condotto lo studio hanno concluso che la povertà multidimensionale e l’esposizione a eventi della vita stressanti, inclusi decessi frequenti e conflitti familiari, erano fattori di rischio evitabili che dovrebbero essere affrontati durante l’infanzia al fine di ridurre l’impatto dei problemi di salute mentale nella vita adulta. L’analisi ha preso in considerazione, tra le altre variabili, l’educazione dei genitori, l’accesso ai servizi di base, le condizioni abitative e le infrastrutture familiari.
Per circa sette anni, 1.590 studenti iscritti alle scuole pubbliche di Porto Alegre e São Paulo (Brasile) sono stati valutati in tre fasi, l’ultima nel 2018-19. Gli studenti partecipano allo studio di coorte brasiliano ad alto rischio per i disturbi psichiatrici dell’infanzia (BHRC), un importante sondaggio basato sulla comunità che ha coinvolto 2.511 famiglie con bambini di età compresa tra 6 e 10 anni quando è iniziato nel 2010. Sembra sensato affermare che la povertà è correlata allo sviluppo futuro dei problemi di salute mentale, ma questa è la prima indagine mai condotta in Brasile per analizzare la salute mentale di bambini e giovani adulti sulla base di valutazioni psichiatriche effettuate in più di un’occasione. Hanno progettato lo studio in modo da poter raccogliere dati sulla salute mentale nell’adolescenza e nella prima età adulta.
I ricercatori hanno utilizzato la Development and Wellbeing Assessment (DAWBA), un pacchetto di interviste, questionari e tecniche di valutazione, per ottenere diagnosi psichiatriche nell’infanzia (9-10), nell’adolescenza (13-14) e nella prima età adulta (18-19). Si sono proposti di rilevare i disturbi interiorizzanti, come depressione e ansia, nonché i disturbi esternalizzanti, sebbene i primi non costituissero una proporzione significativa dei risultati complessivi. Hanno utilizzato un questionario specifico per valutare lo stato socio-economico delle famiglie, concludendo che l’11,4% del campione viveva in condizioni di povertà. La valutazione psichiatrica in tre fasi ha prodotto risultati coerenti grazie al tracciamento delle variazioni nel tempo. 
I bambini di famiglie povere presentavano livelli di disturbi esternalizzanti inferiori rispetto ai bambini non poveri nella prima fase, ma dopo alcuni anni la curva si è invertita e i disturbi sono aumentati costantemente tra i bambini poveri, con una probabilità del 63% di sviluppare disturbi, mentre sono diminuiti tra i bambini poveri i non poveri. La stratificazione per genere ha mostrato che la povertà infantile ha avuto conseguenze particolarmente negative per le donne. Questa scoperta è stata particolarmente sorprendente e può essere considerata una delle più significative. I disturbi esteriori sono generalmente più frequenti nei maschi. L’ipotesi è che i problemi di salute mentale abbiano meno probabilità di essere diagnosticati precocemente nelle ragazze povere, sia in famiglia che a scuola. Inoltre, tendono ad assumersi la responsabilità di più lavori domestici sin dalla tenera età, come prendersi cura dei fratelli più piccoli e dei familiari malati. Questo onere aggiuntivo li espone maggiormente a eventi della vita stressanti, aumentando la probabilità che sviluppino disturbi della salute mentale nell’età adulta.
I disturbi esternalizzanti sono stati particolarmente dannosi per le donne in termini di impatto sul livello di istruzione, portando a ripetizioni, abbandono scolastico e distorsione del grado di età, come dimostrato da uno studio del gruppo pubblicato di recente sulla rivista Epidemiology and Psychiatric Sciences. Utilizzando anche i dati del BHRC, lo studio ha concluso che almeno dieci ragazze su 100 di età superiore all’età appropriata per il loro grado scolastico avrebbero potuto accompagnare la loro fascia di età se i problemi di salute mentale, in particolare i disturbi esternalizzanti, fossero stati prevenuti o trattati. In caso di ripetizione del grado, cinque ragazze su 100 non sarebbero state bocciate. I bambini e i giovani adulti con disturbi esternalizzanti possono avere maggiori probabilità di rimanere indietro nell’apprendimento, nello sviluppo sociale e nel mercato del lavoro, aumentando la probabilità di povertà nella vita adulta successiva. In Brasile, le probabilità che i bambini ripetano il basso livello di istruzione dei genitori sono il doppio rispetto agli Stati Uniti, ad esempio, e ben al di sopra della media dei 38 paesi dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). Quasi sei brasiliani su dieci (58,3%) i cui genitori non hanno completato gli studi secondari hanno anche abbandonato la scuola. Negli Stati Uniti e nell’OCSE, la proporzione è rispettivamente del 29,2% e del 33,4%, secondo l’analisi della mobilità intergenerazionale dell’Institute for Mobility and Social Development (IMDS).
Nel mercato del lavoro, la probabilità che i bambini trovino un lavoro qualificato e ben retribuito aumenta di pari passo con il livello di istruzione dei genitori. Nel caso di genitori laureati, i loro figli hanno una probabilità 3,3 volte maggiore rispetto alla media di svolgere lavori altamente qualificati e quasi 9 volte di più rispetto ai figli di genitori con una scarsa scolarizzazione formale. A causa dell’impatto a lungo termine dei disturbi esternalizzanti sulla salute e sugli esiti sociali nella vita adulta, i risultati dei ricercatori rafforzano l’importanza degli interventi contro la povertà nella prima infanzia.
Quando si sottolinea la necessità di ridurre la povertà per ridurre la prevalenza dei disturbi di salute mentale, si pensa al problema in modo multidimensionale. Non ci sono soluzioni rapide. Le azioni immediate, come la rinuncia alle tasse scolastiche, il trasferimento di denaro e l’assistenza al reddito per le famiglie povere, sono importanti, ma è anche necessario pensare a misure più ampie che prevedano la promozione delle capacità socio-emotive, la riduzione dello stress, l’accesso all’istruzione e l’accesso ai servizi di salute mentale. La percentuale della popolazione che vive in povertà è cresciuta in modo allarmante durante la pandemia di COVID-19. Secondo un rapporto dell’UNICEF, 100 milioni di bambini in più nel mondo sono caduti in povertà multidimensionale, con un aumento del 10% dal 2019. Il rapporto afferma inoltre che nell’ottobre 2020 la pandemia aveva interrotto o interrotto i servizi critici di salute mentale nel 93% dei paesi e che oltre il 13% delle ragazze e dei ragazzi di età compresa tra 10 e 19 anni vive con un disturbo mentale diagnosticato. Anche nella migliore delle ipotesi saranno necessari dai sette agli otto anni per riprendersi e tornare ai livelli di povertà infantile pre-pandemia.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Childhood poverty and mental health disorders in early adulthood: evidence from a Brazilian cohort study” by Carolina Ziebold et al. European Child & Adolescent Psychiatry

Immagine: The Workhouse children (Victoria General)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.