I problemi di camminata lenta e di memoria possono prevedere il rischio di demenza

People Painting, Poster, Prints, Commissions, Fine Art - from original oil  painting by James Coates | Old man walking, Man illustration, Painting

Uno studio suggerisce che una combinazione di deambulazione lenta e difficoltà di memoria potrebbe essere associata al doppio del rischio di sviluppare demenza in età avanzata. Gli esperti hanno scoperto che anche le persone con rischio cognitivo motorio (MCR), una sindrome che coinvolge velocità di deambulazione lenta e difficoltà di memoria auto-riferite, sono maggiormente a rischio di deterioramento cognitivo e sperimentano tassi di mortalità più elevati.
Un gruppo di ricerca dell’Università di Edimburgo spera che i risultati portino a una valutazione di routine della velocità di deambulazione quando i pazienti vengono esaminati per i primi segni di demenza. I ricercatori hanno studiato i dati di quasi 50.000 persone di età pari o superiore a 60 anni con MCR in 15 studi. Un partecipante soddisfaceva i criteri per l’MCR se camminava significativamente più lentamente rispetto a persone di età e sesso simili e aveva notato problemi di memoria.
Gli esperti hanno scoperto che le persone con MCR avevano più del doppio delle probabilità di sviluppare demenza e avevano un rischio maggiore del 76% di deterioramento cognitivo (difficoltà a ricordare, concentrarsi o apprendere nuove informazioni) rispetto alle persone senza MCR. Il team ha anche scoperto che il rischio di mortalità per le persone con MCR era del 49% superiore rispetto a quelle senza di essa e il rischio di cadute era del 38% maggiore.
I ricercatori avvertono che, poiché si trattava di un raggruppamento di studi osservazionali, non è stato possibile stabilire se l’MCR causi questi risultati o sia semplicemente un fattore di rischio per essi. Ci sono circa 850.000 persone affette da demenza nel Regno Unito e si prevede che questa cifra salirà a 1,6 milioni entro il 2040. A livello globale, 50 milioni di persone convivono con la demenza, un numero che si prevede triplicherà nei prossimi 30 anni. La demenza mette a dura prova i pazienti e le famiglie e il costo totale dell’assistenza per le persone affette da questa condizione nel Regno Unito è di 34,7 miliardi di sterline all’anno.
È veloce, economico e facile controllare l’MCR. Aggiungerlo alla valutazione delle persone con problemi di memoria potrebbe essere un modo pratico per aiutare i medici a identificare i pazienti a rischio di sviluppare demenza, specialmente in contesti con accesso minimo o nullo agli attuali test utilizzati per diagnosticare la demenza. È importante sottolineare che questi risultati sono rimasti dopo aver preso in considerazione altri fattori come l’età e il livello di istruzione, nonché una storia passata di depressione, ictus o attacchi di cuore. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche prima che l’MCR sia pronto per l’uso in clinica.

Daniele Corbo

Bibliografia: The findings will appear in Alzheimer’s & Dementia

Immagine: Old Man Walking (J Coates)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.