I disturbi mentali possono aumentare il rischio di demenza

5th dementia Painting by Jeff Bowering | Saatchi Art

Secondo un nuovo studio, la prevenzione dei disturbi mentali nei giovani potrebbe ridurre o ritardare l’onere della demenza negli anziani. Investire in una buona assistenza sanitaria mentale per i giovani, compresi gli interventi basati sull’evidenza per i problemi di salute mentale, potrebbe aiutare a ridurre il carico delle malattie neurodegenerative, affermano i ricercatori dell’Università del Michigan, della Duke University e dell’Università di Auckland.
Il loro studio su 1,7 milioni di neozelandesi, di età compresa tra 21 e 60 anni al basale, è andato avanti per tre decenni (dal 1988 al 2018) per verificare se gli individui con disturbi mentali sono maggiormente a rischio di demenza successivamente. Gran parte della ricerca e del trattamento in geriatria si concentra sulle malattie fisiche e ignora la salute mentale. I ricercatori hanno scelto la Nuova Zelanda per la sua capacità di collegare cartelle cliniche e altri database amministrativi a livello di popolazione, cosa impossibile negli Stati Uniti. L’uso di follow-up a lungo termine delle cartelle cliniche e la capacità di stabilire che i disturbi mentali hanno preceduto la demenza distinguono questo studio dagli altri. Tra i risultati dello studio:

  • I disturbi mentali erano più fortemente associati alla demenza rispetto alle malattie fisiche croniche, un risultato che i ricercatori non si aspettavano.
  • L’associazione tra disturbi mentali e demenza non è stata spiegata da malattie fisiche croniche preesistenti o deprivazione socioeconomica.
  • La connessione tra problemi di salute mentale e demenza è stata osservata sia per gli uomini che per le donne, sia per le demenze ad esordio precoce che per quelle ad esordio tardivo, per diversi tipi di condizioni di salute mentale e per le demenze sia di Alzheimer che non di Alzheimer.

I disturbi mentali sono segni premonitori salienti per la successiva demenza. Le persone con disturbi mentali potrebbero essere incoraggiate a impegnarsi in comportamenti salutari per ridurre il rischio di demenza, ad esempio per aumentare la loro attività fisica, che finora è un modo promettente per aiutare potenzialmente a prevenire la demenza, affermano i ricercatori.
Il meccanismo dell’associazione non è chiaro, ma potrebbe coinvolgere diversi fattori. Ad esempio, una vulnerabilità cerebrale permanente può manifestarsi come problemi di salute mentale all’inizio della vita e demenza più avanti nella vita. Oppure i farmaci per i disturbi mentali (come gli antipsicotici) potrebbero aumentare il rischio di demenza. I ricercatori avvertono che la maggior parte delle persone con problemi di salute mentale non svilupperà la demenza. I problemi di salute mentale non sono una ‘sentenza’ che si traduce sempre in demenza.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Longitudinal Associations of Mental Disorders With Dementia” by Leah S. Richmond-Rakerd et al. JAMA Psychiatry

Immagine: 5th dementia (Jeff Bowering)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.