Con l’avanzare dell’età perdiamo davvero i filtri?

Molti di noi avranno sperimentato un’inaspettata onestà dalle persone anziane nelle nostre vite. Che sia la nonna a dirti che il tuo abbigliamento non è lusinghiero o il nonno che dice che non gli piace il pasto che hai preparato, spesso lo spieghiamo dicendoci “Oh, non preoccuparti nonno, hai perso i filtri”. Ma abbiamo davvero un “filtro” e lo perdiamo man mano che invecchiamo?

Cosa intendiamo quando diciamo “filtro”?

Quando qualcuno non ha “filtro”, significa che dice cose senza pensare al suo pubblico. Possono spifferare qualcosa di maleducato, inappropriato o scortese, senza considerare le probabili conseguenze. I “filtri” sono una parte importante delle nostre interazioni sociali quotidiane. Una breve chiacchierata del lunedì mattina con il tuo capo è più complessa di quanto possa sembrare. Ad esempio, potresti impedirti di dire ai colleghi che hanno un odore terribile dopo il giro in bicicletta mattutino in ufficio e che avrebbero dovuto fare la doccia prima della riunione. Potresti considerare di parlare loro dell’infezione fungina che hai scoperto sull’unghia del piede durante il fine settimana, ma decidi di non farlo. Ovviamente, ciò che fai o non dici dipende anche da quanto bene li conosci e da cosa è considerato socialmente accettabile nel tuo posto di lavoro. Il tuo “filtro” si basa su processi cognitivi come il controllo inibitorio, che ti impedisce di dire la prima cosa che ti viene in mente. Si basa anche sulla cognizione sociale, che si riferisce alla capacità di comprendere e prevedere i comportamenti, i pensieri e le intenzioni di altre persone. Questo ci aiuta a riconoscere quale comportamento è appropriato in un particolare contesto sociale e ad adattare il nostro comportamento in base a questo. La corteccia prefrontale, che si trova all’interno dei lobi frontali del nostro cervello, funge da nostro “filtro”, aiutandoci a dire e fare le cose in modo socialmente appropriato. Quando questa parte del cervello non funziona correttamente, potremmo agire come se avessimo perso il nostro “filtro”.

Cosa succede al nostro “filtro” quando invecchiamo?

Quando invecchiamo, il nostro cervello inizia a rimpicciolirsi. Questa è una parte normale del processo di invecchiamento noto come atrofia cerebrale. Colpisce quanto bene le nostre cellule cerebrali possono comunicare tra loro. È importante sottolineare che l’atrofia cerebrale non si verifica in tutte le aree del cervello contemporaneamente. È particolarmente evidente nei  lobi frontali. I ricercatori hanno collegato il restringimento legato all’età nei lobi frontali con il declino del  controllo inibitorio  e  della cognizione sociale . Gli studi hanno anche scoperto che gli anziani rispondono in modo diverso a  situazioni socialmente imbarazzanti  rispetto agli adulti più giovani. Ad esempio, gli anziani hanno più difficoltà a riconoscere quando qualcuno ha detto qualcosa di imbarazzante o  privo di tatto e mostrano una comprensione più scarsa del  sarcasmo. Quindi, quando invecchiamo, i normali processi di invecchiamento nel nostro cervello possono rendere molto più facile che le cose sfuggano ai nostri “filtri”.

E se si trattasse di qualcosa di più di un paio di errori?

In alcuni rari casi, perdere il “filtro” può essere segno di qualcosa di più grave, come un danno ai lobi frontali dovuto a una lesione cerebrale o a un ictus, o una condizione neurodegenerativa come  la demenza frontotemporale. Le persone con demenza frontotemporale presentano notevoli cambiamenti nella loro personalità e comportamento sociale. Ciò potrebbe comportare la perdita delle normali inibizioni, il disprezzo delle convenzioni sociali e altri comportamenti socialmente inappropriati o imbarazzanti. Tuttavia, questi cambiamenti sono completamente fuori carattere e sono tipicamente accompagnati da altri sintomi come rigidità, perdita di empatia, apatia, difficoltà di ragionamento e giudizio, eccesso di cibo o preferenze alimentari insolite e calo della cura di sé e dell’igiene personale.

Quali altre cose potrebbero essere in gioco?

A parte i cambiamenti nel cervello che hanno un impatto sul controllo inibitorio e sulla cognizione sociale, potrebbe semplicemente essere che quando invecchiamo, ci preoccupiamo meno di ciò che pensano gli altri. Rispetto agli adulti più giovani, gli anziani sono  meno imbarazzati, riportando meno esperienze di emozioni come vergogna, senso di colpa e imbarazzo. Hanno anche livelli complessivi più elevati di  felicità e soddisfazione nella vita . Forse impariamo a lasciar andare i nostri “filtri” e ad abbracciare l’imbarazzo sociale man mano che invecchiamo. Forse al nonno non piaceva davvero la tua cucina e si sente abbastanza sicuro da dirtelo. Quindi, cosa significa questo per quelli di noi che sembrano perdere il nostro “filtro”? Sulla base di ciò che sappiamo sul cervello e sull’invecchiamento, spifferare un’osservazione senza pensare non è necessariamente qualcosa di cui allarmarsi. E se sei sul lato ricevente, cerca di non prenderlo troppo sul personale. Se queste osservazioni sembrano fuori carattere o estreme, tuttavia, considera di parlarne con altri membri della famiglia o con un medico.

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation

Immagine: smile (Thananchai Thongnunui)

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. auacollage ha detto:

    Non credo che perdiamo i filtri, penso che ci liberiamo del superfluo.

    "Mi piace"

    1. Se viene fatto un buon lavoro su se stessi, si

      Piace a 1 persona

      1. auacollage ha detto:

        Eh, certo!

        "Mi piace"

  2. Le perle di R. ha detto:

    Mi preoccuperei più dei giovani che non hanno filtri oggi, sia nella parola che nel resto 🤐
    A parte ciò, è davvero illuminante questo articolo: complimenti come sempre 😉

    "Mi piace"

    1. Grazie Rita. Hai ragione, però mentre negli anziani il problema è legato all’invecchiamento cerebrale, nei giovani è un problema di tipo psicologico, che se da un lato è più complesso, dall’altro è potenzialmente risolvibile.

      Piace a 1 persona

Rispondi a auacollage Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.