Gli uomini pensano di essere più brillanti di quello che sono e le donne sottovalutano il loro QI. Come mai?

Quando viene chiesto di stimare la propria intelligenza, la maggior parte delle persone dirà di essere  al di sopra della media, anche se questa è un’improbabilità statistica. Questo è un pregiudizio cognitivo normale e salutare e si estende a qualsiasi tratto socialmente desiderabile come l’onestà, la capacità di guida e così via . Questo modello è così comune che è noto come ” l’effetto sopra la media “. In uno  studio recente, i ricercatori hanno esplorato in che modo uomini e donne stimassero costantemente la propria intelligenza o QI (quoziente di intelligenza). Hanno anche valutato le misure dell’autostima generale e dei tratti della personalità maschile e femminile.Hanno scoperto che i predittori più forti della sopravvalutazione del QI erano il sesso biologico e poi il genere psicologico. Nascere maschio e avere forti tratti maschili (sia uomini che donne) era associato a un’immagine di sé intellettuale gonfiata.

L’arroganza maschile, l’umiltà femminile

Nonostante la tendenza generale delle persone a sopravvalutare la propria intelligenza, gli individui variano. Alcuni dubitano delle loro capacità intellettuali mentre altri sopravvalutano notevolmente i loro talenti. In generale, però, quando viene chiesto loro di stimare il proprio QI, gli uomini pensano di essere significativamente più brillanti, mentre le stime delle donne sono molto più modeste. Questi risultati sono coerenti con quelli di altri studi, che hannop definito questo effetto l’arroganza maschile, il problema dell’umiltà femminile . È vero per molte culture. Perché gli uomini si considerano molto più brillanti, mentre le donne sottovalutano costantemente la loro intelligenza?

Non ci sono differenze di genere nel QI effettivo

I ricercatori di psicologia e intelligenza sono inequivocabili: uomini e donne non differiscono nel QI effettivo. Non esiste un “sesso più intelligente”. Tuttavia, è stato solo con lo sviluppo di misure oggettive di valutazione dell’intelligenza che questa nozione è stata invalidata. Storicamente, si credeva che le donne fossero intellettualmente inferiori poiché avevano teschi leggermente più piccoli. Per la stessa logica, l’intelligenza di un elefante dovrebbe far impallidire la nostra! Più grande non è necessariamente migliore quando si tratta di dimensioni del cervello. Nel secolo scorso,  gli stereotipi di genere sono cambiati notevolmente . Oggi, quando viene chiesto esplicitamente, la maggior parte delle persone concorderà che uomini e donne sono ugualmente intelligenti. L’approvazione palese degli stereotipi di genere sull’intelligenza è rara nella maggior parte dei paesi. Ma c’è una bella differenza nelle credenze implicite sul genere e sull’intelletto. L’approvazione segreta e indiretta può ancora essere ampiamente vista. In un  classico studio di psicologia sociale , i ricercatori hanno chiesto ai genitori di stimare l’intelligenza dei loro figli. I figli sono stati valutati significativamente più intelligenti delle figlie. Questa scoperta è stata replicata in tutto il mondo. Le aspettative dei genitori possono essere particolarmente importanti nell’influenzare l’immagine intellettuale di sé dei loro figli e sono anche predittive del successivo rendimento scolastico. Anche le differenze di genere nell’autostima  potrebbero essere un fattore importante, poiché le persone con una maggiore autostima tendono a vedere tutti gli aspetti della loro vita (comprese le capacità intellettuali) in modo più positivo. Le ragazze e le donne valutano la loro autostima generale significativamente inferiore rispetto a ragazzi e uomini. Questa differenza emerge all’inizio dell’adolescenza.

Cosa ha scoperto il nuovo studio?

Nel  nuovo studio , hanno chiesto ai partecipanti di stimare il loro QI dopo averli informati su come viene valutata l’intelligenza. Il punteggio medio è di 100 punti. Hanno mostrato ai partecipanti che due terzi (66%) delle persone ottengono un punteggio compreso tra 85 e 115 punti per fornire loro un quadro di riferimento per le stime. La differenza di questo studio è che hanno detto ai partecipanti che avrebbero completato un test del QI dopo aver stimato il proprio QI. Ciò aiuterebbe a contrastare false vantazioni e stime gonfiate e consentirebbe di testare l’accuratezza delle autostima maschili e femminili. I partecipanti hanno anche completato una misura dell’autostima generale e il  Bem Sex-Role Inventory , che misura i tratti della personalità maschile e femminile. Avevano un’ipotesi che il genere psicologico (in particolare la mascolinità) sarebbe stato un predittore di autostima migliore rispetto al sesso biologico (maschio o femmina alla nascita). Il campione ha riportato un punteggio QI medio di 107,55 punti. Questo era leggermente al di sopra della media, come previsto. In primo luogo, hanno esaminato l’accuratezza dei loro giudizi, poiché una possibilità potrebbe semplicemente essere che un genere (maschi o femmine) avesse stime delle capacità completamente irrealistiche. Osservando le linee che tracciano il QI autostimato rispetto al QI effettivo, è possibile vedere che uomini e donne nel campione erano abbastanza coerenti nella loro accuratezza. La differenza era che i punteggi maschili (in blu) erano più spesso sopravvalutati (sopra la linea) e i punteggi delle femmine (in verde) erano più spesso sottostimati (sotto la linea). Dopo aver controllato statisticamente gli effetti del QI misurato effettivo, hanno quindi esaminato i più forti predittori dell’intelligenza autostimata. I risultati hanno mostrato che il sesso biologico è rimasto il fattore più forte: i maschi hanno valutato la loro intelligenza come superiore rispetto alle femmine. Tuttavia, anche il genere psicologico era un predittore molto forte, con soggetti altamente maschili che valutavano la loro intelligenza più alta (importante, non c’era associazione con la femminilità). C’è stato anche un forte contributo dell’autostima generale all’immagine di sé intellettuale dei partecipanti. Come notato sopra, i maschi riferiscono una maggiore autostima rispetto alle femmine.

Perché tutto questo è importante?

Gli psicologi dell’educazione prestano attenzione all’immagine di sé intellettuale perché spesso è una profezia che si autoavvera: se pensi di non poterlo fare, non lo farai. Quando le ragazze sottovalutano la loro intelligenza a scuola, tendono a scegliere contenuti del corso meno impegnativi, specialmente in scienze, tecnologia, ingegneria e matematica (le materie STEM). Queste decisioni limitano le loro scelte di istruzione e carriera dopo la scuola. Queste differenze di genere possono in parte spiegare il divario di genere nei salari e nel potere contrattuale con i datori di lavoro. Bisogna elevare le aspirazioni delle ragazze se vogliono continuare a risolvere i complessi problemi che la nostra società deve affrontare, ottenendo nel contempo la parità di retribuzione. Inizia presto con le aspettative di intelligenza di genere dei genitori e le differenze nell’autostima tra ragazzi e ragazze. Non sarebbe bello se, come genitori, educatori e società, potessimo costruire la fiducia delle ragazze e delle giovani donne a un livello in cui credono in se stesse e sono libere da quei dubbi?

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation

Immagine: A MAN AND A WOMAN SEATED (Alexander Zouro)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. quasibiancaneve ha detto:

    Me lo sono sempre chiesta anch’io…

    "Mi piace"

    1. Sicuramente è uno studio che risponde a domande interessanti.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.