Le attività artistiche possono migliorare l’autocontrollo e ridurre il comportamento antisociale tra gli adolescenti

Gli adolescenti che prendono parte ad attività artistiche e culturali, come danza, teatro, lettura e andare ai concerti, hanno meno probabilità di assumere comportamenti antisociali e criminali fino a due anni dopo, secondo un nuovo studio dell’UCL (University College London) e ricercatori dell’Università della Florida.
Per lo studio peer-reviewed, pubblicato sul  Journal of Youth and Adolescence  ( JOYO ), i ricercatori hanno esaminato i dati di oltre 25.000 adolescenti negli Stati Uniti che avevano compilato questionari per diversi anni. Hanno misurato il coinvolgimento complessivo degli adolescenti nelle attività artistiche in base a un’ampia gamma di fattori, dal coinvolgimento nei club scolastici, nelle orchestre, nei cori e nelle lezioni di arte al di fuori della scuola, al fatto che avessero visitato musei o partecipato a concerti o letto da soli.
Hanno scoperto che più di queste attività erano coinvolti gli adolescenti, meno era probabile che riferissero di essere coinvolti in comportamenti antisociali, che andavano dal comportamento scorretto a scuola, alle risse, a comportamenti criminalizzati come il furto e la vendita di droghe, entrambi a il momento della prima indagine e quando uno e due anni dopo fu chiesto loro nuovamente dei comportamenti antisociali. Il team ha anche scoperto che gli adolescenti e i giovani più impegnati nelle arti avevano probabilmente punteggi di autocontrollo migliori e vedevano negativamente il comportamento antisociale. 
In precedenza è stato riscontrato che questi risultati rendono i giovani meno propensi a impegnarsi in comportamenti antisociali e criminalizzati. La ricerca è stata condotta nell’ambito dell’EpiArts Lab, un National Endowment for the Arts Research Lab. Ricerche passate hanno dimostrato che essere coinvolti nelle arti può avere un grande impatto sulla salute mentale e sul benessere degli adolescenti. Questo studio aggiunge prove sui benefici ad ampio raggio che le arti e la cultura possono avere per i giovani, dimostrando un legame positivo tra le arti e una minore prevalenza di comportamenti antisociali. In particolare questi risultati sono rimasti, anche tenendo conto di fattori come l’età, il sesso, l’etnia, il background socio-economico dei bambini, il background educativo dei genitori, il luogo in cui vivevano e i loro precedenti modelli di comportamenti antisociali.
La definizione nello studio di impegno artistico e culturale era molto ampia. Comprendeva ballare e recitare nei club scolastici, leggere, andare al cinema, musei, concerti e lezioni di musica, nonché altri hobby a cui gli adolescenti prendevano regolarmente parte. Trovare modi per ridurre i comportamenti antisociali tra gli adolescenti è importante perché questi comportamenti possono consolidarsi e continuare nell’età adulta, influenzando l’intera vita di qualcuno. Questi risultati dimostrano l’importanza di rendere disponibili le attività artistiche e culturali per tutti i giovani, in particolare sulla scia della pandemia di COVID-19, che ha un accesso limitato e finanziamenti per queste risorse.
I ricercatori hanno esaminato i dati di due studi longitudinali con sede negli Stati Uniti, il National Longitudinal Study of Adolescent to Adult Health e il National Education Longitudinal Study del 1988, i cui partecipanti erano rappresentativi a livello nazionale. Il gruppo di ricerca ha analizzato i questionari compilati dagli adolescenti e dai loro genitori tra il 1988 e il 2002. L’età media dei partecipanti all’inizio di questi studi era compresa tra 14 e 15 anni. In una delle coorti, circa la metà degli adolescenti ha riferito di aver intrapreso comportamenti antisociali e criminalizzati negli ultimi 12 mesi. Il numero medio di volte in cui i partecipanti si sono impegnati in questi comportamenti nel corso dell’anno è stato 1,6.
Sebbene i ricercatori abbiano scoperto che l’impegno artistico fosse legato a un minor numero di percezioni positive del comportamento antisociale e a migliori punteggi di autocontrollo, non sono riusciti a concludere che questi fattori fossero causalmente responsabili dell’associazione tra impegno artistico e comportamento antisociale poiché lo studio era osservativo. Tuttavia, nel considerare i meccanismi attraverso i quali le arti potrebbero ridurre il comportamento antisociale, i ricercatori hanno citato studi precedenti che mostravano miglioramenti dall’impegno artistico tra cui una maggiore empatia, un comportamento più prosociale, una riduzione della noia e una migliore autostima, nonché una migliore regolazione delle emozioni.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Arts and Cultural Engagement, Reportedly Antisocial or Criminalized Behaviors, and Potential Mediators in Two Longitudinal Cohorts of Adolescents” by Jessica K. Bone et al. Journal of Youth and Adolescence 

Immagine: time of adolescence (Cristina Bernazzani)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. fulvialuna1 ha detto:

    nelle scuole bisognerebbe puntare sulle attività, ma sappiamo perfettamente che invece alla prima difficoltà sono le prime ad essere soppresse.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.