Gli psicopatici possono provare emozioni e possono essere curati

Ogni giorno, milioni di persone si siedono sui loro divani per guardare i loro programmi polizieschi preferiti. Che si tratti di “FBI” , “Dexter”, “Mindhunter”, “Killing Eve” ,”Law & Order” o una miriade di altri programmi e film simili, attirano un pubblico enorme con i loro vividi ritratti di cattivi i cui comportamenti sono incredibilmente crudeli. Oggettivamente i ritratti di quei personaggi, seppur spesso molto poco realistici, risultano affascinanti.
Uno dei tipi di personaggi più comuni nella TV poliziesca è lo psicopatico: la persona che commette omicidi brutali, agisce in modo sconsiderato e siede gelido di fronte alle forze dell’ordine. Sebbene gli spettacoli siano ovviamente finzione, le loro trame sono diventate pietre di paragone culturali familiari. La gente guarda l’agente Hotchner in “Criminal Minds” etichettare qualsiasi personaggio che è inquietantemente violento come “qualcuno con psicopatia”. Sentono che il dottor Huang in “Law & Order: SVU” si riferisce a un giovane delinquente che ha ferito una ragazza come “un’adolescente con psicopatia” che secondo lui è incapace di rispondere a qualsiasi tipo di trattamento. Tali rappresentazioni lasciano agli spettatori l’impressione che gli individui con psicopatia siano incontrollabilmente malvagi, incapaci di provare emozioni e incorreggibili. Ma ricerche approfondite dimostrano che le concezioni sensazionalistiche della psicopatia utilizzate per guidare quelle narrazioni sono controproducenti e semplicemente sbagliate.
La psicopatia è classificata dagli psicologi come un disturbo della personalità definito da una combinazione di fascino, emozioni superficiali, assenza di rimpianti o rimorsi, impulsività e criminalità. Circa l’1% della popolazione generale soddisfa i criteri diagnostici della psicopatia, una prevalenza circa il doppio di quella della schizofrenia. Le cause esatte della psicopatia non sono state identificate, ma la maggior parte degli studiosi conclude che, come per le altre patologie psichiatriche, sia la genetica che l’ambiente sono fattori che contribuiscono. La psicopatia impone un costo elevato agli individui e alla società nel suo insieme. Le persone con psicopatia commettono complessivamente due o tre volte più crimini di altre che si comportano in modo antisociale e rappresentano circa il 25% della popolazione incarcerata. Commettono anche nuovi crimini dopo essere stati rilasciati dall’incarcerazione o dalla supervisione a un  tasso molto più elevato  rispetto ad altri tipi di delinquenti. I ricercatori hanno scoperto che le persone con psicopatia tendono a  iniziare a usare sostanze  in età precoce e provano più tipi di sostanze rispetto ad altre. Ci sono anche alcune prove che le persone con psicopatia tendono  a non rispondere bene  alle strategie terapeutiche convenzionali. La realtà è significativamente più sfumata e incoraggiante delle cupe narrazioni dei media. Contrariamente alla maggior parte delle rappresentazioni, la psicopatia non è sinonimo di violenza. È vero che gli individui con psicopatia hanno maggiori probabilità di commettere crimini violenti rispetto agli individui senza il disturbo, ma il comportamento violento non è un requisito per una diagnosi di psicopatia. Alcuni  ricercatori  sostengono che i tratti chiave della psicopatia sono presenti negli individui che non mostrano comportamenti violenti ma che tendono a comportamenti impulsivi e rischiosi, traggono vantaggio dagli altri e mostrano poca preoccupazione per le conseguenze delle loro azioni. Questi tratti possono essere osservati in politici, amministratori delegati e finanzieri.

Cosa dice la scienza sulla psicopatia

Molti programmi polizieschi, così come molte notizie di attualità, associano la psicopatia a una mancanza di emozioni, in particolare di paura o rimorso. Sia che un personaggio stia in piedi con calma su un corpo senza vita o che dia il classico “sguardo psicopatico”, gli spettatori sono abituati a vedere le persone con psicopatia come quasi robotiche. La convinzione che le persone con psicopatia siano prive di emozioni è diffusa non solo tra i profani ma anche tra gli psicologi. C’è un elemento di verità qui:  ricerche considerevoli  hanno scoperto che gli individui con psicopatia mostrano una ridotta capacità di elaborare le emozioni e di riconoscere le emozioni degli altri. Ma nuovi studi stanno trovando prove che le persone con psicopatia possono effettivamente identificare e provare emozioni nelle giuste circostanze. I ricercatori stanno conducendo esperimenti che rivelano una complessa relazione tra psicopatia ed emozioni.
In uno  studio , hanno esaminato la presunta mancanza di paura degli individui con psicopatia utilizzando un semplice test di laboratorio. Hanno mostrato a un gruppo di partecipanti la lettera “n” e le caselle colorate su uno schermo. Vedere una scatola rossa significava che un partecipante poteva ricevere una scossa elettrica; le scatole verdi significavano che non l’avrebbero fatto. Il colore della scatola segnalava quindi una minaccia. In breve, gli shock non sono stati dannosi, solo leggermente scomodi, e questo studio è stato approvato da appropriati comitati di revisione per la protezione dei soggetti umani. In alcune prove, hanno chiesto al partecipante di dire il colore della scatola (costringendolo a concentrarsi sulla minaccia). In altre prove, hanno chiesto al partecipante di raccontare il caso della lettera (costringendolo a concentrarsi sulla non minaccia), sebbene la scatola fosse ancora esposta.
Hanno potuto vedere che gli individui con psicopatia mostravano risposte di paura basate sulle loro  reazioni fisiologiche  e  cerebrali  quando dovevano concentrarsi sulla minaccia di shock. Tuttavia, hanno mostrato un deficit nelle risposte alla paura quando hanno dovuto raccontare il caso della lettera e la scatola era secondaria a quel compito. Evidentemente, gli individui con psicopatia sono in grado di provare emozioni; hanno solo una risposta emotiva smussata quando la loro attenzione è diretta verso qualcos’altro.
Questa è una versione estrema del tipo di elaborazione che tutti noi facciamo. Nel processo decisionale di routine, raramente ci concentriamo esplicitamente sull’emozione. Piuttosto, utilizziamo le informazioni emotive come dettaglio di sfondo che informa le nostre decisioni. L’implicazione è che gli individui con psicopatia hanno una sorta di miopia mentale: le emozioni ci sono, ma vengono ignorate se potrebbero interferire con il raggiungimento di un obiettivo.
La ricerca ha scoperto ulteriori prove che gli individui con psicopatia sono in grado di provare ed etichettare le emozioni nel contesto  dell’osservazione di  scene  o  volti emotivi, del  dolore  degli  altri e  di esperienze di rimpianto. Anche in questo caso, gli individui con psicopatia sono in grado di elaborare le emozioni quando si concentrano sull’emozione, ma mostrano deficit quando l’emozione è difficile da rilevare o è secondaria al loro obiettivo.
Molti  studi  hanno dimostrato che gli individui con psicopatia sono bravi nell’usare le informazioni e nel regolare il loro comportamento se è direttamente rilevante per il loro obiettivo; per esempio, possono comportarsi in modo affascinante e ignorare le emozioni per truffare qualcuno. Ma quando le informazioni sono al di là del loro focus immediato di attenzione, spesso mostrano comportamenti impulsivi (come lasciare un lavoro senza averne uno nuovo) e un processo decisionale egregio (come cercare pubblicità per un crimine mentre sono ricercati dalla polizia). Hanno difficoltà a elaborare le emozioni, ma a differenza dei personaggi comuni in televisione, non sono intrinsecamente a sangue freddo. L’immagine dell’assassino senza paura attinge a una concezione scientifica obsoleta della psicopatia. Invece, sembra che le persone con psicopatia possano accedere alle emozioni: le informazioni emotive vengono semplicemente soffocate dall’attenzione agli obiettivi.

Tutti possono cambiare

Uno degli errori più dannosi sulla psicopatia – nella narrativa, nei notiziari e in parte della vecchia letteratura scientifica – è che è una condizione permanente e immutabile. Questa idea rafforza l’avvincente tropo del bene contro il male, ma l’ultima ricerca racconta una storia completamente diversa. I tratti della psicopatia diminuiscono naturalmente nel tempo per molti giovani, a partire dalla tarda adolescenza fino all’età adulta. Psicologi della Florida International University hanno monitorato più di 1.000 individui  dall’infanzia all’età adulta, misurando ripetutamente i loro tratti di psicopatia. Sebbene un piccolo gruppo mostrasse livelli costantemente elevati di tratti psicopatici, più della metà dei ragazzi che inizialmente avevano livelli elevati di quei tratti tendevano al ribasso nel tempo e non li presentavano più più avanti nell’adolescenza.
Con un intervento adeguato, le prospettive di miglioramento migliorano. Si sta scoprendo che  i giovani con tratti di psicopatia  e gli adulti con psicopatia possono cambiare e rispondere a trattamenti su misura per le loro esigenze. Diversi studi hanno documentato l’efficacia di  trattamenti specifici  progettati per aiutare i giovani a imparare a identificare e rispondere alle emozioni. Gli interventi genitoriali che si concentrano sul miglioramento del calore emotivo del caregiver e sull’aiutare i giovani a identificare le emozioni sembrano ridurre i sintomi e il comportamento problematico.
In una serie di esperimenti, hanno studiato i videogiochi progettati per  allenare il cervello  di individui con psicopatia, aiutandoli a migliorare il modo in cui integrano le informazioni. Ad esempio, mostrano un volto a un gruppo di partecipanti e li istruiscono a rispondere in base all’emozione che vedono e alla direzione in cui guardano gli occhi, insegnando loro a integrare tutte le caratteristiche del viso. Oppure giocano ad un gioco in cui viene mostrato ai partecipanti una serie di carte e viene verificato se possono cogliere quando vengono cambiate le regole, scambiando quella vincente o quella perdente. Ai partecipanti non viene detto quando avverrà il cambiamento, quindi devono imparare a prestare attenzione ai sottili cambiamenti contestuali mentre procedono.
I dati preliminari mostrano che attività di laboratorio come queste possono cambiare il cervello e il comportamento nel mondo reale delle persone con psicopatia. Tali studi aprono la possibilità di ridurre il danno sociale e personale causato dalla psicopatia. La società dovrebbe ritirare i miti secondo cui gli individui con psicopatia sono fondamentalmente violenti, privi di emozioni e incapaci di cambiare. Il comportamento degli individui con psicopatia è affascinante, tanto che non ha bisogno di essere abbellito per creare trame drammatiche. Si dovrebbe lavorare di più per aiutare le persone con psicopatia in modo che possano notare più informazioni nel loro ambiente e utilizzare maggiormente la loro esperienza emotiva. La cultura pop può aiutare piuttosto che ostacolare questi obiettivi.

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation

Immagine: Joker (Гарик Куба)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.