Asma e Tumori Cerebrali

Non c’è molto da dire sull’asma, una malattia respiratoria in cui le vie aeree si restringono e si infiammano. Ma c’è questo: le persone con asma sembrano avere meno probabilità di sviluppare tumori al cervello rispetto ad altre. E ora, i ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis credono di aver scoperto il perché. Dipende dal comportamento dei linfociti T, un tipo di cellula immunitaria. 
Quando una persona, o un topo, sviluppa l’asma, i suoi linfociti T si attivano. In un nuovo studio sui topi, i ricercatori hanno scoperto che l’asma fa sì che i linfociti T si comportino in un modo che induce l’infiammazione polmonare ma impedisce la crescita di tumori cerebrali. Le cattive notizie per le vie aeree possono essere buone notizie per il cervello. I risultati, disponibili online su  Nature Communications , suggeriscono che la riprogrammazione delle cellule T nei pazienti con tumore al cervello per agire più come le cellule T nei pazienti con asma potrebbe essere un nuovo approccio al trattamento dei tumori cerebrali. Naturalmente, non i medici non inizieranno a indurre l’asma in nessuno; l’asma può essere una malattia letale.
Ma cosa accadrebbe se si potessero indurre i linfociti T a pensare che siano linfociti T dell’asma quando entrano nel cervello, in modo che non supportino più la formazione e la crescita del tumore al cervello? Questi risultati aprono la porta a nuovi tipi di terapie che prendono di mira le cellule T e le loro interazioni con le cellule del cervello. L’idea che le persone con malattie infiammatorie, come l’asma o l’eczema, siano meno inclini a sviluppare tumori cerebrali è stata proposta per la prima volta più di 15 anni fa, sulla base di osservazioni epidemiologiche. Ma non c’era una ragione ovvia per cui i due tipi molto diversi di malattie sarebbero stati collegati e alcuni scienziati si sono chiesti se l’associazione fosse reale. Il gruppo di ricerca è esperto di neurofibromatosi (NF), un insieme di malattie genetiche complesse che causano la crescita di tumori sui nervi del cervello e in tutto il corpo. I bambini con NF di tipo 1 (NF1) possono sviluppare un tipo di tumore al cervello noto come glioma della via ottica. Questi tumori crescono all’interno dei nervi ottici, che trasportano messaggi tra gli occhi e il cervello. I ricercatori hanno notato un’associazione inversa tra asma e tumori cerebrali tra i suoi pazienti più di cinque anni fa, ma non sapevano cosa farne.
È stato solo quando studi più recenti hanno iniziato a rivelare il ruolo cruciale che le cellule immunitarie svolgono nello sviluppo dei gliomi della via ottica che hanno iniziato a chiedersi se le cellule immunitarie potessero spiegare l’associazione tra asma e tumori cerebrali. Il gruppo di ricerca ha studiato topi geneticamente modificati per portare una mutazione nei loro  geni NF1  e formare gliomi della via ottica entro i 3 mesi di età. Ha esposto gruppi di topi a sostanze irritanti che inducono l’asma all’età di 4 settimane a 6 settimane e ha trattato un gruppo di controllo con acqua salata per confronto. Quindi, ha controllato la presenza di gliomi della via ottica a 3 mesi e 6 mesi di età. I topi con asma non hanno formato questi tumori cerebrali. Ulteriori esperimenti hanno rivelato che l’induzione dell’asma nei topi inclini al tumore cambia il comportamento dei loro linfociti T. Dopo che i topi hanno sviluppato l’asma, i loro linfociti T hanno iniziato a secernere una proteina chiamata decorina che è ben nota ai ricercatori sull’asma.
Nelle vie aeree, la decorina è un problema in quanto agisce sui tessuti che rivestono le vie aeree ed esacerba i sintomi dell’asma, ma nel cervello è benefica. Lì, la proteina agisce sulle cellule immunitarie note come microglia e blocca la loro attivazione interferendo con la via di attivazione di NFkappaB. La microglia attivata promuove la crescita e lo sviluppo dei tumori cerebrali. Il trattamento con decorina o estere fenetilico dell’acido caffeico (CAPE), un composto che inibisce la via di attivazione di NFkappaB, ha protetto i topi con  mutazioni di NF1  dallo sviluppo di gliomi della via ottica. I risultati suggeriscono che il blocco dell’attivazione della microglia può essere un approccio terapeutico potenzialmente utile per i tumori cerebrali.
La parte più eccitante di questo è che mostra che esiste una normale comunicazione tra le cellule T nel corpo e le cellule nel cervello che supportano la formazione e la crescita del glioma della via ottica. Il prossimo passo sarà vedere se questo vale anche per altri tipi di tumori cerebrali. Man mano che comprenderanno meglio questa comunicazione tra le cellule T e le cellule che promuovono i tumori cerebrali, sarà possibile trovare più opportunità per sviluppare terapie intelligenti per intervenire nel processo.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Asthma reduces glioma formation by T cell decorin-mediated inhibition of microglia” by Jit Chatterjee et al. Nature Communications

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    🤞In bocca al lupo a tutti i ricercatori e a tutti i pazienti che potranno avere un barlume di speranza attraverso la ricerca

    "Mi piace"

    1. Si Rita, speriamo bene. Grazie.

      Piace a 1 persona

Rispondi a Daniele Corbo (Orme Svelate) Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.