Nuove idee sul pianto dei bambini

Quando il mio bambino smetterà di piangere così tanto?
Se sei un nuovo genitore che, in uno stato di privazione del sonno più o meno, cerca su Google questa domanda, allora la risposta potrebbe rassicurarti. Molti dei risultati della ricerca di Google ti rimanderanno a un vecchio studio che conclude che il pianto dei bambini normalmente raggiunge il picco intorno alle sei settimane, dopodiché diminuisce notevolmente e si stabilizza a un livello basso dopo tre mesi. Tipicamente indicata come “curva del pianto”, i genitori potrebbero aspettarsi che i loro bambini piangano radicalmente meno dopo il picco iniziale. Tuttavia, un nuovo studio dalla Danimarca sfida questo modello di “curva del pianto”, mettendo in comune i dati dei genitori in 17 diversi paesi. 
Hanno creato due modelli matematici che rappresentano ragionevolmente i dati disponibili. Nessuno dei due mostra che la durata del pianto diminuisce in modo così marcato dopo cinque settimane, come si vede altrimenti nei grafici presentati ai genitori. I dati disponibili mostrano che il pianto è ancora una parte significativa del repertorio di molti bambini dopo sei mesi. I ricercatori dietro lo studio hanno raccolto i dati di 57 articoli di ricerca provenienti da tutto il mondo, in cui i genitori hanno registrato quanto piangono i loro bambini ogni giorno.
Lo schema normale del pianto, la “curva del pianto” a cui oggi vengono spesso chiamati i genitori, si basa su uno studio americano del 1962, che si concentra solo sulle prime dodici settimane di vita di un bambino. È un grafico che viene spesso presentato ai nuovi genitori. Se cerchi su Google “bambino che piange”, vedrai molte immagini di questo particolare grafico. Pertanto, hanno pensato che sarebbe stato interessante modellare tutti i dati disponibili per vedere quale tipo di pattern rappresenta meglio i dati e verificare se questo è coerente con la “curva del pianto” originale.

Strumento importante per i medici

Il pianto è una delle prime forme di comunicazione utilizzate dai bambini per attirare l’attenzione dei genitori. Lo sviluppo cognitivo ed emotivo del bambino viene stimolato quando i genitori reagiscono in modo appropriato ai segnali del bambino. I neogenitori spesso cercano aiuto dal sistema sanitario se sono preoccupati che il loro bambino pianga troppo. È quindi importante che sia gli operatori sanitari che i genitori abbiano una comprensione corretta e precisa dei normali schemi di pianto dei bambini. Per i medici in particolare, è importante perché il loro compito è aiutare, sostenere e conciliare le aspettative di eventuali genitori preoccupati. È importante che i medici dispongano di dati aggiornati su ciò che è normale per il pianto dei bambini, in modo che possano supportare al meglio i nuovi genitori. 
Quando i genitori ritengono che il loro bambino pianga eccessivamente, ciò può essere associato a conseguenze negative sia per il genitore che per il bambino. Una definizione ampiamente utilizzata per pianto eccessivo, o coliche, è quando un bambino piange per più di 3 ore al giorno, più di 3 giorni in una settimana. Nelle prime 6 settimane dopo la nascita, si stima che le coliche colpiscano tra il 17 e il 25% dei bambini. I ricercatori dell’Università di Aarhus hanno elaborato due nuovi modelli per il pattern del pianto infantile. Uno di questi mostra picchi di pianto del bambino dopo quattro settimane. L’altro mostra che i bambini piangono molto e a un livello stabile durante le prime settimane, dopodiché il livello diminuisce.
Tuttavia, nessuno dei due modelli indica un forte calo, come altrimenti sembra essere il caso del “modello di pianto originale”. Un’altra scoperta degna di nota nello studio è come ci siano diversi schemi di pianto tra i bambini, sia all’interno che al di fuori dei confini nazionali. A titolo di esempio, i limitati dati disponibili indicano che i bambini di paesi non occidentali come India, Messico e Corea del Sud piangono meno dei bambini di paesi di lingua inglese come Stati Uniti, Gran Bretagna e Canada.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Crying in the first 12 months of life: A systematic review and meta-analysis of cross-country parent-reported data and modeling of the “cry curve”” by Christine Parsons et al. Child Development

Immagine: crying child (zaya zaya)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.