“Immobilità cognitiva” – Quando sei mentalmente intrappolato in un luogo del tuo passato

Se ti sei trasferito da un paese all’altro, potresti aver lasciato qualcosa alle spalle, che si tratti di una relazione, di una casa, di un senso di sicurezza o di appartenenza. Per questo motivo, ricostruirai continuamente simulazioni mentali di scene, odori, suoni e viste da quei luoghi, a volte causando sentimenti di stress e ansia. Questo descrive quella che è soprannominata “immobilità cognitiva”, delineata nel nuovo articolo di ricerca, pubblicato su Culture & Psychology. Lo studio ha utilizzato l’autoetnografia, un metodo di ricerca in cui l’autore è anche oggetto di indagine.
L’immobilità cognitiva è un intrappolamento mentale stressante che porta a uno sforzo conscio o inconscio di ricreare incidenti passati in uno o più luoghi in cui si è vissuti o visitati in passato. In questo modo, speriamo di recuperare ciò che è mancante o lasciato indietro. Quando le persone non possono rimanere in luoghi a causa di condizioni al di fuori del loro controllo, come una guerra, una famiglia o impegni di lavoro, i loro corpi possono spostarsi fisicamente in un nuovo mondo, mentre le loro menti rimangono indietro, intrappolate nel luogo precedente. Pertanto, queste persone potrebbero essere descritte come “cognitivamente immobilizzate”. Durante questo periodo, tali individui possono cercare consolazione attraverso la ricostruzione di eventi o il movimento fisico nei luoghi da cui sono migrati o da cui sono partiti. Questo può essere correlato alla nostalgia di casa, ma in realtà è diverso. La nostalgia di casa è una sensazione di nostalgia per una casa precedente, mentre l’immobilità cognitiva è una meccanica cognitiva che lavora sulla nostra attenzione e memoria per intrappolarci mentalmente in un luogo, che si tratti di una casa precedente o solo di un luogo che abbiamo visitato. La nostra memoria cosciente (costituita da memorie semantiche ed episodiche) ci permette di ricordare non solo ciò che è accaduto in passato, ma anche la conoscenza di base delle cose che ci circondano. In particolare, la memoria episodica ci aiuta a ricordare o ricostruire eventi che abbiamo vissuto o eventi che sarebbero potuti accadere in passato ma non è successo.
In effetti, la ricerca mostra che ricordare la memoria è un processo di immaginazione: spesso ricreiamo eventi passati in un modo che non è necessariamente accurato , ma piuttosto influenzato dalle nostre convinzioni attuali e dallo stato emotivo. Questo può rendere il nostro passato ancora migliore di prima. Probabilmente è un’esperienza molto comune per le persone che migrano. In uno studio non correlato sugli studenti siriani fuggiti in Turchia, uno di loro ha dichiarato: “Sono ancora in Siria. La mia anima è lì. Ho sempre ricordi dei miei cugini morti. Questo influisce sul mio modo di abituarmi qui. Quei giorni non torneranno mai più”. Un altro studente siriano ha detto: “Ho lasciato la mia patria, la mia nazione, i miei parenti, tutto in Siria. Ero fisicamente qui, ma spiritualmente lì”.
Entrambi gli studenti soffrono chiaramente di immobilità cognitiva. A causa dell’immobilità cognitiva, alcune persone che si sono trasferite dalle loro case in nuovi luoghi desiderano continuamente visitare le loro vecchie case. Ma l’immobilità cognitiva si applica ancora: quando visitano la loro vecchia casa, desiderano immediatamente tornare nella loro nuova patria. Quindi, secondo la ricerca, una persona che è emigrata può avere una “mente da senzatetto” mentre vive una situazione in cui nessuna casa è veramente una casa; anche la casa precedente – la casa ancestrale – ha perso i suoi tratti distintivi e il suo fascino nel mondo reale. È facile capire perché. In definitiva, non c’è luogo senza sé e non c’è sé senza luogo. Pertanto, chi siamo è fortemente influenzato dai luoghi in cui viviamo o andiamo e dove desideriamo essere nel presente e nel futuro.
Le implicazioni sono gravi. Ad esempio, potrebbe portare a problemi di integrazione in un nuovo posto e di fare nuove amicizie, rendendoci potenzialmente ancora più intrappolati nel passato poiché non abbiamo un presente coinvolgente che ci distragga. Essere costantemente bloccati nel passato potrebbe anche intralciare il modo di pensare al futuro.
Questo può avere effetti a catena sul nostro benessere: dobbiamo concentrarci sul passato e sul presente e sul futuro per sentirci bene. Secondo la ricerca, ci sono tre fasi dell’immobilità cognitiva. La prima consiste nel diventare consapevoli dello stress e dell’ansia causati dall’abbandono del luogo in cui la mente è intrappolata. Durante questa fase, la maggior parte dei migranti sperimenta molta incertezza, che ostacola i loro sforzi in molti aspetti della loro vita, incluso il reinsediamento, l’acquisizione di nuove abilità come la lingua e il fare nuove conoscenze.
La seconda fase prevede sforzi deliberati per recuperare l’oggetto perduto o abbandonato, creando più tensione rispetto alla prima fase. Qui, la persona potrebbe impegnarsi in attività come viaggiare nella loro terra ancestrale, ricostruire i propri ricordi e rileggere il luogo perduto. Sebbene le visite fisiche ai siti possano alleviare lo stress, questa potrebbe essere una soluzione temporanea.
L’ultima fase consiste in sforzi deliberati per mantenere i valori e cercare obiettivi che allevieranno la perdita. Questo approccio potrebbe consistere nell’utilizzare manufatti per simboleggiare la casa perduta, come l’arte o le immagini.
È stato anche affermato che i migranti potrebbero “creare nuove case”, ma anche rappresentare i loro ricordi e aspirazioni, ad esempio facendo amicizia con persone che provengono dallo stesso luogo o hanno la stessa religione. Questo è in effetti un modo per ridurre in definitiva l’ansia. Per ora, è evidente che l’immobilità cognitiva non ha una cura perfetta. Ma la psicologia offre alcune soluzioni che possono rivelarsi utili, anche se devono ancora essere studiate nel contesto dell’immobilità cognitiva.
Ad esempio, ci sono interventi psicologici che possono aiutarci a bilanciare la nostra concentrazione mentale sul passato, presente e futuro. Per evitare di rimanere bloccati nel passato e concentrarci maggiormente sul presente, possiamo scrivere qualcosa per cui siamo grati ogni giorno. E per concentrarci maggiormente sul futuro, potremmo immaginare il nostro “miglior sé possibile” tra cinque anni: ha funzionato per molte persone durante il blocco del COVID.

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation

Immagine: In prison (Vladimir Fufachev)

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. luisa zambrotta ha detto:

    Un articolo davvero chiaro e avvincente.
    Sono contenta di poterti leggere

    "Mi piace"

    1. Grazie cara Luisa. Ed io sono contento dei tuoi commenti..

      Piace a 1 persona

      1. luisa zambrotta ha detto:

        😘😘😘

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.