Bere da soli prefigura futuri problemi di alcol

Un nuovo studio della Carnegie Mellon University ha scoperto che bere da soli durante l’adolescenza e la giovane età adulta aumenta notevolmente il rischio di disturbo da consumo di alcol (AUD) più avanti nella vita. Questo rischio è particolarmente alto per le donne.
I risultati sono disponibili nel numero di luglio della rivista  Drug and Alcohol Dependence. La maggior parte dei giovani che bevono lo fanno con gli altri in contesti sociali, ma una consistente minoranza di giovani beve da sola. Il consumo di alcol in solitaria è un fattore di rischio unico e robusto per il futuro disturbo da consumo di alcol. Anche dopo aver tenuto conto di noti fattori di rischio, come il binge drinking, la frequenza del consumo di alcol, lo stato socioeconomico e il genere, vedono un forte segnale che il bere da solo da giovane predice i problemi di alcol nell’età adulta.
Il consumo eccessivo di alcol è un onere mondiale, che contribuisce a 3 milioni di decessi in tutto il mondo ogni anno. I medici spesso vagliano i giovani per il consumo rischioso di alcol, ma le loro domande si sono concentrate sulla frequenza e sulla quantità di alcol consumato. Il contesto sociale in cui i giovani bevono sia un indicatore critico ma spesso trascurato del futuro abuso di alcol. I ricercatori hanno lavorato presso l’Università del Michigan per analizzare i dati dello studio Monitoring the Future, uno studio epidemiologico in corso sul consumo di droghe e alcol tra i giovani americani seguito fino all’età adulta.
Circa 4.500 adolescenti (18 anni) hanno risposto a sondaggi chiedendo informazioni sui loro modelli di consumo di alcol e se hanno consumato alcol da soli. Questi partecipanti sono stati quindi seguiti per 17 anni, fornendo informazioni sul loro consumo di alcol e sul consumo di alcolici da soli in giovane età adulta (età 23/24) e segnalando sintomi di AUD in età adulta (età 35). I risultati hanno mostrato che gli adolescenti e i giovani adulti che hanno riferito di bere da soli erano maggiormente a rischio di sviluppare sintomi di AUD in età adulta rispetto ai loro coetanei che bevevano solo in contesti sociali. 
Il team ha controllato una serie di fattori di rischio precoci ben consolidati per problemi di alcol, come il binge drinking e il bere frequente. Hanno scoperto che le probabilità di avere sintomi di AUD all’età di 35 anni erano del 35% più alte per gli adolescenti che bevevano da soli e del 60% più alte per i giovani adulti che bevevano da soli, rispetto ai bevitori solo sociali. Le femmine adolescenti che bevevano da sole sembravano essere particolarmente a rischio di sviluppare futuri problemi di alcol nell’età adulta. Circa il 25% degli adolescenti e il 40% dei giovani adulti hanno riferito di bere da soli. 
Questi risultati suggeriscono che interventi mirati possono essere utili per educare e informare questi gruppi, in particolare le giovani donne, dei rischi del consumo di alcol in solitaria per prevenire lo sviluppo di AUD in futuro. Un lavoro precedente dello stesso gruppo di ricerca ha dimostrato che i giovani bevono da soli per far fronte alle emozioni negative, che è un modello di consumo di alcol che è stato costantemente collegato allo sviluppo di problemi di alcol. La pandemia ha aumentato il consumo di alcolici solitari tra i giovani. Con l’aumento simultaneo della depressione e dell’ansia legate alla pandemia, potremmo benissimo vedere un aumento dei problemi di alcol tra i giovani.

Daniele Corbo

Bibliografia: The findings will appear in Drug and Alcohol Dependence

Immagine: Reserva singular (Dennis Esteves)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.