Gli esperti possono determinare chi potrebbe essere un assassino di massa?

Dopo le sparatorie di massa, le persone cercano naturalmente delle risposte. Si vuole anche trovare la causa principale.
Un argomento che si pone spesso è la malattia mentale. Le persone e i politici sollevano domande sulle “bandiere rosse” o sui segnali di avvertimento che una persona potrebbe commettere un atto violento e se qualcuno potrebbe essere intervenuto per fermare un assassino di massa. Gli psichiatri rispondono ad alcune domande su malattie mentali, omicidi di massa e se è possibile prevenire orribili sparatorie.

1. Una persona che commette un omicidio di massa è malata di mente?

Non necessariamente. In psichiatria non ci sono criteri diagnostici per un assassino di massa, un terrorista o una persona violenta. Ci sono condizioni psichiatriche che possono includere rabbia, aggressività, impulsività, violenza o mancanza di rimorso o empatia tra i loro sintomi. Ma non  c’è una malattia  che si possa riscontrare in tutti gli assassini di massa, o negli assassini in generale. In cima all’elenco delle condizioni che possono portare ad atti violenti ci sono l’uso di sostanze e i disturbi di personalità, in particolare il disturbo di personalità antisociale. Questa condizione, comunemente nota come “psicopatia” tra il pubblico, comporta mancanza di rispetto per le norme sociali e la legge; inganno; impulsività; aggressione; mancanza di responsabilità; e rimorso. È molto diffuso tra la  popolazione criminale e carceraria e meno spesso trattata nella clinica psichiatrica. Questo perché nessuno va in clinica chiedendo di rimediare alla loro “mancanza di coscienziosità. Un’altra condizione è quando una persona psicotica ha deliri paranoici o persecutori con la convinzione che gli altri siano lì per farle del male. Queste condizioni  sono rare.
In generale, la maggior parte delle condizioni psichiatriche che colpiscono quasi un quarto della popolazione, come depressione, ansia, fobie, disturbo post-traumatico da stress, disturbo ossessivo compulsivo, strapparsi i capelli, ecc., non aumentano il rischio di violenza  verso gli altri . Solo una  piccola percentuale di atti violenti  viene commessa da malati di mente e il comportamento violento non deve necessariamente derivare da una malattia mentale. Mettere un’etichetta su qualcosa può essere utile solo quando si può essere in grado di curarlo, o quando dimostra che la persona non è responsabile dell’atto dovuto alla malattia. Inoltre, potrebbe sempre esserci una coincidenza: una persona che commette atti violenti potrebbe avere la depressione e anche lui o lei potrebbe avere l’eczema. Ma la correlazione non sarebbe necessariamente causale.

2. Qual è la differenza tra estremismo e malattia mentale?

In generale, una malattia mentale è una condizione diagnosticabile che cambia in modo significativo le emozioni, il pensiero o il comportamento di una persona e che porta a disfunzioni o angoscia. Ce ne sono più di 200 elencate nel  manuale diagnostico  della psichiatria. La professione non ha diagnosi psichiatriche per estremismo o terrorismo. La persona che commette un crimine è un valore anomalo dalla società in termini di comportamento. Le persone che sono eccessivamente suggestionabili, isolate e arrabbiate, in base alle loro circostanze sociali e ambientali possono essere attratte da ideologie pericolose o unirsi a un gruppo criminale o a una setta. Ciò non li qualifica per una diagnosi di malattia mentale. La natura tribale degli umani nel contesto sbagliato, specialmente quando i circuiti della paura nel cervello di una persona vengono dirottati dai capigruppo, fa si che le persone possano essere manipolate per atti atroci al servizio dell’ideologia della tribù.

3. Ci sono comportamenti “bandiera rossa” che possono indicare un rischio?

Sì. In generale, le azioni precedenti di una persona sono grandi predittori delle sue azioni future: molto spesso, la storia della violenza predice la violenza futura. Tuttavia, si può fare col senno di poi. Spesso sentiamo retrospettivamente che le persone ricordano cosa c’era di sbagliato in una persona che ha commesso un terribile crimine, mentre altri non avrebbero mai potuto pensare che “una persona così gentile” avrebbe fatto quello che ha fatto. Ma in generale, la storia di violenza o abuso, l’uso di sostanze e la storia di autolesionismo sarebbero tra i segnali di bandiera rossa che la persona  potrebbe agire violentemente  nei confronti degli altri o di se stessa. Si potrebbe anche aggiungere una storia di delusioni paranoiche o persecutorie. La buona notizia è che, per impedire a una persona violenta di accedere alle armi da fuoco, non c’è bisogno di una diagnosi accertata di una malattia mentale. La stessa storia della violenza irragionevole è sufficiente. Queste misure potrebbero non impedire alcune sparatorie di massa, ma possono aiutare con molti omicidi e morti per suicidio.

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation

Immagine: Freddy (Arty Jesse)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Un argomento delicato da affrontare ed anche difficile nella ricerca delle risposte

    "Mi piace"

    1. Si, merita tanta attenzione e sensibilità.

      Piace a 1 persona

Rispondi a Daniele Corbo (Orme Svelate) Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.