Anche i bambini soffrono di stress durante le vacanze

Le vacanze possono essere momenti magici per i bambini, ma possono provocare stress, che può manifestarsi in modi diversi rispetto agli adulti.
Perché le vacanze potrebbero essere stressanti per i bambini?

I bambini sono estremamente sensibili ai cambiamenti ambientali. Durante le festività natalizie, le cose cambiano nell’ambiente e i bambini sono spesso esposti ai genitori che potrebbero essere stressati per gli obblighi finanziari, rattristati dall’assenza di persone care o sopraffatti da numerosi impegni. Il modo in cui questi adulti rispondono emotivamente al loro stress, nel bene o nel male, modella l’espressione e la gestione emotiva per i bambini che li circondano. Durante le vacanze, anche le famiglie modificano la loro tipica routine quotidiana. Le modifiche all’ora dei pasti tipica di un bambino, le opzioni per i pasti, come il fast food rispetto ai pasti preparati a casa, e l’ora di andare a letto possono portare a cambiamenti significativi nell’umore e nel comportamento.

Come possono gli adulti capire che un bambino si sente sopraffatto o stressato?

In generale, qualsiasi cambiamento improvviso rispetto al comportamento tipico del bambino richiede un’attenzione aggiuntiva e possibilmente una conversazione. Se un genitore nota cambiamenti nel ritmo del sonno, nelle abitudini alimentari, nell’umore o nelle interazioni sociali del bambino, dovrebbe informarsi su questi cambiamenti improvvisi e rivolgersi a un professionista se necessario. Bisogna tenere presente che molti bambini lottano con il linguaggio emotivo e dal punto di vista dello sviluppo potrebbero non essere in una fase in cui sono in grado di condividere la loro esperienza emotiva. In questi casi, i bambini possono invece presentare problemi fisici che non sono collegati a una condizione medica. È normale che i bambini che stanno vivendo lo stress riferiscano cose come mal di stomaco, mal di schiena o mal di testa.

In che modo gli adulti possono sostenere i bambini quando si sentono stressati?

  • Modellare l’espressione emotiva e il coping . I genitori sono i primi insegnanti di un bambino e sono in una posizione unica per insegnargli e istruirlo nei momenti difficili. Il genitore può lavorare per aumentare il vocabolario emotivo del bambino utilizzando etichette emotive per le proprie esperienze e offrendo etichette al bambino quando non è sicuro di ciò che sta provando. Può anche normalizzare l’idea che tutti dobbiamo lavorare per mantenere il benessere discutendo i propri bisogni, come il riposo, e invitando il bambino ad affrontare attività con loro, come fare una passeggiata, ascoltare musica o scrivere un diario. Ciò ridurrà anche lo stigma associato alla discussione delle emozioni e alla ricerca di supporto.
  • Mantenere le routine che funzionano . Le routine che funzionano per il bambino e la famiglia dovrebbero essere mantenute perché supportano il senso di padronanza e sicurezza del bambino. Tuttavia, se le routine in atto causano uno stress eccessivo, possono essere ripensate per supportare meglio le esigenze attuali delle famiglie.
  • Evita di programmare troppo . Per gli adulti è difficile gestire lo stress e l’esaurimento che derivano dall’overbooking, e lo stesso vale per i bambini. I genitori possono sostenere i bambini che sono sopraffatti costruendo il tempo per riposare e stabilendo limiti più solidi intorno al loro tempo dicendo “no”.
  • Incoraggiare l’attività. Può essere allettante permettere ai bambini di esagerare con l’elettronica come la televisione e i giochi, specialmente durante i mesi invernali. Tuttavia, rimanere fisicamente attivi non è solo ottimo per la salute fisica di un bambino, ma è anche un ottimo strumento per gestire lo stress e rilasciare la tensione nel corpo.

Qual è il modo migliore per parlare ai bambini dello stress senza stressarli?

  • Condividi le tue osservazioni e chiedi informazioni. Sostieni un bambino che sta lottando per gestire il proprio stress condividendo le tue osservazioni e qualsiasi segno evidente di angoscia. Questo fa sapere al bambino che sei impegnato, preoccupato e disposto ad aiutare.
  • Normalizzare e convalidare le emozioni. Normalizzare e convalidare l’esperienza emotiva del bambino. Ciò è particolarmente utile perché ti offre un’altra opportunità per ridurre lo stigma associato al desiderio e al bisogno di ulteriore aiuto. Questa strategia è importante perché può potenzialmente aumentare il supporto e le risorse disponibili per il bambino.
  • Aiutali praticando la risoluzione dei problemi. Chiedi al bambino di riflettere sui fattori di stress precedenti e su cosa è stato utile per affrontarli. Incoraggia il bambino a identificare soluzioni aggiuntive.
  • Aiutali invitandoli a scegliere una tecnica di coping, quindi offriti di farlo insieme.  Incoraggiare il bambino a selezionare una strategia di coping aumenta l’impegno, l’autonomia e l’autoefficacia. Questo ti dà anche l’opportunità di fornire ulteriore supporto.

Gli ultimi due suggerimenti forniranno ai genitori l’opportunità di costruire la resilienza del bambino e le capacità di risoluzione dei problemi.

Daniele Corbo

Bibliografia: Rutgers University

Immagine: create with AI by ormesvelate

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Credo possano essere ottimi consigli anche per molti adulti…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.